I grandi della terra insieme con Expo contro la fame nel mondo

Pubblicato il 28 marzo 2015 da redazione

EXPO_WEBSITE_UN

FIRENZE. – Una grande piattaforma dalla quale lanciare un messaggio, questa volta concreto, per la lotta alla fame nel mondo, perché sono troppe oltre 800 milioni di persone malnutrite e affamate. Da Expo 2015, al di là delle grandi e belle strutture, delle polemiche sui ritardi, dei convegni e degli appuntamenti per i turisti che arriveranno a Milano e più in generale in Italia, deve partire questa nuova sfida, come l’ha definita il Segretario Generale dell’Onu Ban Ki-Moon, “una chiamata a tutto il mondo per combattere la fame”. Un tema risuonato nelle giornate delle idee celebrate a Firenze per Expo. Del resto ‘Nutrire il pianeta, energia della vita’ non può restare solo il titolo della prossima esposizione universale. “Ognuno può fare la sua parte – ha detto ancora Ban Ki Moon in un videomessaggio -: tutti possiamo farcela insieme”. Senza dimenticare, ha spiegato Aung San Suu Kyi, l’attivista birmana premio Nobel per la Pace, il problema della fame legato alle guerre: “Non saremo mai in grado di nutrire i nostri popoli adeguatamente dove c’è un conflitto”. “Il cibo è fra le principali preoccupazioni per chi è in guerra”, ha aggiunto il premio Nobel, richiamando pure il tema dell’educazione e della discriminazione di genere. In certe popolazioni è ancora dominante l’idea “che il maschio debba essere più istruito, nutrito, curato”. E allora ecco spiegato l’impegno di ‘women for Expo’ rilanciato da Emma Bonino, che punta a un impegno delle donne e per le donne su queste tematiche. Una lotta, quella per il cibo, accanto al diritto all’acqua e all’energia, che obbliga tutti gli Stati, Italia in testa, a un impegno maggiore per la ricerca in agricoltura come ha detto Romano Prodi, per il quale sugli Ogm bisogna però usare ogni precauzione. E’ importante quindi che la Carta di Milano, l’eredità che Expo 2015 lascerà alle Nazioni Unite, al mondo intero, dove si ribadirà che “il mancato accesso a cibo, acqua e energia è una violazione della dignità umana” e che “il diritto al cibo deve essere un diritto umano fondamentale”, avrà pure una versione ‘junior’ dedicata ai bambini, agli adolescenti, che potranno firmarla dopo un percorso educativo. E’ a loro, ha ricordato il ministro per le Politiche Agricole Maurizio Martina, che ha lanciato l’idea, che il futuro prossimo, chiederà di non ignorare, anche se ricchi, chi soffre la fame. Perchè nessuno può “più tollerare le diseguaglianze” ha chiosato il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini salita sul palco del Salone dei 500 con un gruppo di studenti, “i protagonisti di domani”. L’Italia potrebbe dare il buon esempio e inserire “il diritto al cibo” nella Costituzione, un’ide lanciata dal ministro per le Riforme Mara Elena Boschi, ripreso dal suo collega all’Ambiente Gianluca Galletti e dallo stesso Martina. Una buona idea alla quale dobbiamo però far accompagnare anche “il cibo in bocca alla gente” ha concluso Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant’Egidio, ed ex ministro alla cooperazione.
(di Domenico Mugnaini/ANSA)

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora