Ex presidenti denunciano “alterazione democratica” in Venezuela

aznar_17dic2014

MONTEVIDEO. – Un gruppo di 19 ex presidenti latinoamericani di centro destra, capitanati dall’ex premier spagnolo José Maria Aznar, ha annunciato che presenterà una dichiarazione alla vigilia del Vertice delle Americhe, in programma a Panama il prossimo 10-11 aprile, per denunciare “l’alterazione democratica” in Venezuela e lanciare un appello per la “costruzione di una alternativa alla grave crisi” che vive questo paese. La dichiarazione è stata firmata tra l’altro da Felipe Calderón e Vicente Fox (Messico); Andrés Pastrana, Alvaro Uribe e Belisario Bentacur (Colombia), Sebastian Piñera (Cile); Alejandro Toledo (Perù), Eduardo Duhalde (Argentina), Jorge Quiroga (Bolivia) e Luis Alberto Lacalle (Uruguay). Nel documento si esige “la liberazione dei prigionieri politici e il ripristino delle condizioni necessarie per l’esercizio dei diritti fondamentali” in Venezuela, in nome dell'”urgente ed ineludibile necessità di appoggiare il popolo venezuelano” che subisce gli effetti di “un’alterazione democratica, che si sta aggravando nel campo sociale ed economico”.