F1 Cina: Vettel sfida la Mercedes: “Ci dobbiamo confermare”

Malaysia Formula One Grand Prix

ROMA. – La Ferrari è forte in tutte le condizioni e può confermarsi anche sul circuito di Shanghai, in Cina, dove non farà così caldo come in Malesia. Ne sono convinti i piloti del team di Maranello che, pur non scordando la grande forza della Mercedes, ripongono estrema fiducia nelle performance della loro SF15-T.

“Lo scopo adesso – avverte Sebastian Vettel – è di confermare i fatti. In Australia eravamo abbastanza vicini ai migliori della classe e in grado di lottare con la Williams, in Malesia naturalmente ci siamo avvicinati ancora, mettendoci nella condizione di vincere, ma in generale dobbiamo accertarci di essere i primi dietro alla Mercedes e di rimanere davanti a squadre forti come Williams e Red Bull per tutta la stagione. L’obiettivo è quello di ridurre via via il divario dalla Mercedes”.

Nonostante la vittoria in Malesia Vettel non cambia il modo di affrontare il resto della stagione. “Credo – ha detto il quattro volte campione del mondo – che siamo realistici sulle nostre capacità e su quello che vogliamo ottenere. Gli obiettivi non sono cambiati. Vincere a Sepang è stato un grande risultato di squadra, ma per le prossime gare il nostro approccio non cambia. Dobbiamo confermare di essere forti nel complesso, di avere una buona macchina e di poter stare davanti agli avversari a cui siamo stati davanti per un paio di gare, sapendo però che la Mercedes è davvero forte”.

Sicuro che la Ferrari dirà la sua anche in Cina anche Kimi Raikkonen: “Ovviamente occorrerà puntare ad un fine settimana senza problemi, ma sono certo che potremmo far bene. Anche se questa pista è diversa dalle altre, finora la SF15-T è andata bene in tutte le condizioni e non vedo perché qui debba andare diversamente. Certamente fa più freddo e il tracciato è impegnativo, ma disporre di una buona macchina aiuta. Domani vedremo, non mi aspetto grandi sorprese”.

Sarà possibile sfidare la Mercedes anche a temperature più basse e con su un circuito che mette alla prova le gomme posteriori? “Ogni circuito fa storia a sé – ha detto il finlandese – Si possono trovare condizioni meteorologiche variabili e di conseguenza una vettura può comportarsi meglio su un tracciato rispetto ad un altro. In generale – sintetizza Raikkonen – penso che possiamo essere piuttosto forti ovunque, perché abbiamo la velocità, ma dobbiamo sbarazzarci di tutti i problemi, anche quelli che non dipendono da noi come le forature”.

Sicuro, invece, di non aver rimpianti per aver lasciato la Ferrari è Fernando Alonso che ha assicurato che chiuderà la sua carriera in McLaren: “Con la Ferrari sono arrivato secondo nel Mondiale tre volte e non avevo molta voglia di arrivare secondo una quarta volta – punge lo spagnolo – Forse, se vincono il Mondiale alla fine di quest’anno, avrò un parere diverso. Ma se arriveranno secondi o terzi allora sarò felice della mia decisione”.

Condividi: