Successo dei Btp Italia. Risparmi per 5 miliardi

++ Bankitalia: Visco, statuto riafferma indipendenza ++
ROMA. – Paga poco ma il Btp Italia continua a piacere ai risparmiatori. E, al tempo stesso, genera un ciclo ‘virtuoso’ per gli interessi sul debito italiano con risparmi nell’ordine di 5 miliardi. In soli due giorni, l’ottava edizione del titolo indicizzato all’inflazione nazionale che offre un tasso minimo garantito di appena lo 0,5%, ha già registrato sottoscrizioni per 4,852 miliardi di euro. Tanto che il Tesoro ha deciso la chiusura anticipata, alle 14 di domani, del collocamento riservato agli investitori retail.

E’ ormai vicino, infatti, l’obiettivo degli oltre 100 miliardi di euro che Via XX settembre conta di totalizzare sommando i 94 miliardi incassati con le sette emissioni precedenti. Chiusa domani la finestra riservata ai privati, il giorno successivo sarà la volta degli investitori istituzionali da cui dovrebbero arrivare sottoscrizioni per almeno altri 3 miliardi.

Maria Cannata, direttore del Debito pubblico del ministero dell’Economia, parla di “reazione positiva” e si dice “molto soddisfatta” tenuto conto del basso livello di rendimento offerto. E proprio grazie a questo trend di domanda sostenuta sui titoli Stato e rendimenti bassi “guadagniamo circa 5 miliardi quest’anno”, spiega Cannata in una intervista a Class Cnbc, “come stimato nel Def rispetto a quello che prevedevamo solo sei mesi fa”.

Ma ammette poi Cannata: “avevamo molti dubbi su quale potesse essere reazione del risparmiatore, specialmente retail” sia per l’allungamento della durata da 6 a 8 anni sia per la cedola “indubbiamente bassa” rispetto alle emissioni precedenti. Ma in tempi di crisi, tra deflazione e tassi al tappeto, per il piccolo risparmiatore l’opzione vincente è quella dell’investimento ‘sicuro’ come quello garantito dal Btp Italia.

Così, dopo i 3,4 miliardi di ordini di ieri, oggi le richieste per il Btp Italia – offerto per la prima volta sulla scadenza a otto anni, la più lunga della serie finora proposta dal Tesoro – hanno raggiunto 1,474 miliardi battendo il risultato ottenuto nell’ultima emissione di ottobre scorso. Allora fu offerto il Btp Italia su una scadenza a 6 anni e per il solo comparto retail le sottoscrizioni superarono di poco i 4,5 miliardi (poi l’emissione si chiuse a 7,5 miliardi con la tornata degli investitori istituzionali).