Lo sfogo di Letta: “Da premier non eletto ero a disagio”

Pubblicato il 22 aprile 2015 da redazione

letta_renzi_campanella

ROMA. – Dall’Italicum a Triton, dal Jobs act allo ‘storytelling’ di Matteo Renzi. Enrico Letta, l’ex presidente del Consiglio scalzato da palazzo Chigi dal premier di oggi, si toglie qualche sassolino dalla scarpa dopo il lungo silenzio che si era imposto all’indomani dall’ormai storico benservito #Lettastaisereno. L’ex inquilino di palazzo Chigi torna a far parlare, e a parlare, di sè con un ritrovato slancio da qualche giorno. Da quando cioè ha rotto gli indugi e annunciato di volersi dimettere da parlamentare per tornare a “vivere del suo lavoro” andando a dirigere la scuola di affari internazionali dell’università di Parigi.

E ora, in vista dell’uscita del suo nuovo libro, dismessi i panni da deputato del Pd e dopo aver precisato di avere un vero e proprio astio per una concezione della politica alla ‘House of cards’, non lesina critiche alla nuova premiership renziana. E a quello che definisce un racconto dagli effetti del “metadone”.

“Io – dice intervistato da Giovanni Minoli – cerco di dare un contributo perché non sia un tempo in cui la percezione conta più della realtà”. Anche della sua esperienza a palazzo Chigi ne parla in un modo in cui non può sfuggire il riferimento ad una parallela critica generalmente rivolta al premier attuale.

“Come presidente non eletto mi sono sentito a disagio. Il mio governo è nato perché non c’erano alternative alle larghe intese. Bisogna ricordarsi le condizioni”. Letta non si tira indietro anche nel momento in cui gli si chiede un giudizio sulla riforma elettorale che sta dividendo il suo partito. “Penso che una legge elettorale approvata a maggioranza stretta in Italia ce n’è stata solo una: il Porcellum. E’ stata un disastro”, dice, precisando di non sapere ancora se voterà l’Italicum nel caso in cui dovesse essere ancora in Parlamento: “Bisogna vedere come sarà”. E comunque pensa “che non si voterà in autunno. Questa legislatura andrà alla sua scadenza naturale” perché i tempi li dettano le riforme costituzionali e “se si votasse solo l’Italicum e poi si andasse a votare sarebbe una sconfitta per tutti”.

Poi ‘boccia’ il Jobs act definito un “passo avanti” ma non sufficiente sul fronte delle tutele e critica la ricerca di una soluzione militare per affrontare l’emergenza immigrazione: “Spero che domani il Consiglio Europeo approvi qualche cosa di importante e che si faccia una specie di Mare Nostrum europeo”. Un concetto che ribadisce in altre interviste concesse a Les Echos e al Finacial Times e in cui inserisce anche un riferimento a Romano Prodi: “Per la questione sulla Libia sarebbe stato non male se l’Ue avesse nominato uno come lui”. Circostanza che non verrà sottovalutata da quei commentatori che già vedono nel ticket Letta-Prodi la piattaforma attorno alla quale potrebbe aggregarsi un fronte anti-renziano. E che leggendo tra le righe del libro di Letta, potrebbero anche individuare le parole chiave di un ‘manifesto’ anti-Leopolda, in cui “governare non è comandare”.

“In politica serve l’autorevolezza dei comportamenti e del pensiero di chi non imbocca la scorciatoia del ‘lo vuole la gente'”. Oppure: “Ogni giorno che passa mi sembra che nell’attuale sistema, ad esser premiati, siano il conformismo, la fedeltà, l’adesione più o meno manifesta al nuovo corso”. Per finire con una citazione di Kafka: “C’è un solo peccato capitale: l’impazienza. Per esso l’uomo è stato cacciato dal paradiso ed è per questo che non ci torna”.

(di Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

10:48Auto: Profeta va all’assalto della Ronde di Sperlonga

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tradizionale impegno di fine anno per il pilota palermitano Alessio Profeta che, nel prossimo week-end, sarà al via della 9/a Ronde di Sperlonga (Lt). Il ventunenne portacolori della scuderia Island motorsport sarà al volante della Peugeot 208 in configurazione R5, coadiuvato dalla conterranea Jessica Miuccio. L'affiatato equipaggio isolano, già sfortunato protagonista nella Ronde di Gioiosa Marea (Me) di pochi giorni addietro (archiviata anzitempo per l'afflosciamento della gomma anteriore sinistra, dovuto a un brusco 'atterraggio' subito dopo un salto quasi a fine tracciato), punterà a un piazzamento di rilievo, pur consapevole di doversi confrontare con alcuni tra i migliori interpreti nazionali della disciplina. Per Profeta si tratterà della seconda partecipazione consecutiva alla gara laziale, dopo un esordio degno di nota all'edizione 2016, contrassegnato dall'11/a piazza assoluta e, in quell'occasione, per la prima volta alla guida della Ford Fiesta R5. La manifestazione si aprirà sabato 16 dicembre.

10:48Calcio: Copa Sudamericana, vincono argentini Independiente

(ANSA) - SAN PAOLO (BRASILE), 14 DIC - Gli argentini dell'Independiente hanno vinto la Copa Sudamericana, secondo trofeo più prestigioso del Sud America (paragonabile a un'Europa League sudamericana). Un pareggio ieri sera per 1-1 con i brasiliani del Flamengo a Rio de Janeiro ha regalato agli argentini una vittoria per 3-2 nel risultato complessivo e il loro secondo titolo nella competizione. Il titolo riporta un certo orgoglio all'Independiente, dopo che la squadra di Buenos Aires è stata retrocessa nel suo campionato nazionale nel 2013.

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

09:59Somalia: kamikaze contro polizia, almeno 10 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' di almeno 10 morti il bilancio di un attacco contro una accademia di polizia a Mogadiscio. Un attentatore suicida si è infiltrato tra gli agenti, facendosi esplodere durante l'addestramento del mattino.

Archivio Ultima ora