Cellula di Al Qaida in Italia voleva colpire il Vaticano

Pubblicato il 24 aprile 2015 da redazione

vaticano

CAGLIARI. – Il kamikaze era già atterrato all’aeroporto di Fiumicino per pianificare e a mettere a segno un attentato terroristico a Roma, probabilmente in Vaticano, provocando la morte di centinaia di persone. Una strage come quella del mercato di Peshawar in Pakistan nell’ottobre del 2009 di cui si erano già sporcati le mani gli altri componenti della cellula, con base operativa a Olbia, di cui lui l’aspirante martire faceva parte.

Uno scenario di terrore e morte quello con cui si sono confrontati gli investigatori della Digos di Sassari che tra ieri e oggi hanno sgominato una cellula terroristica affiliata ad Al Qaida. “Il livello di allerta è massimo – ha affermato il premier Renzi – perché come ovvio che sia, l’Italia, come tutti i paesi occidentali, deve stare attenta e gli arresti di oggi sono un fatto positivo”.

Dieci le persone arrestate, 18 complessivamente le ordinanze di custodia cautelare richieste dalla Procura Distrettuale di Cagliari e firmate dal Gip Giorgio Altieri. Le accuse sono, a vario titolo, di strage, associazione a delinquere con finalità di terrorismo e di immigrazione clandestina con soggiorno e permanenza sul territorio nazionale di cittadini pakistani e afghani. Le indagini, coordinate dalla Divisione antiterrorismo e partite nel 2005 dopo un controllo di due pakistani al porto di Olbia, hanno impegnato gli investigatori per quasi sette anni, tra intercettazioni telefoniche, ambientali e telematiche, ma hanno permesso di individuare un network terroristico attivo tra Sardegna, Lazio, Marche e Lombardia, con collegamenti diretti addirittura con Osama Bin Laden, e consentito di mandare in fumo l’attentato contro il Vaticano.

“Quella missione che noi ti abbiamo affidato, è importante eliminare il loro plar(capo)… Cosa hai fatto?… Ci sono tanti soldi sul loro papa (o baba), noi stiamo facendo una grande jihad contro di lui”, dicevano gli indagati al telefono il 19 settembre del 2010 in una conversazione intercettata. Ma l’attentato sfumò per una serie di perquisizioni fatte scattare dalla Polizia e che obbligarono i vertici della cellula a ordinare il rientro dalla capitale del kamikaze e del suo accompagnatore, poi trasferiti nelle città in cui risiedevano le presunte ‘menti’ del gruppo terroristico: Sultan Wali Khan, 39 anni, considerato il capo della comunità pakistana di Olbia, promotore della moschea, arrestato ieri mentre si imbarcava per Civitavecchia; Hafiz Muahammad Zulkifal, 43 anni, imam di Bergamo e Brescia anche lui finito in manette. Proprio nel negozio di Olbia la Polizia riuscì a fotocopiare un biglietto con il voto al martirio del kamikaze.

E sempre a Olbia, secondo quanto emerso dalle indagini, la cellula ha organizzato la strage mercato di Peshawar, avvenuta ad ottobre 2009 in cui vennero uccise più di 100 persone, soprattutto donne e bambini, 250 i feriti. Una cellula ben organizzata responsabile di altri attentati in Pakistan consumati nel 2011 – tra i quali il sequestro e l’omicidio di quattro uomini appartenenti all’apparato di sicurezza pakistano e l’ordigno esplosivo piazzato su un’auto della Polizia che costò la vita a un agente – che avrebbe fatto arrivare ai gruppi terroristici fiumi di denaro.

Ingenti somme che provenivano dai traffici legati all’immigrazione clandestina – secondo gli investigatori tra i 5-6 mila euro a immigrato – mentre altro denaro veniva recuperato a Olbia grazie alle collette organizzate da Sultan Wali Khan nelle varie comunità della Sardegna o, con le stesse modalitaà, dall’imam di Bergamo. I soldi venivano poi inviati con corrieri direttamente in Pakistan oppure in maniera occulta con il sistema cosiddetto “hawala”.

Quattro le organizzazioni terroristiche, secondo gli investigatori, che hanno ricevuto nel corso degli anni circa tre milioni di euro, oltre ad Al Qaida anche Theerek E Taliban, Theerek e Enifaz e Sharia e Mihammadi. “Congratulazioni al nostro anti terrorismo, alla polizia e ai magistrati per la straordinaria operazione con cui è stata smantellata una rete di trafficanti di uomini e di persone accusate di terrorismo: significa che il nostro sistema funziona”, ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano, commentando gli sviluppi di oggi. Parla invece di “fulmine a ciel sereno”, il presidente della Regione Sardegna Francesco Pigliaru che sostiene come questa operazione imponga “alle istituzioni un impegno più forte nelle politiche del dialogo e del confronto fra le diverse etnie”.

(di Manuel Scordo/ANSA)

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora