Milan, buio profondo. Udinese, ormai vede la salvezza

Soccer: Serie A; Udinese-Milan
UDINE. – L’Udinese esorcizza il Diavolo. L’anticipo della 13/a giornata del girone di ritorno al Friuli termina 2 a 1 in favore dei bianconeri. Succede tutto nella ripresa di una gara dominata dal primo all’ultimo minuto dalla squadra di casa, contro un Milan quasi apatico, capace di svegliarsi dal torpore solo nei minuti finali, quando l’Udinese cala il ritmo, pagando l’evidente stanchezza per le energie spese in una gara ad altissima intensità. Troppo tardi però perché il gol di Pazzini riesca a riaprire i giochi e pareggiare i conti delle reti di Pinzi e Badu. L’Udinese è padrona della prima frazione di gara.

I bianconeri schierati in campo da Stramaccioni in 4-3-1-2 con Domizzi chiamato a stringere i denti al centro della difesa e Gejio, a sorpresa, a fare da spalla a Di Natale, mettono subito in campo intensità e pressing alti. Gli ingredienti giusti per provare a infilare il Milan in velocità. Non è un caso che già al 1′ Di Natale costringa Maxi Lopez al primo intervento.

Quando si trova in campo aperto la squadra bianconera, oggi con una maglia “speciale” con la condivisione dei colori della Asd Pallamano Rovereto (primo vincitore del concorso Dacia Sponsor Day), sembra in grado di fare male. In più occasioni i friulani sfiorano un gol che non arriva; neanche al 44′ quando il sinistro di Guilherme sfiora l’incrocio dei pali con Diego Lopez in evidente ritardo.

Il Milan risponde con Suso, Pazzini e Menez nel tridente d’attacco del 4-3-3 messo in campo da Inzaghi. I rossoneri in campo però sono lenti e prevedibili. Non riescono mai ad accelerare la manovra per rendersi pericolosi. Se si esclude una conclusione dalla distanza di Van Ginkel al 35′, alta sopra la traversa, il Diavolo non inquadra praticamente mai lo specchio della porta bianconera. Non si considera neppure come occasione il tiro di Antonelli su cross di Suso allo scadere che si insacca nella porta difesa da Karnezis dopo che l’arbitro ha già fischiato un fallo commesso proprio dal rossonero su Widmer in marcatura.

Lo 0 a 0 con cui si chiude il primo tempo si sblocca in avvio di ripresa. Il vantaggio friulano arriva al 13′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo, l’ennesimo battuto dai bianconeri. Dalla bandierina Di Natale calcia in mezzo all’area. Pinzi, nella zona del dischetto, stop e destro con la palla che passa tra le gambe di un paio di difensori rossoneri e si infila nell’angolino basso alla destra del portiere. Inzaghi prova a cambiare pedine per scuotere i suoi, ma Rami e Destro non riescono a imprimere un cambio di rotta e di ritmo alla squadra.

L’Udinese ha tutto il tempo per schierarsi in difesa e chiudere ogni spazio. Ripartendo in velocità. L’Udinese legittima il meritato vantaggio al 29′: Badu segna raccogliendo un cross di Guilherme dopo una conclusione respinta a Di Natale. La prima sbavatura bianconera, al termine di una gara quasi perfetta dei friulani, consente al Milan di accorciare le distanze.

E’ il 43′: i rossoneri battono il primo calcio d’angolo. Sugli sviluppi del tiro della bandierina Cerci crossa al centro dell’area dove Pazzini è libero di svettare di testa a beffare Karnezis. Sembra riaprirsi la gara ma si tratta soltanto di un finale che costringe l’Udinese a soffrire per l’ultima manciata di minuti.

(di Elena Viotto/ANSA)

Condividi: