Ipotecato l’oro del Banco Central de Venezuela a cambio di un prestito di un miliardo di dollari

Pubblicato il 28 aprile 2015 da redazione

ORO-en-lingotes2

Tanti i segnali. Alcuni più evidenti di altri. Il governo è in affanno. Lo è alla vigilia di un importante appuntamento elettorale. Le parlamentari, se non sopravvengono contrattempi d’ultim’ora, dovrebbero svolgersi a dicembre. Non oltre. Così lo stabilisce la Costituzione. E mentre si responsabilizza direttamente e indirettamente l’industria privata di tutti, o quasi, i mali dell’economia e si denuncia una presunta “guerra economica”, la crisi nel Paese assume proporzioni preoccupanti; crisi che obbliga il governo ad essere sempre più creativo.

Discrezione e riserbo. Non sempre si riesce a eludere che ciò che si evita di render noto dentro le proprie mura diventi pubblico fuori di esse. La prudenza degli enti pubblici, il più delle volte, è stravolta dalla rissa di voci sussurrate lungo i corridoi. Questo è quanto è accaduto con l’accordo apparentemente raggiunto tra il governo del presidente Maduro e il Citibank, la nota banca americana.

Ipoteca, garanzia, impegno. Non importa come lo si chiami. Alla fine, il risultato è lo stesso. Il Venezuela, stando a indiscrezioni che la Banca Centrale non ha confermato ma neanche smentito, avrebbe dato in garanzia oro al Citibank a cambio di un prestito d’un miliardo di dollari. E’ la somma di cui il governo del presidente Maduro stima aver bisogno per far fronte, attraverso importazioni massicce, al fabbisogno della popolazione nel 2015. Non si conoscono i dettagli dell’operazione. Si da comunque per certo che il prestito dovrebbe essere restituito a stretto giro di posta e che il tasso d’interesse richiesto dall’istituto bancario americano si aggirerebbe attorno al 6 o al 7 per cento.

Il deficit pubblico, cioè la differenza tra le entrate e le spese, dovrebbe attestarsi quest’anno attorno ai 25 miliardi di dollari. Anche il Venezuela, come ha fatto l’Italia in ripetute occasioni prima di entrare nell’ “area Euro”, ha accelerato la stampa di carta moneta. E inondato il mercato di denaro. Questa politica, che permette in qualche modo di frenare il deficit, ha comunque risvolti disastrosi sul potere d’acquisto della popolazione. Si traduce in una incontenibile spirale inflazionaria. E l’inflazione, com’è ormai noto, è un’imposta che pagano tutti, dal più ricco al più povero.

In Venezuela, il costo della vita, a dispetto dei tanti controlli imposti dal governo, continua a crescere a ritmi obiettivamente preoccupanti. Nascondere l’entità dell’inflazione, evitando rendere pubblici gli indici della Banca Centrale, non vuol dire che non esista. Se ne accorgono i consumatori che fanno fatica a riempire il carrello della spesa, quando hanno la fortuna di trovare nei supermarket tutti i prodotti di cui hanno bisogno. Gli esperti coincidono nel pronosticare una inflazione, a fine anno, superiore al 100 per cento. Così, il Paese si trova di nuovo ad affrontare un fenomeno ch’è stato assai comune in America Latina negli anni ’80-’90: la “stagflaction”. Ovvero, la spirale inflazionaria in presenza di una acuta recessione. In altre parole nel caso del Venezuela, una caduta del Prodotto Interno Lordo pari al 7 per cento, secondo le previsioni del Fondo Monetario Internazionale e la Cepal, in contemporanea con il fenomeno dell’”iper-inflazione”, anticipata dalla maggior parte degli esperti in materia.

Il governo del presidente Maduro, ma questo è un fenomeno purtroppo comune a tanti governi, ha applicato fino ad oggi politiche economiche congiunturali, legate essenzialmente a obiettivi di carattere elettorale. E’ mancata una strategia di lungo respiro, orientata a riscattare l’economia e alla ricerca del giusto equilibrio tra pubblico e privato. Le conseguenze, purtroppo, le conosciamo tutti.

L’imminente annuncio di nuovi e inevitabili incrementi salariali, senza però provvedimenti macroeconomici orientati a stimolare l’economia, non aiutano alla ripresa dell’apparato produttivo. Neanche contribuiscono le continue minacce del presidente Maduro.

Il capo dello Stato, in uno dei suoi recenti interventi pubblici, ha annunciato che non saranno più assegnati dollari a Fedecámaras. Non vi è equivoco nelle affermazioni del capo dello Stato. Anzi, il messaggio è molto chiaro. E’ vero che Fedecámaras, l’equivalente in Venezuela della Confindustria in Italia, non fa richiesta né ottiene dollari da Cencoex, l’organismo preposto ad amministrare il controllo dei cambi. Ma le industrie che vi fanno parte, e rappresentano la maggior parte del settore produttivo privato del Paese, sì. E’ a loro che si è rivolto indirettamente il presidente della Repubblica.

L’effetto delle parole del capo dello Stato è facilmente immaginabile. La maggior parte dell’industria in Venezuela, fatte le dovute eccezioni, ha bisogno di materie prime importate per produrre. E se lo Stato, che oggi amministra la valuta attraverso un ferreo controllo dei cambi, nega i dollari gli industriali si troveranno in grosse difficoltà. Dovranno ridurre la produzione. E, loro malgrado e nonostante il decreto che lo proibisce, licenziare personale. E così si avrà un incremento della disoccupazione che renderà ancor più difficile l’uscita dalla crisi.

Se nell’ambito economico, le strategie del presidente Maduro alimentano la polemica; in quello diplomatico non contribuiscono a creare un clima di concordia. La Spagna è oggi l’obiettivo delle sue invettive.

La vicepresidente del Governo iberico, Soraya Sàenz de Santamarìa, nel tentativo di smussare le polemiche, ha affermato che “le iniziative parlamentari a favore dei politici nelle prigioni del Venezuela, come Leopoldo Lòpez e Antonio Ledezma, non sono incompatibili con le relazioni istituzionali tra paesi e popoli”. Ma ha anche ricordato che “la Spagna è preoccupata per quanto sta accadendo in Venezuela”.

Nonostante le parole prudenti della vice-presidente, orientate a raffreddare il clima di polemica tra i due Paesi, il ministero degli Esteri spagnolo ha ritenuto opportuno richiamare con urgenza per consultazioni il proprio ambasciatore. Nel linguaggio delle Cancellerie, questo rappresenta l’ultimo passo prima della rottura delle relazioni diplomatiche. Una decisione delicata, visti gli interessi iberici nel Paese e l’enorme comunità spagnola residente in Venezuela. Una minaccia che, se dovesse avere seguito nei fatti, potrebbe rappresentare l’inizio dell’isolamento internazionale del paese. Isolamento, questo, che avrebbe risvolti ben più significativi delle pressioni internazionali che possono esercitare prestigiosi ex presidenti della Repubblica o autorevoli ex capi di Governo, come è il caso dello spagnolo Felipe Gonzàlez.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora