I professori universitari venezuelani dichiarano la guerra

 

Profesores de universidades nacionales y experimentales marcharon este lunes

CARACAS – Dopo lo sciopero di 24 ore la protesta continuerà. Lo hanno assicurato i professori universitari che riuniti in assemblea hanno denunciato la loro attuale precaria condizione salariale. E non solo quella.

– Abbiamo un record insolito – ha affermato Victor Márquez, presidente della “Associación de Profesores de la Ucv” -. Un docente universitario, oggi, guadagna meno del salario minimo.

Márquez ha commentato che dal Primo Maggio il salario minimo è di 7mila 309, 23 bolívares, cifra superiore a quella che guadagna il professore “instructor” o un “assistente”. Insomma, un docente che ha la responsabilità di formare le nuove generazioni.

– Questa protesta – ha sottolineato il presidente della “Asociación de profesores de la Ucv” – non è per il contratto di lavoro, ma per denunciare il maltrattamento al quale siamo sottoposti noi professori.

I docenti universitari hanno quindi deciso di continuare le proteste e di denunciare l’insolita situazione alle istanze internazionali.

Condividi: