Piazze piene e classi vuote, in migliaia contro “Buona scuola”

Pubblicato il 05 maggio 2015 da redazione

Studenti e professori sfilano per le vie di Genova nel giorno dello sciopero contro il disegno di legge 'La Buona scuola', 5 maggio 2015. ANSA/ PAOLO ZEGGIO.

ROMA. – Piazze piene e classi vuote oggi in tutta Italia per lo sciopero della scuola proclamato dai sindacati del settore – di nuovo insieme dopo 7 anni – contro il progetto di riforma dell’istruzione targato Renzi. In migliaia – insegnanti, bidelli, studenti ma anche genitori con prole al seguito – hanno sfilato a Bari (25.000), Cagliari (ai 5 mila in corteo si sono uniti gli operai del Sulcis), Catania, Milano (30.000), Palermo (una cinquantina di insegnanti ha occupato l’assessorato alla Pubblica istruzione), Roma (100.000) e in tante altre città.

Lo hanno fatto per dire “no” ai superpoteri dei presidi, per reclamare un piano di assunzioni che riguardi tutto il personale docente e Ata impiegato da anni precariamente, per opporre un deciso “no” a incursioni per legge su materie contrattuali come le retribuzioni e la mobilità del personale e anche per sollecitare il rinnovo di un contratto di lavoro scaduto da “troppi” anni.

Nelle piazze si sono fatti vedere anche Camusso, Furlan, Barbagallo e il leader della Fiom, Maurizio Landini. L’adesione allo sciopero é stata alta: sfiora l’80% secondo i sindacati (in attesa del dato ufficiale della Funzione Pubblica). “Noi ascoltiamo la protesta, è giusto affrontarla ed entrare nel merito” ha commentato Renzi da Bolzano dove un migliaio di studenti ha sfilato per le vie del centro, a poca distanza dal teatro Rainerum dove il premier partecipava a una convention del Pd.

“Del merito continueremo a discutere nei prossimi giorni: sulle assunzioni di determinate categorie piuttosto che di altre e sull’organizzazione del sistema scolastico” ha spiegato, stavolta da Trento, il presidente del consiglio che però resta convinto di una cosa: “il governo ha messo più soldi sulla scuola ed è pronto a incentivare la grande intuizione che è l’autonomia, cioè la possibilità per la scuola di non essere in mano alle circolari ministeriali o sindacali ma alle famiglie e agli studenti: se facciamo questo sulla scuola cambiamo l’Italia sennò non andiamo da nessuna parte”. Toni concilianti da parte del ministro Giannini.

Se alla vigilia della protesta, in un’intervista, aveva parlato di “sciopero politico” e “strategia elettorale” oggi ha assicurato “rispetto per lo sciopero, come è doveroso che sia” pur chiedendo analogo rispetto “per il governo che fa il suo lavoro, propone un progetto educativo molto innovativo e rispetto per il Parlamento che è il portatore delle istanze di cambiamento del provvedimento stesso”.

Certo è che il dissenso espresso oggi, al di là dei numeri sulle adesioni (il balletto di cifre tra questure e organizzatori è un rituale a cui difficilmente si sfugge), almeno a parole, non può essere ignorato. La protesta “merita di essere considerata con grande rispetto e attenzione” ha scritto su Fb la presidente della Camera, Laura Boldrini. E Piero Grasso ha offerto la disponibilità del Senato a sentire i docenti che oggi hanno scioperato perché per la Buona scuola “serve un confronto positivo per arrivare a soluzioni possibilmente condivise”.

I sindacati – le cui ragioni sono sostenute e condivise anche da una fronda del Pd, da Sel e dal M5S – non vogliono accontentarsi di promesse o interventi di maquillage. Lo hanno detto con chiarezza nei comizi. “Non pensino di tacitare le piazze con piccoli emendamenti” ha ammonito il leader della Flc, Mimmo Pantaleo mentre, parlando dei precari, il segretario generale della Cisl scuola, Francesco Scrima, ha definito l’articolo 12 della Riforma “il Jobs Act alla trasteverina, che non garantisce nessuna tutela e mortifica il lavoro, una vera maialata”.

“Se non capiscono neppure oggi vuole dire che sono di coccio” ha concluso Massimo Di Menna, segretario generale della Uil scuola invitando tutti quelli che hanno definito lo sciopero di oggi “senza senso”, “un’esibizione di corporativismo”, “minoranza chiassosa” a vergognarsi e a chiedere scusa. E domani? L’iter parlamentare del ddl va avanti, la commissione Cultura della Camera ha lavorato anche oggi e lo stesso farà nei prossimi giorni.

Il testo che uscirà dall’Aula dimostrerà quanto le “aperture” del Governo sono state tradotte nero su bianco. Ha forti dubbi su un cambio di corsa il settimanale dei paolini. “Anzi – scrive Famiglia Cristiana – la manifestazione potrebbe costituire, come per l’Italicum e il Jobs Act, un ulteriore pretesto per accelerare sul disegno di legge, in linea con lo stile politico renziano finora apertamente di sfida nei confronti delle critiche e delle proteste di piazza”.

(di Tiziana Caroselli/ANSA)

Ultima ora

11:08Calcio: Pecchia, scudetto ? Napoli ha più consapevolezza

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il Napoli di quest'anno "ha più consapevolezza e maturità di quello degli anni scorsi". Così Fabio Pecchia, allenatore del Verona, ma anche ex giocatore del Napoli negli anni '90 vede la formazione di Sarri tornata in vetta ala classifica. Ai microfoni di 'Radio anch'io sport', Pecchia sottolinea "non so se può bastare per vincere lo scudetto, ma di sicuro è un altro campionato, il Napoli può giocarsela fino alla fine". (ANSA).

10:59Calcio: Pecchia “bravo Verona, non ho visto Milan a pezzi”

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Il Verona ieri ha fatto una grande prestazione e nel momento in cui il Milan spingeva abbiamo attaccato e colpito. Il Milan è entrato al Bentegodi con il piglio delle grandi, mi è sembrato in grande salute fisica, ci ha messo alle corde, poi noi nelle occasioni in cui potevano far male l'abbiamo fatto". Così Fabio Pecchia, tecnico del Verona ai microfoni di 'Radio anch'io sport', rispondendo a una domanda dice di non aver visto un Milan "a pezzi, ma in crescita rispetto alla partita di mercoledì". Pecchia poi invita i suoi a stare con i piedi per terra "la gara di ieri è stata bella, da tenersi stretta e mettere nel cassetto, ma ora il campionato ci impone di mantenere il ritmo". Il tecnico del Verona crede nella salvezza: "sono molto ottimista, nonostante le difficoltà dell'inizio. Abbiamo subito sconfitte molto pesanti, l'ambiente non ci ha aiutato. ieri abbiamo raccolto soffrendo moltissimo, ma la squadra deve crescere, il Verona ha un grande margine di miglioramento". (ANSA).

10:47Auto: Ronde di Sperlonga, vince ancora Di Benedetto

(ANSA) - SPERLONGA (LATINA), 18 DIC - Vittoria di forza, alla 9/a edizione della 'Ronde di Sperlonga', da parte del siciliano di Agrigento Alfonso Di Benedetto, in coppia con il ligure Fulvio Florean, su una Citroen DS3 WRC. Ha concesso il bis dopo l'alloro conquistato nel 2015, Di Benedetto, che lo scorso anno aveva chiuso al secondo posto, correndo una gara tutta all'attacco, portandosi al comando dal primo dei quattro passaggi sulla prova "La Magliana" (10 km.), senza più scendere dal vertice della classifica. Di Benedetto: una volta andato al comando ha cercato l'allungo e allo stesso tempo è riuscito a controllare gli attacchi che arrivavano da diversi rivali. Alla fine, sotto la bandiera a scacchi posta come consuetudine in Piazza Fontana a Sperlonga, dopo aver vinto tre passaggi e lasciandone uno a Minchella (Ford Fiesta WRC, il vincitore del 2016), ha preceduto il napoletano Fabio Gianfico, a bordo di una Skoda Fabia R5.

10:40Afghanistan: attacco a Kabul a edificio servizi intelligence

(ANSA) - KABUL, 18 DIC - Un commando armato ha attaccato oggi un edificio nel centro di Kabul in cui a quanto sembra si trova un centro di addestramento della Direzione nazionale della sicurezza (Nds, servizi di intelligence). Il vice portavoce del ministero dell'Interno, Nasrat Rahimi, ha indicato che i militanti sono entrati in un palazzo in costruzione ed hanno cominciato a sparare contro l'edificio della Nds. Testimoni oculari hanno riferito ai media che tutto è cominciato con una esplosione, probabilmente opera di un kamikaze, seguita da una sparatoria. Reparti speciali della sicurezza sono giunti sul posto mentre per il momento non si hanno notizie di vittime.

10:38Honduras: Hernandez confermato presidente, ancora proteste

(ANSA) - TEGUCIGALPA (HONDURAS) 18 DIC - Il presidente uscente Juan Orlando Hernandez è stato dichiarato vincitore nelle contestate elezioni in Honduras. Hernandez ha vinto con quasi il 43% delle preferenze rispetto al 41,42 dello sfidante Salvador Nasralla, che tuttavia aveva già annunciato di non riconoscere l'esito del voto, denunciando irregolarità. Anche l'Organizzazione degli Stati Americani ha proposto di rifare le elezioni, sottolineando che era impossibile determinare il risultato con certezza a causa di diverse irregolarità tra cui "deliberate intrusioni nel sistema informatico" utilizzato per il conteggio dei voti. In tutto il paese ci sono state proteste durante la notte e il partito di Nasralla ha chiamato alla mobilitazione anche oggi. Finora almeno 17 persone sarebbero morte negli scontri dal 26 novembre, giorno delle elezioni.

10:37Italia-Cina: Alfano a Pechino per il Comitato governativo

(ANSA) - PECHINO, 18 DIC - Il ministro degli Esteri Angelino Alfano è in Cina nell'ambito di una missione che prevede, tra le altre cose, la partecipazione all'Ottava sessione dei lavori del Comitato governativo congiunto Italia-Cina. Alfano, inoltre, ha in programma nel pomeriggio un incontro bilaterale con l'omologo Wang Yi e domani mattina un altro con il consigliere di Stato Yang Jiechi, a capo della diplomazia cinese. Il ministro, giunto a Pechino in piena notte, lascerà la Cina domani pomeriggio.

10:36Gerusalemme: dopo razzi Gaza, Israele colpisce Hamas

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 DIC - Dopo il lancio di razzi da Gaza di ieri sera nel sud di Israele, questa notte l'aviazione dello stato ebraico ha attaccato "sei obiettivi di Hamas nel nord della Striscia, compresi un campo di addestramento e infrastrutture del terrorismo". Lo ha riferito il portavoce militare, sottolineando che "Hamas è la sola responsabile per la situazione a Gaza. L'esercito - ha aggiunto - prende con la massima serietà il lancio dei razzi verso le comunità israeliane e non consentirà alcun danno ai cittadini di Israele".

Archivio Ultima ora