Tanti italo-venezuelani alla Festa della Madonna della Libera a Pratola Peligna

Pubblicato il 10 maggio 2015 da redazione

Antonio De Crescentiis

Antonio De Crescentiis

 

 

 

 

L’AQUILA. – Festa doppia, domenica 3 maggio, a Pratola Peligna (L’Aquila): le celebrazioni per la patrona, la Madonna santissima della Libera, sono coincise con quelle dell’elezione a presidente della Provincia di L’Aquila, del sindaco pratolano Antonio De Crescentiis (Pd). Alle celebrazioni il Comitato organizzatore, guidato da Sergio Palombizio (primo a sinistra nella foto), ha invitato anche quest’anno la nutrita comunità italo-venezuelana rappresentata da Edoardo Leombruni (secondo da sinistra), presidente dell’Associazione latinoamericana in Italia (Ali) e componente dell’Osservatorio dell’emigrazione nel Cram Regione Abruzzo (nonché medico chirurgo all’ospedale di Sulmona). Leombruni è figlio di emigrati in Venezuela rientrato in Italia per motivi di studio. Pratola Peligna è, infatti, uno dei comuni abruzzesi più colpiti dal fenomeno dell’emigrazione, soprattutto verso il Venezuela, primo paese di destinazione dei pratolani: fra il 1951 e il 1961 la popolazione scese dai 10683 a 8826 abitanti. Oggi ne conta 7800 circa. Ed è per questo che, ultimamente, De Crescentiis esprime alla comunità venezuelana a ogni occasione (anche domenica) solidarietà per quanto il popolo sudamericano è costretto a subire in Patria.

“E’ in corso una tragedia umanitaria che in quanto tale riguarda e deve riguardare tutti noi – ha scritto il sindaco e presidente di Provincia in una recente missiva alla comunità venezuelana in Abruzzo – Voglio esprimere tutta la mia personale vicinanza, quella dell’amministrazione tutta e della comunità di Pratola Peligna, che ho l’onore di rappresentare, alle donne e agli uomini che oggi sono chiamati a sopportare ingiustizie, violenze e la cui vita è stata stravolta” anche “ai parenti e agli amici che oggi dall’italia, dall’Abruzzo, da Pratola, seguono con apprensione e preoccupazione le vicende dei loro cari. Il Venezuela, una terra che per generazioni di pratolani ha rappresentato la speranza di una vita migliore, che anche grazie all’operosità e all’ingegno dei tanti nostri connazionali ha saputo trasformare quella speranza in realtà. Dando la possibilità di costruire famiglie, edifici, industrie ma soprattutto un futuro alle nuove generazioni. In una nazione che è stata per anni l’approdo e la culla di tanti emigrati oggi leggo, con sgomento, che per fare un minimo di spesa gli anziani, che in quanto pensionati hanno la precedenza, sono costretti a mettersi in fila dalla notte per poter comprare quei pochi beni di sopravvivenza reperibili oggi. Tutti noi abbiamo potuto vedere spezzoni di filmati che riportano le violenze, i disordini, le occupazioni delle abitazioni di proprietà che ogni giorno funestano la nazione venezuelana e feriscono i nostri cuori. Sono personalmente indignato dal silenzio dei nostri giornali, delle nostre tv – lamenta De Crescentiis – che preferiscono riempire le nostre case di notizie spesso inutili, riportare dieci volte i risultati delle partite di calcio mentre stendono un velo su quanto accade in Venezuela. Sono allo stesso modo preoccupato dal silenzio delle tante nazioni del mondo che a mio modo di vedere non esercitano alcuna pressione utile sul governo venezuelano affinché la situazione possa volgere al termine e i venezuelani possano tornare a vivere nella normalità”.

Leombruni-Festa-Patrona2015

Per la cronaca festiva patronale, il Comitato organizzatore è completato da personaggi come il parroco don Renato Frappi e Aurora Benvenuto, che ha il difficile incarico di “mastra” cercatrice, colei che va in giro a fare la questua per raccogliere i fondi necessari alla Festa. All’evento è stato invitata anche la piccola comunità colombiana, pure presente in zona, rappresentata da Dino Pasqualone (al centro della foto completata dai rappresentanti delle forze dell’ordine).

La famiglia Presutti, dalla Colombia, con il nostro collaboratore Pierluigi Spiezia.

La famiglia Presutti, dalla Colombia, con il nostro collaboratore Pierluigi Spiezia.

Non a caso il tesoriere dell’Associazione italiani in Colombia, Guido Presutti, commercialista e docente universitario a Cartagena (nella foto, terzo da destra, e con la sua famiglia e col nostro collaboratore Pierluigi Spiezia, secondo da sinistra), è originario di Pratola Peligna.

(Pierluigi Spiezia/Voce)

Ultima ora

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

Archivio Ultima ora