Hernanes non perdona, l’Inter batte la Lazio in nove

Pubblicato il 10 maggio 2015 da redazione

Soccer: Serie A: Lazio - Inter

ROMA. – Milano, grazie al fattore “ex”, vince il doppio confronto con Roma della 35/a giornata e chi ne esce peggio è la Lazio di Pioli, che ha mancato il controsorpasso Champions sui giallorossi perdendo 2-1 in casa con l’Inter. La squadra di Mancini, alla quarta vittoria consecutiva, tiene aperte le speranze Europa League, portandosi a -2 dalla Sampdoria, sesta. Unica consolazione per i biancocelesti è il pareggio di Parma che tiene a distanza il Napoli.

Il 2-1 dell’Olimpico è però ben diverso da quello di ieri al San Siro, dove un Milan poco più che modesto ha sconfitto grazie a Destro una stanca Roma. Per battere i biancocelesti, cosa che non avveniva dal 2 maggio 2010 a Roma, i nerazzurri oltre alle due reti di un Hernanes fischiatissimo, hanno approfittato e pure a fatica, di un avversario ridotto in nove dalle espulsioni di Mauricio nel primo tempo e Marchetti nella ripresa, avendo ragione del fortino Lazio, dopo aver sbagliato un rigore con Icardi, solo nel finale.

Oltre a Hernanes, sistemato da Mancini come trequartista, da lodare tra i nerazzurri il solito Handanovic e Palacio, molto attivo, mentre Icardi oltre all’errore dagli 11 metri si è segnalato solo in negativo e gli altri hanno mostrato scarse qualità. In casa Lazio, Pioli ha rimesso al centro dell’attacco Klose, davvero poco incisivo, supportato da Mauri, Candreva e Felipe Anderson, tornato quasi ai livelli di qualche mese fa. A rafforzare il centrocampo è rientrato Biglia, recuperato dall’infortunio alla caviglia, e la sua presenza ha fatto bene alla Lazio, che fino all’espulsione di Mauricio al 25′ aveva creato le occasioni più pericolose insieme con Candreva, sempre positivo e puntuale anche con il gol. Voto insufficiente per l’arbitro Massa e i suoi assistenti: magari corrette le decisioni principali ma la direzione è apparsa non felice.

L’avvio di partita è stato scoppiettante. La Lazio ha subito impegnato Handanovic con Candreva e sulla respinta Basta non ha trovato la porta. All’8′ la rete dell’azzurro, nona stagionale: Felipe Anderson si è liberato sulla sinistra e sul suo preciso assist Candreva ha battuto il portiere interista. Il gol ha scosso l’Inter che al 14′ ha avuto un’occasione per pareggiare, ma Icardi liberato da Kovacic ha sparato alto. Tra continui capovolgimenti di fronte la Lazio ha sfiorato il raddoppio con Mauri e due volte con Parolo, quasi a botta sicura.

Lo scenario si è stravolto al 25′, quando un fallo di Mauricio su Palacio è costato il rosso diretto al brasiliano, decisione forse discutibile di Massa che è costata doppiamente alla Lazio vista la rete gioiello di Hernanes sulla successiva punizione. Con i biancocelesti in 10, rinchiusi nella loro trequarti anche per l’ingresso di Braafheid al posto di Mauri, l’Inter ha però avuto più problemi e la partita si è cristallizzata. Un tiro da lontano di Palacio, tra i più attivi dei suoi, una punizione bomba di Guarin deviata da Marchetti e un colpo di testa di poco alto di Vidic sul successivo corner sono state nel finale le uniche occasioni create dagli 11 di Mancini.

Il tecnico marchigiano nella ripresa ha inserito Podolski per Guarin, e sfruttando gli spazi concessi da una Lazio un po’ meno coperta i nerazzurri hanno cercato di fare male ma è stato Klose a gettare al vento la palla del 2-1 al 14′, facendosi bloccare da Handanovic una conclusione da due passi. Nuovo colpo di scena al 16′, quando Marchetti ha steso Icardi e Massa ha decretato giustamente rigore ed espulsione. Berisha, entrato a freddo per Klose, ha però parato il tiro di Icardi.

Come nella vittoria di Udine, soffertissima nonostante l’11-9, l’Inter si è messa a balbettare senza trovare spunti convincenti davanti alla difesa biancoceleste. Al 32′ Pioli ha fatto uscire uno stanco Candreva per Keita, sperando di sfruttare le ripartenze ma proprio in contropiede ha colpito l’Inter al 39′: Palacio ha liberato Hernanes che tutto solo verso Berisha ha freddamente colpito di piatto per il 2-1 che ha deciso la partita.

Ultima ora

10:58Tornano gli Italian sport awards, Immobile fra i premiati

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Ritornano gli Italian sport awards, i premi ai calciatori italiani protagonisti della stagione 2016/17. Appuntamento lunedì a Cappacio-Paestum (Sa). L'evento, ideato da Donato Alfani è giunto alla 7/a edizione e si è contraddistinto come uno dei riconoscimenti più importanti nel panorama nazionale, tanto da ricevere il patrocinio di Coni e Figc. Tanti gli ospiti presenti alla serata di gala: per la Serie A incetta di premi per la Lazio, con Immobile, Parolo e Inzaghi. Premiati anche Cordaz, Nalini, il tecnico Rastelli, il ds Zamagna dell'Atalanta, l'arbitro Rocchi. Grande spazio anche alla Serie B, con i premi ad Amato Ciciretti, Coda, Dionisi, Soddimo, Favilli, oltre agli allenatori Semplici e Bucchi, protagonisti con Spal e Perugia, all'arbitro Manganiello. Tanti anche i premi destinati ai club di Serie C e D. "Siamo alla 7/a edizione e questo è già motivo d'orgoglio - dice Alfani -. Vorrei ringraziare tutti i membri della giuria che hanno supportato questo format".

10:48Auto: Profeta va all’assalto della Ronde di Sperlonga

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tradizionale impegno di fine anno per il pilota palermitano Alessio Profeta che, nel prossimo week-end, sarà al via della 9/a Ronde di Sperlonga (Lt). Il ventunenne portacolori della scuderia Island motorsport sarà al volante della Peugeot 208 in configurazione R5, coadiuvato dalla conterranea Jessica Miuccio. L'affiatato equipaggio isolano, già sfortunato protagonista nella Ronde di Gioiosa Marea (Me) di pochi giorni addietro (archiviata anzitempo per l'afflosciamento della gomma anteriore sinistra, dovuto a un brusco 'atterraggio' subito dopo un salto quasi a fine tracciato), punterà a un piazzamento di rilievo, pur consapevole di doversi confrontare con alcuni tra i migliori interpreti nazionali della disciplina. Per Profeta si tratterà della seconda partecipazione consecutiva alla gara laziale, dopo un esordio degno di nota all'edizione 2016, contrassegnato dall'11/a piazza assoluta e, in quell'occasione, per la prima volta alla guida della Ford Fiesta R5. La manifestazione si aprirà sabato 16 dicembre.

10:48Calcio: Copa Sudamericana, vincono argentini Independiente

(ANSA) - SAN PAOLO (BRASILE), 14 DIC - Gli argentini dell'Independiente hanno vinto la Copa Sudamericana, secondo trofeo più prestigioso del Sud America (paragonabile a un'Europa League sudamericana). Un pareggio ieri sera per 1-1 con i brasiliani del Flamengo a Rio de Janeiro ha regalato agli argentini una vittoria per 3-2 nel risultato complessivo e il loro secondo titolo nella competizione. Il titolo riporta un certo orgoglio all'Independiente, dopo che la squadra di Buenos Aires è stata retrocessa nel suo campionato nazionale nel 2013.

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

Archivio Ultima ora