Standard & Poor’s non promuove l’Italia, bene azione governo ma non basta

Pubblicato il 15 maggio 2015 da redazione

Standard and Poor's threatens downgrades of eurozone

ROMA. – Standard & Poor’s non promuove l’Italia, lasciando il rating a BBB-, un passo sopra il livello ‘junk’, quello speculativo, e mantenendo stabile anche la prospettiva sul suo giudizio, nonostante l’apprezzamento per le riforme.

L’agenzia di rating americana, che di recente ha espresso forti perplessità sull’efficacia del quantitative easing della Bce, nonostante i segnali di ripresa, il contesto esterno decisamente più favorevole, la “determinazione” del premier Matteo Renzi sulle riforme, resta la più severa fra le tre principali per quanto riguarda l’affidabilità del debito pubblico italiano: Moody’s (Baa2) è un gradino sopra, Fitch due.

Una linea non del tutto nuova, per la verità: S&P, dal 1992, ha via via progressivamente peggiorato la qualità del debitore-Italia, dalla doppia A dei primi anni novanta, alla bocciatura alla classe BBB, quella immediatamente sopra il debito ‘spazzatura’, fra i mesi drammatici del 2012 e lo strascico recessivo dello scorso anno.

La ripresa “è in corso”, scrivono gli analisti, “principalmente per fattori esterni quali il contesto europeo, l’euro debole, i prezzi petroliferi in calo”. La stima di crescita per quest’anno si ferma a 0,4%, ben sotto lo 0,7% governativo, ma alla luce della crescita registrata nel primo trimestre (0,3%) “potrebbe essere più alta”, specie se gli investimenti, che continuano a calare da ben sette anni consecutivi, ripartissero affiancando l’export che migliora. S&P promuove decisamente le riforme a partire da legge elettorale, Jobs Act (che sta spingendo verso contratti a tempo indeterminato) e banche.

Ma nota anche le “rigidità” che confinano l’Italia a prospettive economiche “depresse”; per alzare il rating, S&P vorrebbe una “piena realizzazione delle riforme strutturali”: leggasi, accanto al Jobs Act, il capitolo politicamente ostico delle liberalizzazioni.

Da S&P arriva poi uno dei primi giudizi, dall’estero, sul nodo pensioni dopo la sentenza della Consulta che nel 2011 ha congelato le pensioni: “Complica gli obiettivi di bilancio” e comporterà per il governo “misure alternative” se non si vuole il rialzo dell’Iva. Al punto che, secondo gli analisti di S&P, “il governo potrebbe non centrare i suoi obiettivi sempre più ambiziosi di un deficit all’1,8% nel 2016 e allo 0,8% nel 2017”.

E ancora, secondo l’agenzia Usa la correzione del deficit 2015 fa leva “molto più” sul calo dei tassi favorito dalla Bce che dal miglioramento del saldo primario: una politica che, senza una azione “più risoluta” sul fronte della spending review, concede poco spazio per il calo delle tasse.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora