Bufera calcio: Mattarella ”indignato”, Renzi “ora basta”

Pubblicato il 20 maggio 2015 da redazione

calcio-scommesse

ROMA. – L’indignazione di Mattarella, il ”disgusto” di Renzi, la presa di posizione della Federcalcio con Tavecchio intenzionato ”a liberare il calcio dai delinquenti e dai maneggioni”. La bufera che si è abbattuta sul mondo del pallone con l’inchiesta della procura di Catanzaro su presunte scommesse in Lega Pro e Dilettanti e, in contemporanea, quella dell’Antitrust sui diritti tv, hanno gettato nuove ombre sul sistema calcio.

Così il premier, intervenendo ai microfoni di Rtl, non risparmia critiche (”sono disgustato”), preannunciando un intervento del Governo per ”cambiare il sistema”. E dal presidente della Repubblica, prima della finale di Coppa Italia, arrivano parole affilatissime. ”Il divario tra questi fenomeni che vengono denunciati e che periodicamente affiorano e la passione con cui tanta gente segue il calcio fa indignare: per questo serve severità e rapidità”’, il suo intervento. Mattarella, la cui presenza in tribuna d’onore all’Olimpico è la prima da presidente in uno stadio, pensa a tutti. ”Penso ai tanti italiani che seguono il calcio e che chiedono che sia vissuto come uno sport, praticato con correttezza assoluta intanto sul campo per rispetto loro oltre che naturalmente per rispetto della legge”.

Sul piano esecutivo, era stato per primo Renzi ad annunciare l’intenzione del governo di intervenire. ”Ora basta con il fatto che personaggi di discutibile approccio governino il calcio a tutti i livelli – le sue parole – faccio un appello alla Federazione, alla Lega, al Coni, restituiamo il calcio alle famiglie. Il calcio è delle famiglie, non dei professionisti della polemica o delle società di consulenza dei diritti tv”, sui quali “serve trasparenza”, insiste Renzi che preannuncia un ‘tavolo’ con tutti i partiti dopo le Regionali ”per cambiare totalmente passo”.

”Chiederò di mettersi attorno a un tavolo su questo, ma occorre dire con chiarezza che alcuni personaggi del mondo del calcio devono ricevere uno stop – ribadisce il premier – Non si può andare avanti così, all’estero ci prendono in giro”, sembra – aggiunge il premier – che sia “tutto un magna magna”.

”Ripulire il calcio dai delinquenti” è il messaggio che arriva dal numero uno della Figc Carlo Tavecchio. “Ripuliremo il calcio dai delinquenti e dai maneggioni – dice intervistato da Maurizio Belpietro nel corso di ‘Mattino Cinque’ – Il calcio è parte lesa in questi scandali, abbiamo dato mandato ai nostri legali di costituirci parte civile nel procedimento che verrà incardinato a Catanzaro”.

L’inchiesta della procura getta nuove ombre anche sulla struttura dei campionati: si rischia di stravolgere la struttura sulla base della giustizia sportiva, per la quale sarà corsa contro il tempo. Intanto Tavecchio ribadisce il suo ‘no’ alle scommesse nelle serie minori e propone l’istituzione di un database generale ”per monitorare gli spostamenti di quei soggetti che passano da una società all’altra portando nocumento al sistema”.

Al premier risponde il presidente della Lega di serie B, Andrea Abodi. ”Condivido grandissima parte delle dichiarazioni di Renzi – dice – ma è un errore esprimere un giudizio generalizzato, il calcio non è tutto uguale. “Non ho niente da dire, parlo con i fatti – sono le parole di Lotito, nel giorno in cui il nome della Salernitana emerge dall’inchiesta di Catanzaro – : qui si diffondono cose senza un reato contestato. Vado avanti come un treno sulla strada del lavoro e dei risultati. Tutte queste bugie non mi interessano, rispondo alla mia coscienza”.

Sul piano dell’inchiesta sui diritti tv, il presidente dell’antitrust Pitruzzella sottolinea che indagine non significa illecito”, e comunque, ”ci vorranno mesi”. ”Aspettiamo l’inchiesta, senza interpretazioni arbitrarie”, dice Andrea Zappia, ad Sky.

Infine il terzo fronte, il caso Belloli: il direttivo Dilettanti ha rinviato a domani la decisione sulle dimissioni del suo presidente, dopo la frase sulla calciatrici ”lesbiche”, ma Tavecchio avverte: ”Aspettiamo le necessarie decisioni, o interverremo”.

Ultima ora

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

Archivio Ultima ora