Sui migranti l’Ue volta pagina, ma la partita è in mano agli Stati

Pubblicato il 27 maggio 2015 da redazione

L'arrivo in porto della nave della Marina Militare Italiana 'Chimera' con a bordo 545 migranti

BRUXELLES. – La Commissione europea targata Juncker volta pagina sull’immigrazione, dopo gli anni di inerzia a cui ci aveva abituato l’esecutivo Barroso. Ma la sfida ora è vincere il muro di ostilità di una decina di capitali, pronte a frenare la rincorsa di Bruxelles. Perchè se la proposta di ridistribuzione obbligatoria intra-Ue di 40mila eritrei e siriani richiedenti asilo da Italia (24mila) e Grecia (16mila) è un “buon inizio”, come sottolinea il capo della Farnesina Paolo Gentiloni: “Ci sarà una trattativa nelle prossime settimane e l’Italia si augura che non prevalga l’egoismo”. Al di là dei numeri (da alcuni giudicati troppo alti e da altri il contrario), Bruxelles introduce un meccanismo basato su ciò che fino ad oggi era stato solo uno slogan: il principio politico della solidarietà.

“Una breccia aperta nel muro dell’egoismo e dell’indifferenza costruito in questi anni”, la definisce il sottosegretario agli Affari europei Sandro Gozi. “Un passo nella direzione giusta” secondo il segretario dell’Onu Ban Ki Moon, che “incoraggia gli Stati membri a mostrare compassione” nell’accoglienza, mentre il presidente Juncker invita i governi “riluttanti” ad ascoltare l’appello del numero uno del Palazzo di vetro.

Intanto il ministro dell’Interno Angelino Alfano dimostra un certo scetticismo: “A fine giugno ci sarà il consiglio dei capi di Stato e di governo dell’Ue, e lì capiremo se c’è fregatura”. Di fatto la luce verde del collegio dei commissari alla proposta legislativa – che pure ha visto battaglie interne (è stato necessario l’intervento di Juncker per trovare la quadra sull’eleggibilità dei profughi da trasferire, stabilendola nel 15 aprile) – è solo il primo passo di una partita, che si annuncia dura.

Il destino del meccanismo è in mano alle capitali: serve una maggioranza qualificata per farlo arrivare in porto. Una decina di Paesi hanno già detto no, come Gran Bretagna (che con Irlanda e Danimarca gode di una clausola di eccezione), Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca. Altri hanno espresso perplessità e posto condizioni, come Francia e Spagna, alle prese con situazioni politiche nazionali complesse. L’esecutivo Ue conta però sull’appoggio della maggioranza del Parlamento Ue, e di un gruppo di Paesi, tra questi Italia, Grecia, Malta, Slovenia, Austria, che con la Germania in testa, promettono di remare in un’unica direzione.

L’intenzione di Bruxelles è mettere in piedi un meccanismo da attivare ogni qualvolta si presentino emergenze di flussi di migranti (si monitora ad esempio Malta). Un sistema che da temporaneo possa – in prospettiva – andare a regime. Per questo a giugno si dovrà lavorare per “creare consenso, come ha sottolineato l’Alto rappresentante Federica Mogherini. E da qui ai due appuntamenti cruciali per la riuscita dell’impresa – il consiglio dei ministri dell’Interno Ue del 15 giugno e il vertice europeo del 26 – di certo non mancheranno discussioni accese, e negoziati serrati.

D’altronde l’operazione di convincimento è già iniziata. La cifra di 40mila trasferimenti è già una piattaforma. Spiega il commissario all’Immigrazione Dimitris Avramopoulos: è stata decisa perchè “di meno non avrebbe aiutato Italia e Grecia, di più non sarebbe stato accettato dagli altri” paesi Ue. E non è un caso se, dopo che Francois Hollande si è più volte detto “contrario a qualsiasi forma di quota”, il commissario sottolinea: “non proponiamo di stabilire quote. Quota è una parola che non ci piace e non abbiamo mai usato”.

Il ministro dell’Interno francese Bernard Cazneuve in una nota apre alla proposta della Commissione, ma insiste su quella raccolta delle impronte digitali che l’Italia è accusata da più parti (Austria, Svezia, Danimarca) di non fare. Ma anche il primo vicepresidente della Commissione Timmermans, evidenzia la necessità del rispetto delle regole. Italia e Grecia saranno “sotto monitoraggio sui rilievi delle impronte digitali” e dovranno inviare una roadmap sulla prima accoglienza ed i rilievi di impronte, entro un mese dall’entrata in vigore della decisione. Nel caso il piano o la sua attuazione non soddisfacessero i requisiti Ue, la Commissione proporrà la sospensione dei trasferimenti, di tre mesi in tre mesi.

(di Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

07:33New York: governo Bangladesh condanna attentato

DACCA (BANGLADESH) - Il governo del Bangladesh ha condannato l'attentato fallito a New York, il cui autore e' un immigrato di 27 anni dal paese del sud-est asiatico. ''Il Bangladesh e' impegnato nella sua conclamata politica di 'tolleranza zero' contro il terrorismo, e condanna il terrorismo stesso e l'estremismo violento in ogni forma o manifestazione ovunque nel mondo, compreso l'incidente di lunedi' mattina a New York'', ha comunicato il governo in una nota.

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

Archivio Ultima ora