Renzi, la cooperazione tra Italia e America Latina si basi su cultura e innovazione

Pubblicato il 12 giugno 2015 da redazione

Italian Premier Matteo Renzi (R) speaks during the Italian-Latin American and Caribbean Conference

ROMA. – “L’Italia ha tanta voglia di collaborare sui temi culturali, universitari e legati all’innovazione. Vogliamo che vediate nell’Italia un punto di riferimento sul piano della ricerca e negli scambi in tecnologia, come noi lo vediamo in voi. Vi sono molte potenzialità e opportunità in questa amicizia e partnership straordinaria”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi parlando a Milano alla VII Conferenza Italia-America Latina e Caraibi.

“Il mondo che verrà – ha sottolineato il premier – sarà un mondo in cui il capitale umano e l’intelligenza saranno fondamentali. Certo l’aspetto tecnologico sarà fondamentale, ma sarà il capitale umano a essere cruciale. E noi siamo pronti con le nostre università – penso alle eccellenze di alcune università milanesi che sono il top in Italia e nel mondo – per valorizzare i nostri talenti

Cita anche Cristoforo Colombo e Amerigo Vespucci il presidente del Consiglio Matteo Renzi, non senza prima premettere: “So che è una discussione aperta perché nelle Americhe qualcuno non vede di buon occhio che si parli di scoperta dell’America. L’America c’era già da prima. Però diciamo che due italiani hanno dato una mano”. In particolare il presidente del Consiglio si è soffermato sulla figura di Vespucci – “nato in una bella città, che è Firenze” – esaltandone la “curiosità” che lo ha spinto a partire da una città senza mare per “dare un nome a un continente, un’esperienza che fa venire i brividi”.

Quindi si è appellato ai rappresentanti dei paesi latinoamericani chiedendo di “provare ad andare insieme incontro al futuro” e di non chiamarlo con espressioni di rabbia e paura ma di coraggio e speranza. E’ quello che l’Italia – ha sottolineato Renzi – vuole fare camminando insieme a voi. Se armati di curiosità guardiamo al domani abbiamo tanti valori da difendere”.

Italian-Latin American and Caribbean Conference in Milan
Morales, andiamo verso la cittadinanza universale

“In Bolivia non approveremo una legge sull’immigrazione: cercheremo di accogliere i migranti perché sono esseri umani. E non usiamo il termine ‘illegale’, perché dobbiamo avere una cittadinanza universale”. E’ dal tema dell’immigrazione che il presidente della Bolivia, Evo Morales, decide di iniziare il suo discorso ala VII Conferenza Italia – America Latina. “Capiamo i problemi che pone il fenomeno dell’immigrazione – ha aggiunto il presidente boliviano – ma i flussi migratori sono causati dal capitalismo, dalle guerre, dagli interventi militari, e dal fatto che la ricchezza è concentrata nelle mani di troppe poche persone. E’ necessaria una democratizzazione delle risorse”.

La collaborazione con i Paesi europei per favorire gli investimenti e la crescita economica dell’area “è la benvenuta – ha proseguito Morales -. Ma non accetteremo quelle proposte che pregiudichino lo sviluppo del nostro popolo. Bisogna aver fiducia nel nostro governo e ci assumiamo la responsabilità di ripagare tutti i nostri debiti”.

Sereni, i diritti della democrazia sfide comuni

“Il sistema parlamentare, cardine fondamentale della democrazia partecipativa e rappresentativa, è un bene prezioso e delicatissimo. Ci si accorge sempre troppo tardi quanto è importante: cioè quando esso viene a mancare! E, sia noi, in epoca più remota, che alcuni di voi, in epoca più recente, abbiamo sperimentato drammaticamente questa mancanza. E’ una esperienza terribile che non vogliamo si ripeta mai più”.

Così la vice presidente della Camera, Marina Sereni, intervenendo alla VII Conferenza Italia-America latina e Caraibi dal titolo: “Per una visione comune”. Dopo aver sottolineato come il continente latinoamericano rappresenti “un interlocutore privilegiato per l’Italia”, la vice presidente Sereni ha voluto ricordare insieme al presidente del Senato Pietro Grasso che il Parlamento italiano ospiterà, il 5 e il 6 ottobre prossimo, il Primo Forum parlamentare Italia-America Latina e Caraibi.

“Abbiamo così inteso investire su un nuovo strumento di diplomazia parlamentare – ha spiegato – per affrontare insieme sfide comuni enormi poste dalla globalizzazione: la promozione dei diritti e la lotta alle diseguaglianze; la democrazia e la partecipazione dei cittadini; la crescita sostenibile e la lotta alla povertà”.

“In tutti i nostri Paesi siamo in presenza di fenomeni, infidi e pericolosi, di discredito della politica e del ruolo parlamentare. I Parlamenti democratici, lo sappiamo bene, sono lo specchio delle società. Non è certo restringendo o sminuendo le prerogative parlamentari che si potranno risolvere fenomeni odiosi e aberranti, legati alla corruzione, all’abbassamento della soglia dei valori etici, alle disuguaglianze che ancora caratterizzano le relazioni sociali nei nostri Paesi”, ha affermato.

“Vogliamo incontrarci con i vostri legislatori: per scambiare idee, per capire come possiamo reagire insieme alla sfiducia e alla disaffezione che serpeggia tra i nostri cittadini, per conoscere esperienze innovative che, se socializzate, potranno andare a beneficio di tutti”.

Ultima ora

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

Archivio Ultima ora