Una pazza Italia supera il test Croazia, 1-1 da Europei

Pubblicato il 12 giugno 2015 da redazione

Italy's Antonio Candreva shoots to score from penalty shot

SPALATO. – Senza pubblico, ma col pieno di emozioni. L’1-1 in casa della Croazia dice che l’Italia di Conte ha superato il suo esame più duro, e non solo per la classifica. Tutto rimane invariato, visto anche il pari della Norvegia, e quindi Euro 2016 è un po’ piu’ vicino.

Soprattutto, al netto dell’incredibile errore azzurro che ha portato all’iniziale vantaggio croato – cinque giocatori a protestare per la rete annullata ingiustamente a El Shaarawy, lasciando via libera a quella di Mandzukic – la nazionale ha smontato la superiorità tecnica mostrata dagli avversari all’andata, e tutto sommato e’ andata più vicina alla vittoria dei croati, rischiando però anche la beffa della sconfitta.

Pazza Italia, ma promossa. L’ombra degli ultrà estremisti, che con le loro intemperanze hanno fatto giocare Croazia-Italia a porte chiuse, si allunga lo stesso sulla partita con una svastica disegnata sul prato forse nella notte che creerà polemiche. Ma al di la’ di quelle gli spettatori rimasti esclusi si sono persi un 1-1 che poteva finire in ogni modo. E che alla fine conferma l’imbattibilità della squadra di Conte e mantiene gli azzurri secondi dietro la Croazia, con un calendario ora dalla loro parte.

Merito del nuovo assetto studiato dal ct, della personalità di Buffon che para anche un rigore, di uno straripante Candreva, di un Pirlo che si scrolla di dosso per un tempo la malinconia, di un El Shaarawy ritrovato. Nel silenzio surreale dello stadio a porte chiuse, Conte schiera il primo 4-3-3 della sua carriera azzurra. In avanti la vera novità e’ il redivivo El Shaarawy, che in realtà con Candreva parte sulla linea di centrocampo, trasformando di fatto l’assetto in un prudente 4-5-1.

Dall’altra parte Kovac recupera Mandzukic da qualche piccolo acciacco e conferma il 4-2-3-1 con Rakitic in regia. Moduli a parte, l’inizio e’ ad alto ritmo. Tutte e due le squadre pressano, e presto arrivano i fuochi d’artificio. Il primo e’ al 6′, quando Astori cade nel tranello di Srna lanciato in area da Rakitic e lo impatta in piena corsa: al dischetto va Mandzukic, il tiro e’ debole e Buffon respinge.

Italy's goalkeeper Gianluigi Buffon saves a penalty shot

L’Italia prende coraggio, e infatti all’11’ confeziona un’azione in velocità con cambio di campo chiusa dal cross di Candreva, il velo di Pellè e il gol sottoporta di El Shaarawy. Ma il guardalinee annulla segnalando fuorigioco, cinque azzurri (anche Bonucci, De Silvestri e Marchisio che dovrebbero rientrare) incredibilmente si fermano a protestare tra le urla di Conte e la Croazia ne approfitta: rapidissimo contropiede ad azzurri scoperti, Rakitic apre per Srna, cross al centro e 1-0 di Mandzukic.

Tutto dieci secondi dopo il gol annullato all’Italia. Buffon rimedia una botta al piede alla quale resiste solo per il primo tempo e un’ammonizione. La partita si infiamma. L’Italia non ci sta, attacca e si scopre ai contropiedi. Rischia cosi’ di capitolare sul cross di Perisic che Olic spreca sottoporta (18′) e qualche minuto dopo Astori sbaglia ancora su Mandzukic, il cui cross per Olic costringe De Silvestri all’anticipo che gli costa un brutto infortunio.

Ma nel complesso il possesso palla dei croati non e’ così schiacciante come all’andata, gli azzurri sono corti e rilanciano spesso senza timori. Così al 32′ El Shaarawy divora il pari su centro di Pellè ben lanciato da Marchisio, ma l’1-1 e’ in arrivo. Ancora rigore, ancora Mandzukic di mezzo con un errore, quello che lo provoca per il cucchiaio dal dischetto di Candreva.

Italy players celebrate their equalizing goal

Al 46′ Pellè, lanciato perfettamente da Pirlo, ha la palla del vantaggio ma Subasic para con reattività. Dall’altra parte, Buffon deve rinunciare a rientrare (taglio sotto il piede) e cede il posto a Sirigu, togliendo all’Italia la spinta delle sue urla che risuonano nel vuoto dello stadio. Ci pensa Pirlo a prendere per mano la squadra, riscattando un primo tempo tutto sommato opaco. Kovac invece sostituisce Rebic con Olic.

I ritmi non calano, tutte e due le squadre vogliono vincere, anche se all’Italia il pari può andare. Il primo tiro verso la porta arriva dopo un quarto d’ora; è il nuovo entrato croato che spara alto su una combinazione da palla inattiva. Un minuto dopo El Shaarawy toglie di testa la palla dal piede di Marchisio, su una bella fuga di Candreva chiusa dal cross perfetto.

Il pericolo arriva sempre dall’autore del pareggio: al 23′ pallone in profondità recuperato sulla linea di fondo e scarico indietro per Pirlo che ritarda un attimo per cambiare piede e da buona posizione spara alto sull’incrocio. Un paio di minuti, Candreva parte in dribbling sulla facia e mette in mezzo, El Shaarawy che perde il tempo dà dietro per Parolo che smorza il tiro debole in bocca a Subasic.

La Croazia invece fatica a sfondare, nonostante la palla spesso tra i piedi, e Kovacic ci prova al 32′ da fuori. Poi Rakitic alza malamente dal limite, e a dieci minuti dal termine Conte decide di provare a difendere il risultato: dentro Ranocchia per El Shaarawy, si torna alla difesa a tre. Resta il tempo per l’espulsione di Srna. E non e’ l’unica superiorità azzurra della serata.

(dell’inviato Francesco Grant/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora