Calciomercato: Inter colpo Kondogbia, Milan frenata J. Martinez

Pubblicato il 20 giugno 2015 da redazione

inter

ROMA. – L’Inter si aggiudica il derby di mercato con il Milan e prende Kondogbia dal Monaco: 35 milioni (+ 3 di bonus) per convincere il giocatore che firmerà un quinquennale da 4 milioni a stagione (più bonus). Non è l’unica doccia fredda per il Milan che rischia di perdere anche Jackson Martinez, che sembrava a un passo. Il tentennamento del colombiano del Porto sarebbe legato all’inserimento dell’Atletico di Madrid che oltre a pareggiare l’offerta rossonera (i 35 milioni di clausola) garantirebbe all’attaccante anche la vetrina Champions.

Difficile per i rossoneri anche arrivare a Salah che non ha ancora deciso se rimanere a Firenze e intanto studia (insieme al Chelsea proprietario del cartellino) le avances della Roma. Così il Milan si trova ora a dover correre ai ripari per consegnare a Mihajlovic una squadra all’altezza: radio mercato parla di un sondaggio per Carlos Bacca, il bomber del Siviglia seguito anche dalla Roma e che ha una clausola di 30 milioni, parecchi per un 29enne.

Le alternative si chiamano Edin Dzeko e Stevan Jovetic, entrambi del City e poco ‘amati’ dal tecnico Manuel Pellegrini. Sul primo c’è da vincere la concorrenza sempre della Roma (e del fascino Champions), sul secondo c’è l’asticella Juventus visto che Allegri dopo aver avuto Dybala, Mandzukic e Zaza continua a chiedere con insistenza un rifinitore. Nel caso arrivasse il montenegrino a Torino (le alternative sono Oscar del Chelsea e Praet dell’Anderlecht), Berardi verrà lasciato un altro anno a Sassuolo (che intanto ha chiesto Mitroglou), magari insieme a Coman.

L’Inter dopo il ‘colpaccio’ Kondogbia non molla Imbula: 19 milioni sul piatto per il talentino del Marsiglia. Il Napoli ha ufficializzato Valdifiori dall’Empoli. Dopo il tira e molla dei giorni scorsi, il 29enne centrocampista ravennate ha firmato un quadriennale. A inizio settimana dovrebbe anche essere ufficializzato il ritorno in porta di Pepe Reina, poi De Laurentiis e il neo ds Giuntoli cercheranno di sistemare la difesa: Darmian e Allan sono i nomi sempre caldi ma le richieste di Torino (15 mln) e Udinese (10 mln) hanno per ora frenato ogni trattativa. Sul taccuino anche Vrsaljko e Saponara.

In casa Roma Sabatini vuole chiudere per Nainggolan (con Cagliari ‘balla’ ancora un milioncino, 16 contro 15) prima di dedicarsi al big per l’attacco. Bacca, come detto, resta un obiettivo ma l’intransigenza del Siviglia che non fa sconti sulla clausola potrebbe spingere la dirigenza a cercare altre strade (e anagraficamente più giovani): Benteke (Aston villa) e Lukaku (Everton) sono due profili giusti, col problema anche qui di costare parecchio ma con il vantaggio di poter essere ammortizzati nel tempo, cosa che invece non offrono nè Bacca nè Dzeko, forse il preferito da Garcia. Sul bosnico c’è comunque da registrare la frenata del suo agente: “ha un contratto col City ed è felice nel club. E poi non ha ricevuto offerte”.

Il genoano Iago Falque sarebbe invece ancora in standby, forse in attesa di vedere se ci sono altre piste percorribili (Cuadrado, Salah, Konoplyanka). La Fiorentina ufficializzerà Sousa lunedì e intanto ha tolto Vecino dal mercato, mentre dovrà fare i conti con l’addio certo di Pizarro (tornerà in Cile) e quello probabile di Aquilani. Xahka del Borussia Monchengladbach e Josè Mauri del Parma potrebbero essere i nomi giusti in mezzo, mentre davanti piace Destro in caso di partenza di Gomez che potrebbe tornare in Bundesliga.

Il centravanti della Roma è un nome cercato da mezza Serie A: oltre ai viola hanno chiesto informazioni alla Roma il Torino, il Bologna, la Sampdoria. La Lazio cerca un attaccante da affiancare a Klose e Djordjevic: Guidetti e Borini sono due profili giusti per età e ingaggio. Per il centrocampo, che diventerà orfano di Ledesma e probabilmente di Biglia, l’ultima idea è Soriano della Samp, mentre il sogno porta il nome di Xabi Alonso, il 33enne spagnolo quest’anno al Bayern. Sarebbe la ‘chioccia’ giusta per i giovani Parolo e Cataldi.

Altro nome seguito in casa biancoceleste quello del fantasista francese Yoann Gourcuff, ex Milan, in scadenza col Lione. Il Bologna per la porta ha chiesto Storari alla Juventus (magari insieme a Coman), mentre siamo ai dettagli per Rossettini dal Cagliari e studia qualche giovane della Roma (Paredes, Sanabria, Carbonero). L’Indipendiente vorrebbe riportare a casa Denis: l’eventuale sostituto sarebbe il veronese Gomez.

Ultima ora

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

Archivio Ultima ora