Il Papa riabbraccia il Piemonte: Io nipote di questa terra

Pubblicato il 21 giugno 2015 da redazione

papa-piemonte

TORINO. – E’ tornato nella terra dei suoi avi, per la prima volta da quando è salito al soglio pontificio. Per Papa Francesco il viaggio apostolico a Torino è carico anche di ricordi personali. “Sono nipote di questa terra benedetta”, ha ricordato nell’Angelus, pochi minuti dopo essersi commosso leggendo, nell’omelia, i versi di un’opera sugli emigranti del Piemonte di un poeta dialettale del ‘900, Nino Costa.

Nel capoluogo piemontese si sono uniti in matrimonio, nel 1907, i nonni paterni, Giovanni Bergoglio e Rosa Vassallo, ed è stato battezzato, l’anno dopo, il padre, Mario Bergoglio. E proprio nella chiesa di Santa Teresa dove sono state celebrate quelle cerimonie all’inizio dello scorso secolo c’è stato l’unico fuoriprogramma nell’agenda del pontefice costellata di impegni.

Una visita lampo, sistemata tra l’incontro con i salesiani e l’happening con i giovani che avrebbe chiuso la giornata. In Santa Teresa, Papa Francesco ha deposto sull’altare un vaso di rose gialle ed ha pregato per qualche minuto. “Non gli abbiamo chiesto di venire, l’ha voluto lui”, ha spiegato padre Giustizio Zoppi, superiore provinciale dei carmelitani che da 5 anni si occupano della chiesa.

Nessuno ha dimenticato la ‘piemontesità’ di Papa Francesco, accolto con il saluto ‘Cerea’ e con una frase in dialetto degli stessi giovani dell’happening degli oratori: “I giovin a’t veulu bin” (I giovani ti vogliono bene). Un ‘marchio’ di “sobrietà e di serenità”, ha evidenziato il sindaco di Torino, Piero Fassino.

Il Papa ha ricordato quanto forte sia il contributo di Torino nel campo del lavoro: “è storicamente un polo di attrazione” ed anche se “oggi risente fortemente della crisi”, ha “nel suo territorio ancora notevoli potenzialità di investire per la creazione di lavoro”. Ma Torino ha portato ricchezza anche con i suoi santi sociali, a cominciare da don Bosco, che era nato in un paese dell’Astigiano e che a Torino ha fatto costruire la basilica di Maria Ausiliatrice, e da Giuseppe Cottolengo, l’ideatore della ‘Piccola casa della Divina Provvidenza.

“Nell’Ottocento – ha osservato papa Francesco – Torino era una città massonica, anti-clericale, anche demoniaca. Ma fate il conto di quanti santi sono usciti da qui…”. L’omaggio più bello ai piemontesi nell’omelia della messa solenne del mattino, nella quale ha ‘dedicato’ ai suoi corregionali i versi di “Razza nostrana”, scritto per gli emigranti piemontesi in tutto il mondo:

“I nostri antenati – ha detto – sapevano bene cosa vuol dire essere ‘roccia’, cosa vuol dire ‘solidità”. Lunedì, dopo lo storico incontro nel Tempio Valdese, Papa Francesco incontrerà alcuni suoi parenti, in forma privata, in Arcivescovado: per loro celebrerà una messa e con loro si intratterrà a pranzo.

Poi Bergoglio ripartirà per il Vaticano, lasciando il ‘suo’ Piemonte che – c’è da esserne certi – dopo averlo accolto con il ‘Cerea’ lo saluterà con un bell’ ‘Arvdse’ (Arrivederci).

(di Renato Botto/ANSA)

Ultima ora

23:57Iran: Djalali confessa in tv, sono una spia

(ANSA) - TEHERAN, 17 DIC - Ahmadreza Djalali, il medico arrestato in Iran nel 2016 con l'accusa di spionaggio e condannato a morte a ottobre, ha "confessato" in tv di aver spiato il programma nucleare di Teheran per conto di una nazione europea, senza nominare quale. Il presentatore tv, tuttavia, ha citato il Mossad, mentre scorrevano le immagini dei documenti svedesi dell'uomo e del Colosseo: Djalali, medico, ha infatti trascorso un periodo in Italia. In cambio della sua attività di spia, ha spiegato lui stesso, avrebbe ottenuto la cittadinanza di un Paese europeo.

22:57Savoia: Smuraglia (Anpi),solennità volo Stato urta coscienze

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Quello dei Savoia lo considero un problema chiuso da molto tempo. Una vicenda finita. Smettiamo di parlarne. Ritengo che portare la salma in Italia con solennità e volo di Stato è qualcosa che urta le coscienze di chi custodisce una memoria storica. Urta con la storia di questo dopoguerra. E non si parli più neanche di questa ipotesi di mettere le loro salme nel Pantheon. Basta". Così il presidente emerito dell'Anpi Carlo Smuraglia commenta il rientro in Italia delle spoglie di Vittorio Emanuele III con un volo dell'Aeronautica militare.

22:35Donna uccisa a coltellate in casa nel Milanese

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - Una donna di 33 anni, con due figli piccoli, è stata trovata agonizzante, colpita da tre coltellate al torace nella sua abitazione di Parabiago, nel Milanese. E' stata la madre a trovarla, a terra, in bagno. La donna, un'italiana, è morta poco dopo. Indagano i carabinieri della Compagnia di Legnano.

22:26Calcio: Junior Tim Cup oggi al Ferraris

(ANSA) - GENOVA, 17 DIC - Le squadre della Parrocchia Caramagna di Imperia e dell'Oratorio Santa Dorotea di Genova si sono affrontate allo stadio Ferraris prima del match Sampdoria- Sassuolo in un'amichevole terminata con il risultato di 2-10, nel contesto della VI Edizione della Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano. A fine gara, i ragazzi hanno consegnato ai giocatori della Sampdoria e del Sassuolo la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli all'ingresso in campo. La VI edizione della Junior TIM Cup si disputa nelle 15 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2017-2018. Le squadre vincitrici dei concentramenti interregionali di qualificazione alla fase nazionale si contenderanno il titolo di campioni della Junior TIM Cup, il 9 maggio, in occasione della Finale di TIM Cup 2017-2018.

22:17Calcio: Peruzzi, Milinkovic Savic? Nella Lazio sta benissimo

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio". Il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del 'gioiello' serbo che mezza Europa sta tenendo d'occhio.Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggi che avrebbero penalizzato la squadra di Inzaghi. "Se siamo preoccupati per gli errori del Var di questa giornata? - dice Peruzzi - No, non lo siamo. Poi ogni partita ha i suoi episodi, non voglio polemizzare". "Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze - aggiunge - e sembra che non siano tutti d'accordo. E' come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso.Non lo fanno mai entrare e lui,nonostante tutti i suoi sforzi,non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse".

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

Archivio Ultima ora