Ti piacerebbe studiare in Italia?

Pubblicato il 01 luglio 2015 da redazione

Foto 2

CARACAS – In un mondo in cui si ha la consapevolezza che solo studiando si potrà essere miglior persone ed eccellenti professionisti, in cui le frontiere non rappresentano un limite ma l’inizio di un sogno, sorge la necessità di cercare nelle migliori università straniere l’opportunità di crescere culturalmente.

E così, la Federazione dei Giovani Italo-Venezuelani, per venire incontro e soddisfare la crescente richiesta di informazioni sulle opportunità di studio in Italia, ha organizzato nei giorni scorsi, un evento orientato a far conoscere l’iter burocratico di legalizzazione dei documenti, passo necessario per studiare nel Belpaese.

A quest’attività, realizzata presso il Centro Italiano Venezuelano di Caracas, hanno partecipato il Console Generale d’Italia a Caracas, Mauro Lorenzini; la Funzionaria dell’ufficio Studi del Consolato, Ketty Moretti; la Vice Console di Valencia, Elizabeth Auteri; il Presidente delle Associazioni Italo-Venezuelane e Presidente del CIV-Caracas, Carlo Villino; il Presidente dell’Associazione Campania di Caracas, Gennaro Russo; il Consultore della Regione Campania in Venezuela, Aurelio Pinto e il Presidente di Fegiv Antonella Pinto.

Il primo a prendere la parola è stato il Sig. Carlo Villino il quale ha manifestato la propria preoccupazione per quello che ha catalogato come “fuga di capitale umano”, poiché sono tanti i giovani, molti anche soci del sodalizio stesso, che lasciano il Paese non solo per proseguire il percorso di formazione accademica ma anche per stabilirsi definitivamente all’estero. Il dott. Mauro Lorenzini, dal canto suo, ha espresso sorpresa per la quantità di persone presenti all’evento, segnale questo dell’interesse che sempre desta l’Italia tra i giovani che desiderano iniziare gli studi Universitari. Ma nel Salone Italia non vi era solo un folto pubblico giovanile ma anche tanti genitori che desiderano per il loro figli la miglior formazione accademica.

Il Console Lorenzini ha spiegato che il sistema d’istruzione italiano, con le ultime riforme, è migliorato notevolmente. Ha poi consigliato ai giovani di essere sicuri su cosa studiare, di fare ricerche approfondite al momento di scegliere l’Ateneo, di rivolgersi alle pagine ufficiali delle università che offrono informazione importanti anche sulle eventuali possibilità di borse di studio.
Più dettagliata è stata l’informazione offerta da Antonella Pinto (Fegiv) che ha riassunto per sommi capi quali sono i documenti necessari per aspirare a studiare in una università del Bel Paese.

Foto 1

Di seguito un breve riassuno:

L’ufficio Studi del Consolato Generale di Caracas rilascia le necessarie dichiarazioni di valore per i titolo conseguiti presso scuole e università appartenenti alla propria circoscrizione, affinché gli interessati possano ottenere:
1. Equivalenza dei titoli di studi primari e secondari con analoghi titoli italiani;
2. Iscrizione a scuole primarie, secondarie e facoltà universitarie in italia;
3. Riconoscimento in italia degli studi universitari parziali o totali compiuti in venezuela
4. Riconoscimento in italia del valore professionale del titolo.

Documenti necessari:
1. Per equivalenza del titolo di studio secondario:
• Diploma liceale (diploma de bachiller).
• Voti del “Ciclo básico e Ciclo diversificado”.
• Copia del Diploma liceale con fondo nero
• Cnu-opsu “Esame accademico”

2. Iscrizione alle scuole primarie:
• Certificazione di ogni anno di studi compiuti in venezuela compreso il “Preparatorio”.

3. Per l’iscrizione a scuole secondarie:
• Il certificato analitico (voti di bachillerato) per ogni anno frequentato.

4. Per l’iscrizione a Facoltà universitarie in italia:
gli studenti comunitari: presentano domanda di iscrizione direttamente all’università italiana attenendosi alle modalità ed ai termini di ciascun ateneo ma prima devono presentare al Consolato Generale, per richiedere la dichiarazione di valore, i seguenti documenti:
• Diploma finale di scuola secondaria (diploma di bachiller).
• Copia del diploma liceale con fondo.
• Certificato analitico (voti del ciclo básico e del ciclo diversificado).
• Cnu-opsu “Esame accademico” o “exploración vocacional”.

Gli studenti stranieri non comunitari: presentano Consolato Generale d’Italia una domanda di preiscrizione nei termini e nei modi indicati nell’ordinanza ministeriale del Miur, utilizzando il modello che si può scaricare direttamente dal sito www.miur.it indicando un solo corso di laurea scelto. Alla domanda dovranno essere allegati i seguenti documenti:
• Diploma finale di scuola secondaria (diploma di bachiller).
• Certificato analitico (voti del ciclo básico e del ciclo diversificado).
• Cnu-opsu “Esame accademico” o “exploración vocacional”.
• Eventuale certificato di frequenza di corsi di lingua italiana.
• Due (2) foto.
• Passaporto venezuelano.

5. Per il riconoscimento in italia degli studi universitari parziali o totali compiuti in venezuela:
• Diploma finale di scuola secondaria (diploma di bachiller).
• Certificato analitico (voti del ciclo básico e del ciclo diversificado).
• Cnu-opsu “Esame accademico” o “exploración vocacional”.
• Diploma universitario –original “fondo negro”.
• Certificato analitico dei voti delle materie universitarie.
• Programmi dettagliati delle materie.
• Dichiarazione rilasciata dall’università che attesti l’effettivo svolgimento dei suddetti programmi di studio.

6. per il riconoscimento in italia del valore professionale del titolo: alla documentazione richiesta per il riconoscimento in italia degli studi universitari parziali o totali compiuti in venezuela si aggiunge:

• Certificazione di iscrizione, solvenza ed etica professionale rilasciata dal relativo “colegio professionale”.
• Copia delle leggi che disciplina l’esercizio della specifica professione in venezuela.
• Curriculum degli studi compiuti con le esperienze inerenti il titolo di studio posseduto.
tutti i documenti una volta legalizzati dal “Ministerio del Poder Popular para la Educación” el dal “ministerio del poder popular de relaciones exteriores” venezuelani (apostilla) vanno tradotti in lingua italiana da un traduttore pubblico riconosciuto. Inoltre, tutti i documenti vanno presentati in originale più copia semplice allegando copia del passaporto italiano.

(Yessica Navarro/Voce)

Ultima ora

22:36Calcio: Spalletti, Inter non è quella che ha perso sabato

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - "Stiamo vicini ai nostri calciatori perché non sono quelli che hanno perso 3-1, ma che hanno fatto 40 punti in 17 partite e bisogna rendergli onore": lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, a Inter Tv, durante la cena di Natale del club nerazzurro. "I tifosi sono una seconda squadra - continua - ne fanno parte, sono dietro le quinte e ci accompagnano. Ci hanno applaudito anche dopo la sconfitta e ci aiutano a diventare più forti. Io ho solo due vizi, calcio e famiglia, chiamiamoli amori più che vizi. L'hashtag di stasera? Speriamo sia Natale senza tregua di serenità, abbracci e divertimento. Cerchiamo di stare più vicini possibile a questi colori, so da dove siamo partiti e cosa ci siamo portati dietro, arrivano anche le difficoltà, dobbiamo attraversarle per completare il nostro percorso verso gli obiettivi".

22:32Calcio: arbitro Rocchi, bilancio primi mesi Var è positivo

(ANSA) - PAESTUM (SALERNO), 18 DIC - "Il bilancio dei primi mesi con la Var è assolutamente positivo, si sapeva che le polemiche sarebbero arrivate. E' un momento decisivo per il campionato, dunque c'era da aspettarsele. Chiaramente siamo in una fase di rodaggio e il rodaggio prevede sempre qualche piccola difficoltà, che ci servirà per fare esperienza". Così Gianluca Rocchi traccia un bilancio dopo i primi mesi di Var in Italia, parlando a margine della 7/a edizione degli Italian sport awards, in corso a Paestum (Salerno). "Purtroppo le nostre esperienze nascono e passano da alcuni errori - prosegue l'arbitro fiorentino -. Bisogna che si accetti l'errore e chiaramente fare in modo che non si ripeta. L'arbitro rimane l'arbitro ed è quello che prende l'ultima decisione. La Var, secondo me, non deve essere invasiva, ma un supporto fondamentale laddove l'arbitro non arriva, o non vede una cosa o la vede palesemente sbagliata".

21:55Bellomo:ex corsista a pm Bari,altre 4 ragazze vittime

(ANSA) - BARI, 18 DIC - "Sono stata contattata da quattro ragazze che hanno avuto un'esperienza simile in altri anni e in altre città. Mi hanno ringraziata dicendomi che adesso hanno anche loro il coraggio perché sanno di non essere sole". Lo ha detto Rosa Calvi, avvocatessa 28enne di Cerignola (Foggia), al termine dell'audizione in Procura di Bari come persona informata sui fatti nell'ambito dell'indagine per estorsione a carico del consigliere di Stato Francesco Bellomo. Un mese dopo l'inizio delle lezioni, ha raccontato, sarebbe stata scelta fra sette ragazze per ottenere una borsa di studio ma la condizione era la firma del contratto che prevedeva, fra le altre cose, abiti succinti e trucco marcato. Bellomo le avrebbe anche detto di perdere peso, di farsi punturine per le occhiaie e avrebbe tentato di baciarla. "Io vengo prima di tuo fratello" le avrebbe detto quando lei gli disse di voler tornare a casa e per più di un mese lui avrebbe tentato di convincerla, dicendo "che ero una stupida a dire di no".

21:39Calcio: caso Ljajic, respinto il ricorso della Roma

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il Collegio di Garanzia del Coni ha respinto il ricorso presentato l'8 novembre 2017 dalla Roma nei confronti della Fiorentina, della Figc e della Lega Serie A, contro la decisione della Corte Federale d'Appello sul caso dell'attaccante Adem Ljajic, ora al Torino, relativo al contratto di cessione dell'attaccante dalla Fiorentina al club giallorosso ed in particolare al pagamento del premio di rendimento. La Roma dovrà quindi pagare un milione di euro (più 5.000 a titolo di spese) in favore della Fiorentina per la corresponsione del "premio di rendimento" allegato al contratto stipulato tra le due società il 28 agosto 2013, nell'ambito dell'accordo di cessione delle prestazioni professionali sportive del calciatore Ljajic.

21:38Sci: Cdm, Olsson vince parallelo gigante di Alta Badia

(ANSA) - ALTA BADIA (BOLZANO), 18 DIC - Lo svedese Matt Olsson ha vinto lo slalom gigante parallelo di Coppa del mondo di Alta Badia. Secondo il norvegese Erik Kristoffersen e terzo l'austriaco Marcel Hirscher. Kristoffersen e' passato in testa alla classifica generale di coppa del mondo. Male, ancora una volta in questa disciplina, l'Italia con cinque atleti al via su 32 partecipanti. Manfred Moelgg, Florian Eisath e Riccardo Tonetti sono stati eliminati gia' ai sedicesimi. Roberto Nani e Luca De Aliprandini sono invece stati battuti subito dopo agli ottavi., La prossima gara sara' venerdi' sera: slalom speciale a Madonna di Campiglio.

21:26Calcio: voci dimissioni Gattuso, Milan smentisce

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - Nella giornata convulsa in cui è stata annullata la cena fra squadra e dirigenza ed è stato deciso il ritiro a oltranza, si sono diffuse voci, rilanciate dai social e smentite dal club, secondo cui Rino Gattuso, contrariato per l'atteggiamento rilassato dei giocatori dopo la sconfitta di ieri Verona, oggi avrebbe presentato le sue dimissioni, respinte dalla società. Il Milan ha definito questa versione "assolutamente falsa" e via social ha chiarito che Gattuso era a Casa Milan per programmare il lavoro da svolgere in ritiro, che è stato deciso in maniera "condivisa" con la società.

21:16Natale: da Chef stellato pranzo gourmet per detenuti Verona

(ANSA) - VERONA, 18 DIC - Pranzo gourmet firmato dallo chef 'bistellato' Giancarlo Perbellini oggi per i detenuti del carcere di Montorio a Verona. Il cuoco veronese stamane è entrato nella Casa Circondariale per un'iniziativa speciale. Perbellini, a capo di ristorante insignito di due stelle dalla Guida 'rossa', ha cucinato insieme alla sua brigata un pranzo per oltre un centinaio tra detenuti e detenute, familiari e volontari del carcere di Montorio, aderendo al progetto nazionale di solidarietà "L'alt(r)A cucina...per un pranzo d'amore". L'iniziativa porta nelle carceri italiane pranzi stellati preparati da grandi chef e serviti da testimonial del mondo dello spettacolo, offrendo ai detenuti una giornata particolare e diversa. "Abbiamo portato un sorriso al palato dei detenuti - ha dichiarato Perbellini - E' stata un'esperienza irripetibile. La brigata è stata fiera di far gustare la nostra cucina a persone molto meno fortunate di noi".

Archivio Ultima ora