Anche italo-americani alla “nomination” per la Casa Bianca

Pubblicato il 09 luglio 2015 da redazione

chris-christie-flag-AP

Sono per il momento 16, due democratici e 14 repubblicani. Un numero già congruo, destinato comunque a crescere. La corsa alla Casa Bianca è iniziata. Non ufficialmente, ma nella sostanza. Com’è tradizione, il primo show elettorale sarà l’appuntamento delle primarie. E, come ogni primaria che si rispetti, sarà disputata tra stilettate e sciabolate, tra polemiche e provocazioni e tanto, tanto colore.

Obamacare, nozze gay, Cuba, Ttp, Iran. Barack Obama aspira a scrivere il proprio nome nella storia degli Stati Uniti. Non vuole essere ricordato solamente come il primo presidente negro della nazione più potente del mondo ma anche come quello che è riuscito a trasformare un intero Paese. Lo storico sì della Corte Suprema all’Obamacare e alle nozze gay, l’apertura dell’Ambasciata americana a La Havana e di quella cubana a Washington sono già vittorie che fanno storia.

A queste, Obama vuole sommare prima il “Trans Pacific Partnership”, l’accordo commerciale orientato a frenare l’arrogante invadenza della Cina in Giappone, in Australia e nella costa latinoamericana del pacifico, avviato verso una felice conclusione dopo il sì del Senato al “fast track” che sembrava essergli negato dal suo partito; e poi il “Translatantic Trade and Investiment Partnership”, l’accordo commerciale che dovrebbe rafforzare la presenza americana in Europa. “Dulcis in fundo”, il trattato nucleare con l’Iran, che avanza lentamente tra “stop and go”. Così, mentre il presidente dello Stato è impegnato nella sua battaglia personale con la storia, democratici e repubblicani si preoccupano del dopo-Obama.

Tanti i candidati ma pochi quelli realmente “papabili”. Si contano sulle dita di una mano. In primis, Hillary Clinton, Jed Bush, Marco Rubio, Ted Cruz. Ma anche gli italo-americani Christian “Chris” Christie e Richard John Santorum.

Ponderato, meditato. Valutato attentamente. Dopo una lunga attesa, Hillary Clinton ha rotto gli indugi. Ed è scesa in campo convinta di farcela; di riuscire a diventare la prima donna presidente della nazione più potente del mondo. Rivali che potrebbero impensierire seriamente la sua candidatura, nelle file del partito democratico, non pare ne abbia. Infatti, Bernie Sanders, Martin O’Maleley e Lincoln Chafee non sembrano avere la forza per potersi opporre alla Clinton.

Per Hillary sarà questa una bella rivincita, dopo la capitolazione alla quale l’obbligò Obama nel 2008. Oggi, i sondaggi la danno di gran lunga favorita sul resto dei competitors. Qualora dovesse vincere, la famiglia Clinton tornerebbe alla Casa Bianca dopo l’interregno di George W Bush e di Barack Obama. Ma con l’ex presidente Bill in un insolito ruolo; ruolo scomodo per un personaggio che nella politica è abituato a occupare tutta la scena.

Da alcune settimane, circolano con insistenza voci sulla probabile candidatura di Elisabeth Warren, donna assai stimata nell’ambiente liberale e sostenuta dai movimenti come MoveUp. Warren ha più volte negato di essere interessata. Ma pare che le pressioni siano tante. Pro e contro. Coloro che sostengono l’ipotesi della sua candidatura sono convinti che una marea di giovani possa sentirsi attratta dalle sue posizioni particolarmente progressiste e liberali. Ma questa potrebbe essere un’arma a doppio taglio. Infatti, sebbene possa aiutarla a imporsi nelle primarie potrebbe trasformarsi in un ostacolo nel “rush” finale per la Casa Bianca.

Più variegata la rosa dei candidati nelle file dei repubblicani. Quindi, anche più interessante. C’è ad esempio Donald Trump, l’eccentrico miliardario della “grande mela”. Grande esibizionista, il magnate della speculazione immobiliare ci riprova in un campo affollatissimo di candidati. Con le sue uscite xenofobe, razziste e discriminanti è già riuscito ad accattivarsi le antipatie dell’immensa collettività latinoamericana. Fu Trump, durante le elezioni che portarono Barack Obama alla Casa Bianca, a cavalcare la leggenda urbana dell’estrema destra del presidente keniano e, quindi, ineleggibile.

C’è poi Bobby Jindal, governatore della Louisiana, figlio d’immigranti indiani; Rand Paul, considerato esponente del Tea Party; Carly Fiorini, la manager rampante; Ben Carson, leader conservatore che potrebbe rappresentare un nuovo tentativo repubblicano di trovare una candidatura di colore. Fiorini e Carson potrebbero rompere il paradigma repubblicano; quello dei candidati solitamente ricchi, bianchi, uomini e tendenzialmente anziani; candidati che piacciono assai all’elettorato tradizionale che però, sia detto per inciso, ha sempre minor peso in un paese in cui si fanno largo le minoranze e i giovani tendono ad avere un ruolo sempre più decisivo.

La partita tra i repubblicani pare debba decidersi tra Jed Bush, Marco Rubio e Ted Cruz. Ma tra questi, invitati inopportuni e scomodi, vi sono gli italo-americani Chris Christi e John Santorum
Jed Bush, ex governatore della Florida, proviene da una famiglia di ex presidenti. E, infatti, il padre George e il fratello maggiore George W. sono già stati inquilini della Casa Bianca. Per molti Jed è l’unico in condizione di riportare i repubblicani alla Casa Bianca.

Marco Rubio si è formato politicamente nello Stato della Florida, di cui è Senatore. E’ considerato una delle stelle del Tea Party. Conservatore, uomo dalle idee chiare, è stato eletto al Parlamento americano con una votazione trionfante. Oggi potrebbe incarnare il sogno americano in spagnolo. Nonostante sia di origini cubane, però, non sembra avere un grosso ascendente tra i latinoamericani. Ascendente che ha, invece, Ted Cruz, specialmente tra le minoranze e le donne anche se non sul resto dei repubblicani.

A questo punto, bisogna spendere qualche parola sui candidati italo-americani Christie e Santorum.
Christopher James “Chris” Christie è nato nel 1962 a Newark. Suo padre è di origini scozzesi e sua madre siciliane. Dopo aver studiato legge alla Seton Hall University e aver esercitato la professione per un breve periodo, il tuffo nella politica. Da sempre nel partito repubblicano, nel 2009 si candida alla carica di governatore del New Jersey.

Trionfa, sconfiggendo di misura l’avversario democratico, John Corzine. Nel 2013, dopo aver declinato la candidatura alla presidenza della Repubblica, è confermato governatore. In quest’occasione, sconfiggendo Barbara Buono. Fino a un anno fa, sembrava il leader con maggiore chance. La sua immagine carismatica, però, è stata fortemente indebolita dallo scandalo del ponte George Washington, nel quale si è visto coinvolto senza peraltro averne alcuna responsabilità. Durante l’urgano Sandy, ha ricevuto le congratulazioni del presidente Obama per la maniera come ha gestito l’emergenza. Ha fama di parlar chiaro e di riuscire a suscitare subito simpatie.

Figura forse più grigia dello spumeggiante Christie è l’altro italo-americano: Richard John Santorum. Figlio di Aldo Santorum, originario di Riva del Garda, e di Catherine Dughi, di origini per metà irlandesi e per metà italiane, è assai conservatore in campo sociale, fiscale e biotecnico. E’ cattolico, affiliato al movimento Regnum Chisti.

Santorum è particolarmente noto per le sue posizioni radicali conservatrici, specialmente sui temi dell’omosessualità e dell’eutanasia. Nel 2012, quando si candidò alle primarie, fu visto come un outsider senza nessuna possibilità di vittoria. Ma s’impose nella prima tornata elettorale nello Iowa sul favorito Mitt Ronney. L’ascesa è tale da farlo trionfare in stati come Alabama e Missouri con un budget di gran lunga inferiore a quello dei rivali. Poi, a causa delle precarie condizioni di salute della figlia, si ritira dalla corsa alla nomination.

Oggi torna a essere di nuovo uno dei “papabili”.
Manca ancora molto alle primarie e ancor più alle presidenziali del 2016. I candidati, per il momento, riscaldano i motori in attesa che il panorama offra una schiarita e sia definitiva la rosa degli aspiranti. Ma fin d’ora, vista la quantità delle personalità in lizza, c’è da scommettere con non sarà una campagna noiosa.

(Mariza Bafile/Voce)

Ultima ora

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

Archivio Ultima ora