Atene tra attesa e paura, il peggio deve ancora venire

Pubblicato il 21 luglio 2015 da redazione

janet_greek

ATENE. – Sotto la canicola gli ateniesi attendono l’ennesima giornata di passione osservando frotte di turisti sciamare dall’Acropoli a Syntagma. “Fino ad una settimana fa ce n’erano molti meno: sono arrivati appena è stato chiaro che la Grecia non sarebbe uscita dall’euro. Almeno per ora”, dice Eleni con un sorriso triste mentre attende che una comitiva di scandinavi alle prese con cappellini e ombrelli salga sull’autobus scoperto per il giro turistico.

A poche ore dal voto in Parlamento sulla seconda tranche di riforme – giustizia civile e banche – chieste dall’Europa per sbloccare i finanziamenti e ridare fiato ad un paese altrimenti morto, l’opinione più diffusa tra la gente è che nessuno sa davvero come andrà a finire. Neanche Tsipras può stare tranquillo, ti dicono tra i tavoli dei caffè: “domani potrebbe essere la sua Waterloo”.

Dunque si aspetta, tra rabbia e paura. Rabbia di esser finiti ancora una volta in un gioco più grande dove a pagare sono sempre e solo i più deboli; paura di non sapere come affrontare i mesi che verranno: “ora è pieno di turisti e i ragazzi riescono a fare qualche lavoretto sulle isole. Ma se torni ad ottobre saranno tutti disoccupati” afferma convito Demetrios davanti all’ingresso della metro in piazza Syntagma.

Eppure, a vederla con gli occhi del forestiero, Atene sembra una capitale come tante altre: traffico, rumori, facce e colori diversi che si mescolano, ristoranti e alberghi in cui entrano ed escono giovani pieni di piercing e donne in tailleur, uomini in giacca e cravatta che sfilano accanto a straccioni che chiedono l’elemosina senza neanche degnarli di uno sguardo.

Panagiotis il gioielliere in via Mitropoleos ha una sua teoria. “Quella che vedi – spiega al cronista – è una realtà virtuale. Si cerca di fare quel che si è sempre fatto, senza voltarsi indietro e senza guardare avanti. Finché dura va bene. Ma non c’è niente di vero. E’ tutta apparenza”. E allora qual è la realtà? Crhissa ha 53 anni e fa l’insegnante d’italiano, quando lavora; nel 2012 la sua famiglia ha toccato con mano cosa significa pagare il conto della crisi: “mio padre aveva tre fabbriche di mobili, ha tenuto fino alla fine ma poi ha dovuto chiudere. Sei famiglie sono rimaste senza lavoro”.

Nella sua casa sulla collina di Vironas si aspetta il voto di domani senza troppo speranza. “Temo che il peggio debba ancora venire: perché non sarà una riforma a farci più poveri ma la mancanza di un futuro. Questi ultimi cinque anni sono stati devastanti, i poveri sono diventati sempre più poveri e il ceto medio è caduto sempre più in basso. Ci sono un milione e mezzo di disoccupati e 3 milioni di nuovi poveri su una popolazione di 10 milioni di persone. Quasi la metà dei greci non ha nulla”.

Tutto ciò non lo vedi perché, dice Chrissa, “i greci sono orgogliosi. Nessuno ti dirà mai che è povero, che non ha i soldi per pagare la luce o per accendere il riscaldamento. Ma la realtà è questa”.

Il salario minimo d’ingresso, per un giovane sotto i 25 anni con 4 anni d’esperienza, è di 510 euro lordi. Che diventano 586 se si ha più di 25 anni. “Ma mi dici come fai a vivere con queste cifre?” chiede Crhissa spiegando dati e numeri: “120 euro ci vogliono per la luce, una cinquantina per il telefono e altrettanti per l’acqua. Poi bisogna mangiare e pagare l’affitto. Impossibile. E infatti più nessuno paga”.

Ippokratus è il grande viale che separa la zona bene di Kolonaki da Exarchia, il quartiere degli anarchici, che in realtà e anche un dedalo di stradine piene di gente e di vita. Al ‘K Vox’, il centro culturale occupato nel 2012, la rabbia contro Tsipras e Syriza è stampata sui muri e nei manifesti che invitano a scendere nuovamente in piazza.

Il timore di molti è che ci saranno nuovi scontri ma per Hibai e Tina il problema non è questo. “Bisogna fermare questo ricatto impostoci dall’Europa – dicono – ed impedire al governo di svendere la Grecia, questo è il punto. E’ ora che paghi qualcun altro”. Cosa accadrà domani resta dunque un’incognita.

In tanti sono ormai convinti che Tsipras, anche se supererà il voto, potrebbe cadere presto. Ma tutti sanno che quelli che c’erano prima non hanno fatto certo di meglio. “Quelli più disperati e gli ignoranti votano Alba Dorata, che oggi è il terzo partito. E se cade Tsipras – scuote la testa Chrissa – potrebbero salire ancora. Ci mancano solo i fascisti”.

(dell’inviato Matteo Guidelli/ANSA)

Ultima ora

20:40Uzbekistan: Mirziyoyev eletto presidente

(ANSA) - MOSCA, 5 DIC - Il premier uzbeko Shavkat Mirziyoyev ha stravinto le elezioni presidenziali in Uzbekistan - ritenute irregolari dall'Osce - con l'88,61% dei voti (15,9 milioni di preferenze). Mirziyoyev era considerato il favorito, anche perché il parlamento gli aveva già affidato la presidenza ad interim benchè, secondo la legge, la carica avrebbe dovuto andare al presidente del Senato, Nigmatilla Yuldashev, dopo la morte del presidente Islam Karimov.

20:31Uccise i genitori, figlio adottivo si suicida in carcere

(ANSA) - CAGLIARI, 5 DIC - Igor Diana, il 28enne in carcere per aver ucciso nel maggio scorso, nella loro abitazione di Settimo San Pietro (Cagliari), i genitori adottivi, Giuseppe Diana, di 67 anni, e la moglie Luciana Corgiolu, di 62, si è suicidato nella cella del carcere di Cagliari-Uta, dove era rinchiuso. Il giovane si è tolto la vita impiccandosi. Inutile ogni tentativo di rianimarlo da parte del personale medico del penitenziario.

20:31Referendum: Casa Bianca, non è come la Brexit

(ANSA) - WASHINGTON, 5 NOV - "E' rischioso semplificare paragonando i potenziali effetti del referendum sulla Brexit con quelli del referendum italiano": lo ha detto Josh Earnest, portavoce della Casa Bianca, rispondendo ad una domanda sulla consultazione referendaria italiana nel suo briefing con la stampa. Earnest ha ammonito a non dipingere i potenziali effetti dell'esito del referendum in modo troppo generalizzato, ricordando che esso non riguardava la relazione con l'Ue.

20:28Gb: pedofilia, centenario a processo a Birmingham

(ANSA) - LONDRA, 5 DIC - Un ennesimo caso di pedofilia imbarazza la giustizia britannica che porta oggi a processo a Birmingham un uomo di ben 101 anni, accusato di una trentina di episodi di stupro e molestie sessuali contro bambini risalenti a tre-quattro decenni fa, ma mai puniti ne' finora perseguiti. L'uomo, Ralph Clarke, che ovviamente non pare destinato a scontare ormai neppure un giorno di prigione anche se riconosciuto colpevole, nega tutto. Ma l'accusa gli contesta, denunce alla mano, di aver perpetrato fra il 1974 e il 1983 abusi ripetuti su almeno tre bambini. Clarke, che e' un ex autotrasportatore originario dell'area metropolitana di Birmingham (Inghilterra centrale), potrà assistere a udienze non piu' lunghe di 4 ore al giorno in ragione dell'eta' ed e' stato autorizzato a sedersi fra il pubblico invece che nella 'gabbia' degli imputati, riferisce la Bbc.

20:28Morti in corsia, il medico rimane in carcere

(ANSA) - MILANO, 5 DIC - Rimane in carcere Leonardo Cazzaniga, il medico accusato di omicidio per i morti in corsia all'ospedale di Saronno (Varese). Lo ha deciso il gip di Busto Arsizio, respingendo la sua richiesta di arresti domiciliari. Cazzaniga comparirà davanti ai pm in settimana. Che volesse cercare di chiarire la sua posizione, il medico l'aveva detto dopo l'arresto nell'interrogatorio davanti al gip che deve decidere su un'istanza di arresti domiciliari chiesti dalla difesa. Aveva anche detto di aver somministrato farmaci ai pazienti, che poi morirono, per alleviare le sofferenze della loro malattia ma di non aver avuto intenzione di uccidere nessuno. La sua amante, l'infermiera Laura Tironi, accusata dell'omicidio del marito (non di quelli provocati in ospedale) si era invece avvalsa della facoltà di non rispondere. I carabinieri hanno acquisito documenti nei giorni scorsi anche nella sede dell'Azienda Sanitaria Territoriale di Busto Arsizio, a cui fa capo l'ospedale di Saronno.

20:25Giudice arrestato, “nessun favore legato al mio ruolo”

(ANSA) - OLBIA, 5 DIC - "Non favori legati alla mia professione, ma reciproche cortesie nell'ambito di un rapporto amicale, creatosi per il tramite di amici comuni ma successivamente alle sentenze emesse nei loro confronti". Così si è difeso per oltre tre ore davanti al Gip di Roma, Vincenzo Cristiano, il giudice del tribunale di Tempio Pausania, 48 anni originario di Napoli, finito agli arresti domiciliari per corruzione perché avrebbe favorito processualmente alcuni suoi amici imprenditori, Umberto Galizia, 45 anni di Napoli, e Manuel Spano, di 38 di Olbia - entrambi ai domiciliari per concorso in corruzione - in cambio di regalie. Il giudice, assistito dai difensori Giovanni Azzena e Gerolamo Orecchioni, ha parlato negli uffici di piazzale Clodio, raccontando la sua verità al gip Giulia Proto nell' interrogatorio di garanzia. Cristiano, che a detta degli avvocati è apparso molto provato, "si è difeso da uomo di Stato nel rispetto delle istituzioni, anche se, avendo la coscienza pulita, è addolorato da quanto accaduto".

20:23MH370: familiari vittime, ‘ricompensa a chi trova rottami’

(ANSA-AP) - ANTANANARIVO, 5 DIC - Chiunque trovi un rottame dell'aereo del volo MH370 della Malaysia Airlines, scomparso dai radar con 239 persone a bordo l'8 marzo 2014 e probabilmente caduto nell'Oceano Indiano meridionale, riceverà una ricompensa in denaro. Lo hanno reso noto oggi in Madagascar alcuni familiari delle persone che erano sul velivolo, nella speranza che gli abitanti dell'isola, invogliati dal premio, si mettano a setacciare le coste. Nel frattempo è arrivato ad Antananarivo un funzionario incaricato delle indagini sulla scomparsa del Boeing 777 per raccogliere i rottami che sono già stati trovati e capire se appartengono effettivamente all'aereo. Malaysia, Australia e Cina intanto stanno per completare le ricerche con i sonar di profondità, finora senza successo, e hanno comunicato che le operazioni saranno sospese se si continuerà a non trovare nulla che permetta di individuare il punto d'impatto dell'aereo.

Archivio Ultima ora