Atene tra attesa e paura, il peggio deve ancora venire

Pubblicato il 21 luglio 2015 da redazione

janet_greek

ATENE. – Sotto la canicola gli ateniesi attendono l’ennesima giornata di passione osservando frotte di turisti sciamare dall’Acropoli a Syntagma. “Fino ad una settimana fa ce n’erano molti meno: sono arrivati appena è stato chiaro che la Grecia non sarebbe uscita dall’euro. Almeno per ora”, dice Eleni con un sorriso triste mentre attende che una comitiva di scandinavi alle prese con cappellini e ombrelli salga sull’autobus scoperto per il giro turistico.

A poche ore dal voto in Parlamento sulla seconda tranche di riforme – giustizia civile e banche – chieste dall’Europa per sbloccare i finanziamenti e ridare fiato ad un paese altrimenti morto, l’opinione più diffusa tra la gente è che nessuno sa davvero come andrà a finire. Neanche Tsipras può stare tranquillo, ti dicono tra i tavoli dei caffè: “domani potrebbe essere la sua Waterloo”.

Dunque si aspetta, tra rabbia e paura. Rabbia di esser finiti ancora una volta in un gioco più grande dove a pagare sono sempre e solo i più deboli; paura di non sapere come affrontare i mesi che verranno: “ora è pieno di turisti e i ragazzi riescono a fare qualche lavoretto sulle isole. Ma se torni ad ottobre saranno tutti disoccupati” afferma convito Demetrios davanti all’ingresso della metro in piazza Syntagma.

Eppure, a vederla con gli occhi del forestiero, Atene sembra una capitale come tante altre: traffico, rumori, facce e colori diversi che si mescolano, ristoranti e alberghi in cui entrano ed escono giovani pieni di piercing e donne in tailleur, uomini in giacca e cravatta che sfilano accanto a straccioni che chiedono l’elemosina senza neanche degnarli di uno sguardo.

Panagiotis il gioielliere in via Mitropoleos ha una sua teoria. “Quella che vedi – spiega al cronista – è una realtà virtuale. Si cerca di fare quel che si è sempre fatto, senza voltarsi indietro e senza guardare avanti. Finché dura va bene. Ma non c’è niente di vero. E’ tutta apparenza”. E allora qual è la realtà? Crhissa ha 53 anni e fa l’insegnante d’italiano, quando lavora; nel 2012 la sua famiglia ha toccato con mano cosa significa pagare il conto della crisi: “mio padre aveva tre fabbriche di mobili, ha tenuto fino alla fine ma poi ha dovuto chiudere. Sei famiglie sono rimaste senza lavoro”.

Nella sua casa sulla collina di Vironas si aspetta il voto di domani senza troppo speranza. “Temo che il peggio debba ancora venire: perché non sarà una riforma a farci più poveri ma la mancanza di un futuro. Questi ultimi cinque anni sono stati devastanti, i poveri sono diventati sempre più poveri e il ceto medio è caduto sempre più in basso. Ci sono un milione e mezzo di disoccupati e 3 milioni di nuovi poveri su una popolazione di 10 milioni di persone. Quasi la metà dei greci non ha nulla”.

Tutto ciò non lo vedi perché, dice Chrissa, “i greci sono orgogliosi. Nessuno ti dirà mai che è povero, che non ha i soldi per pagare la luce o per accendere il riscaldamento. Ma la realtà è questa”.

Il salario minimo d’ingresso, per un giovane sotto i 25 anni con 4 anni d’esperienza, è di 510 euro lordi. Che diventano 586 se si ha più di 25 anni. “Ma mi dici come fai a vivere con queste cifre?” chiede Crhissa spiegando dati e numeri: “120 euro ci vogliono per la luce, una cinquantina per il telefono e altrettanti per l’acqua. Poi bisogna mangiare e pagare l’affitto. Impossibile. E infatti più nessuno paga”.

Ippokratus è il grande viale che separa la zona bene di Kolonaki da Exarchia, il quartiere degli anarchici, che in realtà e anche un dedalo di stradine piene di gente e di vita. Al ‘K Vox’, il centro culturale occupato nel 2012, la rabbia contro Tsipras e Syriza è stampata sui muri e nei manifesti che invitano a scendere nuovamente in piazza.

Il timore di molti è che ci saranno nuovi scontri ma per Hibai e Tina il problema non è questo. “Bisogna fermare questo ricatto impostoci dall’Europa – dicono – ed impedire al governo di svendere la Grecia, questo è il punto. E’ ora che paghi qualcun altro”. Cosa accadrà domani resta dunque un’incognita.

In tanti sono ormai convinti che Tsipras, anche se supererà il voto, potrebbe cadere presto. Ma tutti sanno che quelli che c’erano prima non hanno fatto certo di meglio. “Quelli più disperati e gli ignoranti votano Alba Dorata, che oggi è il terzo partito. E se cade Tsipras – scuote la testa Chrissa – potrebbero salire ancora. Ci mancano solo i fascisti”.

(dell’inviato Matteo Guidelli/ANSA)

Ultima ora

21:30Calcio: Manchester, lutto al braccio e minuto di silenzio

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Manchester United e Ajax, squadre finaliste di Europa League, hanno osservato un minuto di silenzio prima della partita in corso ora alla Friends Arena di Stoccolma, in onore delle vittime dell'attentato di lunedì sera al concerto di Ariana Grande. Ben prima del termine dell'omaggio, con i giocatori abbracciati in mezzo al campo, il pubblico non ha trattenuto il silenzio e si è unito in un applauso inneggiando alla città colpita dal terrorismo. La squadra di Mourinho gioca con il lutto al braccio.

21:08Calcio: Mourinho, giocheremo senza felicità

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Mi aspetto una grande partita e mi aspetto che il Manchester United non sia giudicato da questa partita per tutta la stagione: ma soprattutto, giochiamo una finale di Europa League senza la felicità che comporterebbe". Così José Mourinho parla della sfida all'Ajax, tornando ad esprimere il dolore per l'attentato di Manchester. "Di solito, partite così si giocano con la felicità dentro - ha detto il tecnico portoghese pochi minuti prima del fischio d'inizio a Stoccolma - ma questa volta non è così, non può essere così".

21:03Bambino investito da un’auto a Roma, è grave

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Un bambino di 5 anni è stato investito da un'auto nel pomeriggio a Roma. E' accaduto in via Laodicea, zona San Paolo. Il piccolo è stato trasportato in gravi condizioni dal 118 in ospedale. Sembra fosse in compagnia di uno zio quando è stato travolto. Sul posto per i rilievi la polizia locale. Dalle primissime informazioni, sembra che il bambino sia sbucato all'improvviso tra le auto in sosta per attraversare quando l'auto lo ha investito in una stradina stretta che costeggia un piccolo parco pubblico. Secondo quanto si è appreso, in quel punto non ci sarebbero le strisce pedonali. Il piccolo è stato trasportato in ospedale in codice rosso, ma sembrerebbe non sia in pericolo di vita. La polizia locale sta effettuando accertamenti per ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente. Sono state raccolte alcune testimonianze. Sembrerebbe che il bimbo sia un nomade e che quando è stato investito fosse in compagnia di uno zio.

20:58Ddl toghe sporche: Senato approva all’unanimità

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - L'Aula di Palazzo Madama approva il ddl che inasprisce le pene per i magistrati che commettono i reati contro la Pubblica Amministrazione con 178 sì, senza contrari né astenuti. Il provvedimento passa ora all'esame della Camera

20:53Renzi, Rosatellum ha numeri Camera, vediamo se a Senato

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "La mia posizione è il Mattarellum, al Mattarellum dicono di no. Abbiamo presentato il Rosatellum, secondo me alla Camera i numeri potrebbe averli: bisogna che gli altri ci dicano se li ha anche al Senato o no". Lo dice Matteo Renzi, interpellato a margine del Maurizio Costanzo Show. "Vediamo un po', il punto vero è che noi stiamo facendo le cose sul serio per accogliere l'invito del presidente della Repubblica, dopodiché gli italiani valuteranno chi sta dalla parte della soluzione e chi no", aggiunge.

20:49G7: Politico, Trump mantiene incertezze su commercio e clima

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAG - Commercio e clima tengono in sospeso il testo del comunicato finale del G7 di Taormina a causa delle incertezze mantenute sino ad oggi dagli americani. Lo scrive Politico, citando alcuni dirigenti e diplomatici stranieri e uno americano. Finora, secondo Politico, la parte statunitense ha sottoposto punti generici che impediscono di definire con precisione le posizioni che i leader discuteranno venerdì e sabato in Sicilia. Un dirigente americano che ha visto i 'key point' Usa ha riferito che Washington ha accettato di includere solo un linguaggio generico nel 'communique' del G7, come "promuovere la prosperità economica e la crescita globale". E ha anticipato che Trump parlerà "delle pratiche commerciali sleali e di altre questioni globali, come il ruolo dell'innovazione nell'economia, l'uguaglianza delle donne e la sicurezza alimentare". (ANSA).

20:38Blitz Gdf in filiale Unicredit a Olbia, s’indaga per usura

(ANSA) - OLBIA, 24 MAG - La Guardia di finanza di Olbia ha acquisito una serie di documenti in una filiale Unicredit della città gallurese, relativi a finanziamenti erogati alla Cite Commerciale Srl,a seguito del fallimento di quest'ultima. Oggi al direttore della filiale è stato notificato un ordine di esibizione firmato dal Procuratore della Repubblica di Tempio, Domenico Fiordalisi. L'attività, coordinata dal maggiore delle Fiamme gialle Marco Salvagno, è stata disposta nell'ambito di un'inchiesta che ipotizza il reato di usura ai danni della società olbiese. La Cite commerciale srl, che si occupava della vendita di materiale e impianti idraulici, era fallita a causa di debiti per una somma vicina ai 3 milioni di euro maturati con le banche. La Procura di Tempio sta procedendo con le indagini per verificare se i tassi applicati ai prestiti avessero superato i limiti previsti dalla legge. Si parla di interessi sui prestiti che arriverebbero, stando ai conteggi effettuati da un consulente, sino al 18 per cento. (ANSA).

Archivio Ultima ora