Atene tra attesa e paura, il peggio deve ancora venire

Pubblicato il 21 luglio 2015 da redazione

janet_greek

ATENE. – Sotto la canicola gli ateniesi attendono l’ennesima giornata di passione osservando frotte di turisti sciamare dall’Acropoli a Syntagma. “Fino ad una settimana fa ce n’erano molti meno: sono arrivati appena è stato chiaro che la Grecia non sarebbe uscita dall’euro. Almeno per ora”, dice Eleni con un sorriso triste mentre attende che una comitiva di scandinavi alle prese con cappellini e ombrelli salga sull’autobus scoperto per il giro turistico.

A poche ore dal voto in Parlamento sulla seconda tranche di riforme – giustizia civile e banche – chieste dall’Europa per sbloccare i finanziamenti e ridare fiato ad un paese altrimenti morto, l’opinione più diffusa tra la gente è che nessuno sa davvero come andrà a finire. Neanche Tsipras può stare tranquillo, ti dicono tra i tavoli dei caffè: “domani potrebbe essere la sua Waterloo”.

Dunque si aspetta, tra rabbia e paura. Rabbia di esser finiti ancora una volta in un gioco più grande dove a pagare sono sempre e solo i più deboli; paura di non sapere come affrontare i mesi che verranno: “ora è pieno di turisti e i ragazzi riescono a fare qualche lavoretto sulle isole. Ma se torni ad ottobre saranno tutti disoccupati” afferma convito Demetrios davanti all’ingresso della metro in piazza Syntagma.

Eppure, a vederla con gli occhi del forestiero, Atene sembra una capitale come tante altre: traffico, rumori, facce e colori diversi che si mescolano, ristoranti e alberghi in cui entrano ed escono giovani pieni di piercing e donne in tailleur, uomini in giacca e cravatta che sfilano accanto a straccioni che chiedono l’elemosina senza neanche degnarli di uno sguardo.

Panagiotis il gioielliere in via Mitropoleos ha una sua teoria. “Quella che vedi – spiega al cronista – è una realtà virtuale. Si cerca di fare quel che si è sempre fatto, senza voltarsi indietro e senza guardare avanti. Finché dura va bene. Ma non c’è niente di vero. E’ tutta apparenza”. E allora qual è la realtà? Crhissa ha 53 anni e fa l’insegnante d’italiano, quando lavora; nel 2012 la sua famiglia ha toccato con mano cosa significa pagare il conto della crisi: “mio padre aveva tre fabbriche di mobili, ha tenuto fino alla fine ma poi ha dovuto chiudere. Sei famiglie sono rimaste senza lavoro”.

Nella sua casa sulla collina di Vironas si aspetta il voto di domani senza troppo speranza. “Temo che il peggio debba ancora venire: perché non sarà una riforma a farci più poveri ma la mancanza di un futuro. Questi ultimi cinque anni sono stati devastanti, i poveri sono diventati sempre più poveri e il ceto medio è caduto sempre più in basso. Ci sono un milione e mezzo di disoccupati e 3 milioni di nuovi poveri su una popolazione di 10 milioni di persone. Quasi la metà dei greci non ha nulla”.

Tutto ciò non lo vedi perché, dice Chrissa, “i greci sono orgogliosi. Nessuno ti dirà mai che è povero, che non ha i soldi per pagare la luce o per accendere il riscaldamento. Ma la realtà è questa”.

Il salario minimo d’ingresso, per un giovane sotto i 25 anni con 4 anni d’esperienza, è di 510 euro lordi. Che diventano 586 se si ha più di 25 anni. “Ma mi dici come fai a vivere con queste cifre?” chiede Crhissa spiegando dati e numeri: “120 euro ci vogliono per la luce, una cinquantina per il telefono e altrettanti per l’acqua. Poi bisogna mangiare e pagare l’affitto. Impossibile. E infatti più nessuno paga”.

Ippokratus è il grande viale che separa la zona bene di Kolonaki da Exarchia, il quartiere degli anarchici, che in realtà e anche un dedalo di stradine piene di gente e di vita. Al ‘K Vox’, il centro culturale occupato nel 2012, la rabbia contro Tsipras e Syriza è stampata sui muri e nei manifesti che invitano a scendere nuovamente in piazza.

Il timore di molti è che ci saranno nuovi scontri ma per Hibai e Tina il problema non è questo. “Bisogna fermare questo ricatto impostoci dall’Europa – dicono – ed impedire al governo di svendere la Grecia, questo è il punto. E’ ora che paghi qualcun altro”. Cosa accadrà domani resta dunque un’incognita.

In tanti sono ormai convinti che Tsipras, anche se supererà il voto, potrebbe cadere presto. Ma tutti sanno che quelli che c’erano prima non hanno fatto certo di meglio. “Quelli più disperati e gli ignoranti votano Alba Dorata, che oggi è il terzo partito. E se cade Tsipras – scuote la testa Chrissa – potrebbero salire ancora. Ci mancano solo i fascisti”.

(dell’inviato Matteo Guidelli/ANSA)

Ultima ora

11:04Ancora chiusa per neve statale Val di Chienti

(ANSA) - FOLIGNO (PERUGIA), 19 GEN - Ancora completamente chiusa al traffico a causa della neve la statale 77 Val di Chienti, il nuovo tracciato, che collega Umbria e Marche. La precipitazione sta interessando in particolare la zona del valico di Colfiorito dove - si apprende dalla polizia stradale - continua la tormenta con gelo e vento. Chiuso al transito per i mezzi pesanti anche il vecchio tracciato della Val di Chienti. Le auto possono comunque transitare solo con catene montate. In azione ininterrottamente i mezzi spazzaneve e spargisale dell'Anas.

10:46Ritira pizzo con bimbo di 3 anni, presi figlio e moglie boss

(ANSA) - CASERTA, 19 GEN - Richieste di pizzo periodiche che arrivavano anche a 8mila euro e il figlio del boss che andava a ritirare le somme portando con sé il suo bambino di 3 anni: è quanto hanno accertato i carabinieri di Caserta che oggi hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria Maria Buttone, moglie dell'ex boss del clan Belforte di Marcianise (Caserta) Domenico Belforte, il figlio della coppia, Salvatore Belforte e la sua compagna, Alessandra Golino. La moglie del boss - che dopo essere stata scarcerata, malgrado i domiciliari, era subito rientrata in azione ricoprendo il ruolo di reggente impartendo ordini agli uomini del clan attraverso il figlio - è stata presa dai carabinieri a Rimini mentre gli altri due indagati a Marcianise, dalla Polizia di Stato. Vittime del clan numerosi imprenditori del Casertano. (ANSA).

10:35Mercatone Uno, 10 indagati da Gdf per bancarotta fraudolenta

(ANSA) - BOLOGNA, 19 GEN - Il nucleo di Polizia tributaria della Gdf di Bologna, coordinato dalla Procura della Repubblica con il Pm Michele Martorelli, sta eseguendo perquisizioni nei confronti di dieci persone, ex soci e amministratori del gruppo Mercatone Uno, indagate per bancarotta fraudolenta patrimoniale per distrazione. L'accusa è di aver 'spogliato', attraverso sofisticate manovre finanziarie e societarie, la struttura commerciale per oltre 300 milioni di euro. Contestualmente le Fiamme gialle stanno eseguendo un decreto di sequestro preventivo, disposto dal Gip Mirko Margiocco, delle quote della Cve Srl, in cui sono illecitamente confluiti i numerosi immobili, su tutto il territorio nazionale e del valore di 170 milioni, di cui il gruppo era in possesso e dove ancora si esercita l'attività commerciale. (ANSA).

10:26Notte tranquilla per terremotati dell’Umbria

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 19 GEN - E' stata una notte relativamente tranquilla quella trascorsa dagli abitanti di Norcia, Cascia e Preci dopo che nella giornata di ieri è tornata la paura del terremoto nel centro Italia. Due le scosse più significative avvertite dalla popolazione: una alle 2.53 e l'altra alle 2.28. Molti, in particolare a Cascia, la notte l'hanno comunque trascorsa negli alberghi del perugino, messi a disposizione dalla Protezione civile. In pochi, invece, hanno optato per dormire negli spazi comuni dei container collettivi allestiti dal Comune di Norcia. E ancora una volta c'è chi ha preferito resistere dentro le tensostrutture pur di non lasciare la propria terra. Sul fronte meteo è da registrare che nella notte la neve ha smesso di cadere. Le strade in Valnerina sono tornate quasi tutte percorribili grazie al lavoro dei vigili del fuoco che con le turbine sono riusciti a liberare ampi tratti. Qualche criticità permangono a Cascia e Preci dove ci ancora delle frazioni difficili da raggiungere.

10:12Terremoto: notte tra scosse, nei centri di accoglienza

(ANSA) - MONTEMONACO (ASCOLI PICENO), 19 GEN - Notte tra scosse di terremoto, avvertite dalle popolazioni anche se più leggere di quelle di ieri, e disagi per la neve nelle Marche. Molti, in particolare nei Comuni del cratere sismico, hanno scelto di dormire nel strutture riaperte dai comuni stessi. Ma il problema è che sono ancora moltissime le frazioni isolate dalla neve, anche se i mezzi spartineve e di soccorso hanno lavorato praticamente fino a tarda notte e in qualche caso tutta la notte. Varie le persone che hanno tentato di raggiungere a piedi i centri abitati e sono state soccorse: a Montemonaco il titolare di un ristorante di Cittadella è stato tratto in salvo dal comandante della Stazione Forestale Carabinieri, che è riuscito a raggiungerlo dopo 4 ore. Ancora difficile la viabilità nelle aree interne per neve e ghiaccio. La Superstrada Salaria è ancora chiusa al traffico fra Acquasanta Terme e Arquata del Tronto; interrotto anche un tratto della Ss 77 Val di Chienti, fra Muccia e Foligno.

10:10‘Ndrangheta: appalti a cosche, fermati 35 imprenditori

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 19 GEN - Un'operazione della Guardia di finanza di Reggio Calabria e Cosenza è stata condotta per l'esecuzione di un provvedimento di fermo emesso dalle Dda di Reggio e Catanzaro nei confronti di 35 imprenditori e per il sequestro di 54 imprese in tutta Italia. Gli indagati sono accusati a vario titolo di associazione mafiosa, associazione per delinquere aggravata dalle modalità mafiose, turbata libertà degli incanti, frode nelle pubbliche forniture, corruzione e falso ideologico in atti pubblici. Dalle indagini è emerso come un importante gruppo imprenditoriale della piana di Gioia Tauro si era posto come punto di riferimento della cosca Piromalli per turbare almeno 27 gare nel periodo 2012/2015 riguardanti lavori pubblici. Inoltre un noto imprenditore, grazie alle relazioni con il clan Muto, attivo sulla costa dell'alto Tirreno cosentino, e con il reggente della cosca cosentina Lanzino - Ruà - Patitucci, si sarebbe aggiudicato i più importanti appalti della provincia di Cosenza nel periodo 2013/2015.

09:50Droga: ‘piazza di spaccio’ controllata da clan, 16 arresti

(ANSA) - CATANIA, 19 GEN - Su delega della Procura distrettuale di Catania, la Polizia di Stato sta eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 16 persone indagate, a vario titolo, di associazione mafiosa, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti. Le indagini condotte dalla Squadra mobile di Catania hanno permesso di disarticolare un gruppo criminale che, sotto l'egida dell'organizzazione mafiosa Cappello-Bonaccorsi, gestiva un fiorente traffico di sostanze stupefacenti ed una "piazza di spaccio" nello storico rione di San Cristoforo secondo un consolidato modello di tipo militare costituito da un articolato modulo di vedette, pusher e custodi della droga. Particolari sull'operazione saranno resi noti durante una conferenza stampa che si terrà alle 11 nella sala riunioni della Questura di Catania.

Archivio Ultima ora