Case, palazzi, terreni, il patrimonio dello Stato vale 59 miliardi

CASE-POPOLARI

ROMA. – Case, palazzi, terreni, boschi, strade, ammonta a quasi 59 miliardi il patrimonio immobiliare dello Stato: in totale 47.042 beni che sono registrati nel bilancio pubblico, non a valori di mercato, per 58,9 miliardi di euro. Del conto fanno parte 32.691 fabbricati e 14.351 terreni di tutti i tipi, edificabili e agricoli ma anche strade, miniere e siti archeologici. La fotografia è dell’ Agenzia del Demanio che ha messo online tutti i dati nell’ambito del progetto Opendemanio che permette di analizzare il numero, il tipo e il valore dei beni in ogni provincia italiana. Sono i palazzi a valere di più con 54,1 miliardi mentre le aree in bilancio pesano 4,7.

La maggior parte dei fabbricati, il 58,9% per quasi 32 miliardi, rientra nella categoria indisponibile, cioè già in uso governativo, e solo il 27,9%, per un valore di poco più di 1,5 miliardi, è disponibile, utilizzabile quindi per progetti di valorizzazione. Nell’elenco rientrano anche 4.283 edifici, il 13,1% del totale, che fanno parte del Demanio Storico Artistico e sono quindi sottoposti a vincoli. Gli edifici storici sono quelli con il valore maggiore: oltre 20 miliardi, il 38% del totale.

Nei prossimi mesi poi saranno aggiunte informazioni di dettaglio sugli immobili e sui progetti in corso e verranno introdotte nuove funzionalità, come la geo-referenziazione dei beni, per rendere sempre più immediata e completa la consultazione dei dati. L’obiettivo finale è arrivare a poter scorrere la mappa e leggere le caratteristiche, il valore o i progetti che coinvolgono i palazzi pubblici.

Non sorprende che sia il Lazio la regione che ospita la maggior parte dei fabbricati con il 13% del totale. Al secondo posto si trova il Veneto con il 9% seguito Puglia, Sicilia e Toscana con circa il 7%. Le regioni con meno edifici pubblici sono invece la Valle D’Aosta, il Trentino Alto Adige, l’Umbria, le Marche e il Molise con meno del 2% a testa.

Anche per i terreni la distribuzione è simile con Lazio, Veneto e Toscana ai primi posti. Anche analizzando la mappa delle province si trova quella della capitale al primo posto: qui lo Stato possiede oltre 3 mila fabbricati per un valore superiore ai 15 miliardi. Al secondo posto ma molto distante Napoli con 700 edifici per 4,5 miliardi. Seguono Firenze con 600 per 3,1 miliardi e Milano con poco più di 500 per 2,5, valore pari a quello di Venezia dove però i palazzi sono 700. Tra gli altri capoluoghi Bologna con 600 per 1,5 miliardi, Palermo 700 per 1, Torino 950 per 1,5, a Bari 509 per 843 milioni e a Genova 531 per 650 milioni.

(di Simone Lupo Bagnacani/ANSA)