Immigrazione: venti morti in pochi giorni, migliaia salvi

Immigrati

ROMA. – Venti morti in una sola settimana, migliaia di persone salvate, tra cui molti minori: è il bilancio dei soccorsi avvenuti al largo delle coste italiane. Solo ieri sono stati soccorsi circa 1.780 migranti al largo della Libia dai mezzi di soccorso italiani. In uno dei gommoni, che sono stati recuperati dagli uomini della Guardia Costiera, sono stati trovati anche i cadaveri di 5 migranti, morti durante la traversata.

I soccorsi, coordinati dalla centrale operativa della Guardia Costiera a Roma, hanno visto coinvolti quattro gommoni ed un barcone che erano alla deriva tra le 30 e le 40 miglia a nord della Libia. Novantacinque persone che erano a bordo di un gommone sono state recuperate da due motovedette della Guardia Costiera e poi trasbordate sulla nave di Medici Senza Frontiere, che a sua volta aveva recuperato altri due gommoni a bordo di uno dei quali c’erano i cinque cadaveri. Un quarto gommone con 115 migranti a bordo è stato soccorso da una motovedetta della Guardia di Finanza mentre un barcone con oltre 360 persone è stato recuperato dal rimorchiatore Asso 29. Altri 1.000 migranti sono stati soccorsi in serata al largo della Libia.

In particolare la nave Fiorillo della Guardia costiera e un mercantile hanno recuperato 620 migranti che erano a bordo di un peschereccio. Altre 396 persone, anche queste a bordo di un secondo peschereccio sono invece state soccorse da una nave della Marina militare. Una nave con a bordo 435 profughi e le salme di due migranti è approdata a Cagliari intorno alle 16. Gli stranieri fanno parte di 1.230 migranti soccorsi ieri dalla Nave Sirio della Marina militare e dalla Guardia Costiera a largo coste libiche mentre si trovavano a bordo di due gommoni e tre barconi. In particolare i 435 e le salme erano a bordo di due barconi insieme ad altri 245 stranieri.

Sempre ieri sei presunti scafisti africani sono stati fermati dalla polizia a Messina dopo che ieri ha attraccato in porto la nave ”Ubaldo Diciotti” della Guardia costiera con 392 migranti che si trovavano su 4 natanti nel canale di Sicilia. Solo lunedì scorso altri tredici cadaveri di migranti erano stati recuperati su un barcone diretto verso l’Italia, raggiunto da mezzi di soccorso al largo delle coste della Libia. Sullo stesso barcone vi erano altri 522 migranti che sono stati tratti in salvo. In quella giornata erano state tratte in salvo 1.810 in cinque distinte operazioni.

Condividi: