Moto: Rossi riparte da Indianapolis per difendere la vetta

Third-placed Italian MotoGP rider Valentino Rossi of Movistar Yamaha MotoGP celebrates on the podium after the MotoGP race at the Motorcycle World Championship Grand Prix of Germany at the Sachsenring racing circuit in Hohenstein-Ernstthal, Germany, 12 July. EPA/HENDRIK SCHMIDT
Third-placed Italian MotoGP rider Valentino Rossi of Movistar Yamaha MotoGP celebrates on the podium after the MotoGP race at the Motorcycle World Championship Grand Prix of Germany at the Sachsenring racing circuit in Hohenstein-Ernstthal, Germany, 12 July.  EPA/HENDRIK SCHMIDT
Third-placed Italian MotoGP rider Valentino Rossi of Movistar Yamaha MotoGP celebrates on the podium after the MotoGP race at the Motorcycle World Championship Grand Prix of Germany at the Sachsenring racing circuit in Hohenstein-Ernstthal, Germany, 12 July. EPA/HENDRIK SCHMIDT

ROMA,. – Dopo tre settimane di stop, la MotoGP tornerà in pista domenica 9 agosto. Sul circuito di Indianapolis, Valentino Rossi deve riprendere da dove aveva lasciato al Sachsenring, ovvero dalla cima della classifica. Il pilota della Yamaha, che nella prima parte della stagione ha seguito un ruolino di marcia quasi perfetto con 9 podi di cui tre vittorie, conduce in classifica mondiale con 179 punti, mentre il suo rivale più vicino, Jorge Lorenzo, è a 13 di punti, a quota 166.

Lo spagnolo può essere molto pericoloso per Rossi soprattutto a Indianapolis. Sul circuito americano, Lorenzo ha già vinto, ma nel lontano 2009, mentre Rossi non è mai riuscito a ottenere lo stesso risultato sulla pista tratta dal famoso ovale della 500 miglia. La trasferta americana potrebbe essere molto favorevole ai piloti della Honda. Sia Marc Marquez che Dani Pedrosa, hanno vinto due volte a Indianapolis. Il campione del mondo in carica della MotoGP, Marquez, ha dominato nelle ultime due edizioni e vista la rinata confidenza con la Honda, dovuta al ritorno al telaio dello scorso anno, non è difficile pensare che il pilota da battere sia proprio lui.

Dopo tre settimane di vacanza, la lotta del mondiale sarà quindi subito serratissima. Chi sarà in grado di mantenere la costanza dei risultati fino alla gara di Misano, sarà un passo avanti per la conquista del titolo iridato. Il paddock del mondiale, comunque, arriverà a Indianapolis segnato dalla pausa estiva.

Non sarà presente il Team Forward, che ha visto l’arresto in Svizzera del suo patron, Giovanni Cuzari, accusato di corruzione e riciclaggio aggravato. La squadra che ha perso il main sponsor e uno dei suoi piloti (Stefan Bradl che correrà da Indianapolis con una Aprilia ufficiale), dovrebbe poter tornare per il prossimo GP a Brno il 16 agosto. La questione Forward sarà certamente tra gli argomenti della gara di Indianapolis, dato che l’assenza della squadra significa anche la mancata partenza di due italiani della Moto2 (su tre presenti quest’anno nella categoria): Simone Corsi e Lorenzo Baldassarri, che vengono appunto schierati dal team di Cuzari.