Boom in borsa per Zara. Il suo fondatore Amancio Ortega secondo uomo più ricco

Pubblicato il 06 agosto 2015 da redazione

zara-store

ROMA. – Inditex sfonda i 100 miliardi di euro di capitalizzazione alla Borsa di Madrid, forte del marchio Zara, e il suo fondatore Amancio Ortega sorpassa Warren Buffett come secondo uomo più ricco al mondo dopo Bill Gates. Il valore del più grande negozio di vestiti al mondo è aumentato nell’ultimo anno del 36% e Inditex è diventato l’unico gruppo spagnolo tra le circa 80 società “ipermiliardarie” globali, un club esclusivo di cui fanno parte solo altre cinque imprese dell’eurozona e nessuna italiana. In passato, altre due aziende iberiche avevano superato, per un certo periodo, il traguardo dei 100 miliardi: Telefonica, nel 2000, e Banco Santander lo scorso aprile, a seguito dell’aumento di capitale, ma ora sono state sorpassate dal commerciante galiziano.

Ortega, con un patrimonio stimato da Bloomberg in 72,3 miliardi di dollari, è a capo di un colosso con più di 6.700 negozi in quasi 90 paesi e 137 mila dipendenti. Ha 79 anni e vive ancora a La Coruna, sulla costa settentrionale della Spagna, dove ha aperto il primo negozio nel 1975 con la moglie Rosalia. E’ considerato l’inventore del fast fashion, il modello di business che consente di individuare nuove tendenze di moda, disegnare le collezioni, produrre i capi e distribuirli in poche settimane invece dei tradizionali due anni.

Per il gruppo Inditex, che include anche marchi come Massimo Dutti, Berschka e Stradivarius, “la velocità è la priorità numero uno, ben oltre i costi di produzione”. “L’integrazione verticale ci consente di abbreviare i tempi di consegna e ottenere una maggiore flessibilità tenendo al minimo le scorte di magazzino e i rischi legati alle mode”, spiega l’azienda.

Nel 2014 il gruppo ha immesso sul mercato 50 mila capi grazie al lavoro di 600 stilisti – di cui 250 solo per il marchio Zara – pronti a cogliere le tendenze viste alle ultime sfilate e portare nuove collezioni nei negozi nel minore tempo possibile. La corsa delle azioni Inditex è sostenuta dalla ripresa dell’economia spagnola, dalla crescita delle vendite on line e dall’euro debole.

Lo sprint degli ultimi mesi ha aumentato il distacco dai riveli storici come Hm, mentre la vera minaccia per il futuro sembra provenire da marchi dell’ecommerce come Zalando o Asos, che grazie ai loro negozi solo virtuali riescono ad essere ancora più veloci nel cogliere e soddisfare i desideri dei clienti persino rispetto agli inventori del fast fashion.

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora