Il Governo rilancia sulle riforme, ma la minoranza Pd non ci sta

Pubblicato il 09 agosto 2015 da redazione

L'aula del Senato a Palazzo Madama. REUTERS/Alessandro Bianchi

L’aula del Senato a Palazzo Madama. REUTERS/Alessandro Bianchi

ROMA. – Il governo ci riprova e sulle riforme tenta un’ennesima mediazione subito respinta dalla minoranza Dem. Il compito lo affida al ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina e al sottosegretario Luciano Pizzetti che, con una lettera aperta al “Corriere della Sera”, proprio come aveva fatto qualche giorno fa l’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, non solo difendono il ddl Boschi, ma suggeriscono una via d’uscita dall’empasse: inserire in Costituzione il principio dell’elettività dei senatori (come chiede la minoranza Dem).

Ma a due condizioni: la prima è che non si tocca l’articolo 2 del testo che è il cuore della riforma (la modifica può essere inserita nell’art. 10 o nel 35). La seconda è che i senatori saranno sempre e comunque consiglieri regionali, da eleggersi durante le Regionali, magari con un listino ad hoc come propongono Zanda e Ncd.

Il tentativo è respinto con forza dai leader della minoranza Pd al Senato, Miguel Gotor e Vannino Chiti. Il primo, afferma che si tratta della stessa identica proposta di mediazione avanzata in Commissione Affari Costituzionali e come tale “già respinta”. Il senatore sottolinea come di fatto si configuri sempre un’elezione di secondo grado che non c’entra nulla con la battaglia che i dissidenti portano avanti da mesi. Insomma, afferma il bersaniano Gotor, più che una “mediazione”, quella di Martina e Pizzetti è un “aggiramento”.

L’idea di un listino “a scorrimento con una quota di candidati al Consiglio regionale da dirottare preventivamente verso il Senato – avverte – è un modo con cui il “gran nominatore” dei deputati può mettersi d’accordo con i cacicchi locali dicendo loro: voi fate la lista per il Consiglio regionale con chi volete, ma il “listino” dei senatori lo scelgo io, stabilendo l’ordine d’ingresso”. Analogo, il ragionamento di Chiti che, dopo aver definito “un pasticcio” il Lodo, ribadisce come l’unica via d’uscita sia quella di rimettere mano all’art.2. “E’ come se volessero navigare ‘per buscar’ l’India e si ritrovassero in America”, commenta Chiti.

Una presa di posizione che irrita i vertici del partito. Debora Serracchiani chiede se vogliono votare “insieme a Razzi”. Mentre Lorenzo Guerini avverte: “Ok dialogo ma non si riparta da zero”. E se altri della minoranza Dem alla Camera usano toni più soft, come Cesare Damiano riconfermato alla presidenza della Commissione Lavoro, che si appella all’unità del partito e difende l’idea del “listino”, nell’opposizione il livello dello scontro con il governo resta alto.

Il presidente dei deputati FI Renato Brunetta si appella a Mattarella affinché valuti il da farsi visto che il governo “non ha più la maggioranza”. Gli emendamenti contro la riforma, ricorda, sono stati firmati da circa 176 senatori e la maggioranza assoluta a Palazzo Madama è di 161. Anche se il suo omologo al Senato Paolo Romani tende una mezza mano assicurando che “lo scoglio del Senato elettivo può essere superato”.

Martina e Pizzetti, dopo il “no” di Gotor e Chiti tornano a difendere il loro Lodo dicendo che in realtà la strada del listino “resta praticabile”; ma la tensione nel Pd è a livelli di guardia se subito dopo, a microfoni spenti, Dem al governo avvertono che la “vera battaglia” di fatto si gioca tutta sull’Italicum. “Nessuno di loro si placherà – assicurano i governativi – se non gli verrà concesso il premio alla coalizione anziché al partito”: Ma se Renzi cedesse sul punto, “sarebbe pazzo perché si rafforzerebbe il centrodestra e dentro casa avremmo subito una scissione”, come minacciato anche da Rosy Bindi in un’intervista a “Il Fatto Quotidiano”.

Nell’attesa di capire cosa accadrà a settembre, Renzi smentisce le voci secondo le quali lui starebbe tentando di far approdare la riforma direttamente in Aula senza aspettare che la Commissione, dove l’attendono più di 500mila emendamenti, ne concluda l’ esame. L’idea della “scorciatoia” non sembra abbia riscosso troppi consensi.

(di Anna Laura Bussa/ANSA)

Ultima ora

15:42Mondiali: Australia vuole Scolari come ct

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - L'Australia, attualmente senza allenatore per i Mondiali in Russia, vuole Luiz Felipe Scolari come ct per i 'Socceroos'. A rivelarlo è stato lo stesso 'Felipao' ad alcuni media del suo paese, il Brasile, dove si trova in vacanza dopo aver lasciato la panchina dei cinesi del Guangzhou Evergrande, con cui ha vinto tre campionati, una Coppa di Cina, due Supercoppe cinesi e una Champions asiatica. "E' vero, mi hanno contattato - ha detto Scolari -: il mio nome è nei loro radar". L'Australia è priva di tecnico perché Ange Postecoglu ha lasciato la squadra dopo aver ottenuto la qualificazione al Mondiale, in cui i Socceroos giocheranno nel gruppo C con Francia, Danimarca e Perù. Gli australiani erano interessati anche all'argentino Juan Antonio Pizzi, che però ha scelto l'Arabia Saudita. Così ora il presidente della federcalcio australiana, Steven Lowy, punta sul tecnico che ai Mondiali ha vinto nel 2002 con il Brasile ed è arrivato quarto nel 2006 con il Portogallo e nel 2014 ancora con il Brasile.

15:36Biotestamento: ok Senato art.1, si riprende alle 15.30

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Dopo aver respinto tutti gli emendamenti, anche quelli a scrutinio segreto, l'Aula del Senato dà il via libera all'articolo uno del provvedimento sul testamento biologico. I sì sono stati 154, 36 i no e 4 gli astenuti. L'Aula è stata sospesa e riprenderà alle 15.30 per votare gli emendamenti rimanenti.

15:09Eternit: Pg Cassazione, processi restino ‘spacchettati’

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Pg della Cassazione ha chiesto che siano dichiarati 'inammissibili' il ricorso della Procura e del Pg di Torino contro la decisione del Gup torinese che aveva 'spacchettato' il processo per le morti da Eternit, distribuendo la competenza anche a Napoli, Vercelli e Reggio Emilia. Il Gup, inoltre, aveva optato per l'omicidio colposo anziché doloso. Lo si è appreso dai familiari delle vittime presenti a piazza Cavour a Roma. Il Pg della Cassazione, Delia Cardia, ha chiesto di dichiarare inammissibile il ricorso di Pg e Pm torinesi e la Suprema Corte depositerà la sua decisione tra stasera e domani. Il Pg, a quanto ha riferito l'avvocato delle parti civili Marco Gatti, si è espresso anche per la conferma dell'accusa di omicidio colposo anziché doloso. Rammarico per la richiesta del Pg è stato espresso dal sindaco di Casale Monferrato, Titti Palazzetti, e da Assunta Prato dell'Associazione familiari vittime dell'amianto. (ANSA).

14:58Terrorismo: faceva proselitismo su web,condannato marocchino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - È stato condannato a sei anni di carcere Mouner El Aoual, detto 'Mido', il marocchino di 29 anni arrestato lo scorso aprile nel quadro di un'inchiesta contro il terrorismo. Ospite di una famiglia italiana, risultata estranea agli episodi contestati, è accusato di avere svolto attività di proselitismo via internet. Le indagini sono state svolte dai carabinieri del Ros con il coordinamento del pm Enrico Arnaldi di Balme. Per l'uomo la Procura di Torino aveva chiesto e ottenuto il giudizio immediato. (ANSA).

14:52Calcio: Udinese-Napoli, sale a 26 il numero dei Daspo

(ANSA) - UDINE, 13 DIC - E' salito a 26 il numero dei Daspo emessi dal Questore di Udine, Claudio Cracovia, a carico di altrettanti tifosi partenopei protagonisti di alcuni episodi finiti all'attenzione della Polizia in occasione dell'incontro di campionato tra Udinese e Napoli del 26 novembre. Oltre alle tre persone, una arrestata e due denunciate, identificate subito dopo i tafferugli scoppiati nel prepartita, la misura di prevenzione è stata emessa nei confronti di 22 persone, tutte identificate, che seppure fossero regolarmente con il biglietto si erano sedute in un'area della Tribuna diversa da quella loro assegnata, intimorendo nel contempo i tifosi locali con i propri comportamenti. Un ultimo Daspo è stato emesso nei confronti di un uomo di 33 anni, individuato come autore dell'accensione di un fumogeno all'interno del settore riservato ai sostenitori della squadra ospite. E' stato anche segnalato all'autorità giudiziaria per il possesso di ordigni pirotecnici. La posizione di altri tifosi è ancora al vaglio della Questura.

14:50Perquisizioni Gdf in azienda di yacht dopo denunce clienti

(ANSA) - GENOVA, 13 DIC - Questa mattina i militari della Guardia di Finanza di Savona, su delega della Procura, hanno eseguito perquisizioni e sequestri nei confronti della società MondoMarine, che costruisce yacht, e di parte dei soci, amministratori e consulenti. Le operazioni interessano i cantieri e gli uffici di Savona, Pisa e Milano, e hanno portato al sequestro di documentazione aziendale. L'operazione nasce dalle denunce di alcuni clienti che sostengono di essere stati truffati. Le ipotesi per le quali si procede sono truffa, bancarotta, falso in bilancio, ricorso abusivo al credito mediante fatture per operazioni inesistenti e distrazione di somme dalla contabilità aziendale. Il provvedimento arriva nel pieno della crisi di MondoMarine: il 6 dicembre non è arrivato il concordato preventivo per scongiurare il fallimento ma il tribunale, preso atto dell'interesse di un soggetto (Palumbo Group Shipyard) all' affitto del ramo d'azienda, ha rinviato tutto al 19 dicembre. Da una settimana il cantiere è occupato dai lavoratori.

14:44Froome: Nibali, aspettiamo le conclusioni

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Certo per il ciclismo non è un grande giorno, come non lo è per lui". Vincenzo Nibali commenta così all'Ansa la positività-choc di Chris Froome: il campione italiano, in questi giorni in allenamento in Croazia con il suo team Bahrain-Merida, dice però di aspettare a dare giudizi affrettati. "Sulla vicenda non entro nel merito - sottolinea il corridore siciliano - voglio aspettare correttamente le conclusioni".

Archivio Ultima ora