Italia dà battaglia al Tribunale di Amburgo. Girone ostaggio in India, Latorre sta male

Pubblicato il 10 agosto 2015 da redazione

I maro' italiani Salvatore Girone e Massimiliano Latorre  ANSA/MAURIZIO SALVI

I maro’ italiani Salvatore Girone e Massimiliano Latorre
ANSA/MAURIZIO SALVI

AMBURGO. – Salvatore Girone è tenuto in “ostaggio dall’India”, mentre le condizioni di salute di Massimiliano Latorre sono “a rischio, anche della vita, se fosse costretto a tornarvi”: “Chiediamo che tornino subito in libertà”. E’ entrata subito nel vivo, con toni accesi e senza esclusione di colpi, la battaglia giuridica sul caso dei Marò, approdato oggi al Tribunale internazionale sul diritto del mare di Amburgo, a oltre tre anni dalla sparatoria al largo del Kerala in cui morirono due pescatori indiani. Tra interventi in aula e documenti scritti, i due Paesi ricordano entrambi la “tradizionale amicizia” che li lega, ma il botta e risposta è durissimo.

“A Delhi Girone vive nell’ambasciata italiana e gode di una vita confortevole. Definirlo ostaggio è offensivo e inopportuno. Non c’è alcun motivo di urgenza” per farlo tornare in patria, replica secca l’India. Così come non c’è motivo, per Delhi, di ‘liberare’ Latorre dalle scadenze del permesso concessogli per motivi di salute, perché “potrebbe migliorare nei prossimi mesi” ed essere richiamato dalla Corte suprema indiana. L’India si oppone così alle richieste di misure cautelari avanzate dall’Italia a tutela dei suoi militari e, soprattutto, contesta la competenza dello stesso Tribunale a decidere sulla giurisdizione del caso che sia Delhi che Roma rivendicano.

“L’Italia è unita con i fucilieri Girone e Latorre”, ha twittato il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, prima che l’udienza cominciasse. A prendere la parola per primo per esporre la posizione italiana ai 21 giudici della corte è stato, a nome del governo, l’ambasciatore d’Italia all’Aja, Francesco Azzarello: i marò “non sono ancora stati incriminati di alcun reato”, ma l’India dimostra “disprezzo per il giusto processo” considerandoli già colpevoli. “Un atteggiamento che esemplifica al meglio l’impasse in cui oggi ci troviamo”, ha spiegato il diplomatico italiano ricordando “l’urgenza” dettata dalla “frustrazione, lo stress, il deterioramento delle condizioni mediche delle persone direttamente e indirettamente coinvolte”. Per questo, “in mancanza di un capo d’accusa, le restrizioni alla libertà” dei due Fucilieri e la loro “durata” sono “arbitrarie e ingiustificabili”, con possibili “conseguenze irreparabili”, e costituiscono “una violazione dei loro diritti fondamentali”, sostiene l’Italia, mettendo in guardia dal fatto che “ogni attentato ai diritti, alla salute e al benessere dei Fucilieri di Marina è una minaccia diretta ai diritti dell’Italia”. Continuando a trattenere sotto la giustizia indiana due militari italiani che erano in servizio per conto dello Stato su una nave battente bandiera italiana, l’India viola dunque “i propri obblighi internazionali” e “impedisce all’Italia di esercitare la propria giurisdizione”.

Ma la delegazione indiana non cede e ribatte punto per punto: “I marinai italiani – sostiene in aula e nelle ‘Osservazioni scritte’ – hanno sparato, in modo irresponsabile, con armi automatiche uccidendo due pescatori indiani disarmati, a bordo di un’imbarcazione indiana, in acque di competenza indiana”. Anzi, “l’India è sorpresa degli argomenti dell’Italia che ha descritto i marinai italiani come vittime, mentre le vere vittime sono i due pescatori uccisi” e le loro famiglie, ha sottolineato l’agente del governo indiano, Neeru Chadha. Nessuno sconto inoltre su quanto accaduto negli ultimi tre anni e mezzo: per l’India l’Italia è “in malafede” e “inaffidabile” per “non aver mantenuto promesse solenni” in passato. Il riferimento è al permesso concesso dalla giustizia indiana ai marò di rientrare in Italia per le elezioni del 2013. Il governo italiano annunciò in quelle settimane che non li avrebbe fatti tornare in India, ma dopo le proteste indiane i due Fucilieri vi tornarono nei tempi previsti dagli accordi. La partita insomma è complessa.

Adesso le repliche delle due delegazioni, poi la parola passerà al Tribunale. Nell’edificio bianco immerso nel verde della periferia di Amburgo, i giudici decideranno dell’immediato futuro di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, prima che il dossier passi alla corte arbitrale che si sta per costituire. Per i marò ancora qualche settimana di attesa, la sentenza non arriverà prima del 24 agosto.

(Laurence Figà-Talamanca/Ansa)

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora