Pensioni, ritocchi in due tempi. A settembre misure per gli esodati

Pubblicato il 11 agosto 2015 da redazione

esodati

ROMA. – Un primo passo, già a settembre, con cui si chiuderà la partita esodati e si renderà più facilmente accessibile la cosiddetta ‘opzione donna’, l’uscita anticipata in cambio del ricalcolo contributivo dell’assegno. E un secondo round, quello più delicato, subito dopo, quello sulla flessibilità in uscita che dovrebbe arrivare a mitigare le regole rigide per la pensione imposte dalla riforma Fornero.

Comincia a prendere forma ‘in due tempi’ l’intervento in materia previdenziale che il governo ha messo in cantiere per l’autunno. L’accordo per dare il via libera alla settima salvaguardia per gli esodati e per sbloccare ‘opzione donna’ c’è, assicura il presidente della commissione Lavoro Cesare Damiano, dopo aver parlato sia con Pier Carlo Padoan che con Giuliano Poletti e dopo due incontri tra commissione, ministeri dell’Economia e Ragioneria.

Ora la conferenza dei servizi dovrà certificare le risorse stanziate ma non impegnate per le prime sei salvaguardie, che l’Inps stima in 3,3 miliardi fino al 2022, che serviranno per il nuovo intervento. Ma già il 9 settembre è fissato un nuovo incontro e il nodo dovrebbe essere sciolto. Di meno facile composizione sembra la partita della flessibilità, anche perché le divergenze cominciano già in casa Pd, e in un quadro di margini di spesa ridotti all’osso, visti già i numerosi impegni che il governo si è preso per la prossima manovra. E a mettere subito un paletto chiaro ci pensa il viceministro dell’Economia, Enrico Mordano, secondo il quale interventi “di aggiustamento” ci possono essere ma solo a patto che le risorse si trovino all’interno del sistema previdenziale, senza chiamare in causa il bilancio pubblico. Anche perché le risorse, scarse, è meglio concentrarle per “aiutare le situazioni di povertà assoluta”.

Se questa sarà la linea dell’intero esecutivo diventerebbe così di difficile attuazione la proposta già all’esame della Camera, quella a prima firma Damiano, che almeno in fase di avvio avrebbe bisogno di essere finanziata. Damiano che a sua volta respinge categoricamente ipotesi di scambiare la possibilità di uscire prima dal mondo del lavoro in cambio del ricalcolo con il sistema contributivo dell’assegno, che comporterebbe penalizzazioni troppo alte, rendendo peraltro poco appetibile l’opzione, che invece va pensata per avere successo e favorire il ricambio generazionale.

Ma la sua proposta un costo ce l’ha, anche se, sottolinea l’esponente della minoranza Dem, le stime fatte dal presidente dell’Inps, Tito Boeri, che aveva parlato di circa 10 miliardi “sono esagerate”. E’ un calcolo che tornerebbe, spiega, se tutti i potenziali pensionandi approfittassero della finestra per andare in pensione prima (si prevede una uscita anticipata da 62 anni con 35 di contributi e una penalizzazione dell’8% che va a scalare al ridursi dell’anticipo). Il tema, insomma, è delicato e una decisione, si ripete nel governo, di sicuro non sarà presa prima di settembre.

Intanto Matteo Renzi, che pure aveva assicurato l’intenzione di intervenire, così come Padoan e Poletti, rimane concentrato su Sud e lavoro, e assicura che, visti i primi risultati incoraggianti, c’è tutta l’intenzione di “costruire e investire ancora”. I dati diffusi dall’Inps, scrive nella sua rubrica delle lettere su L’Unità, mostrano “una disparità tra regioni del centro nord e sud che ci riporta a quanto abbiamo detto nella recente direzione del Pd, sulla priorità da mettere sulle aree del mezzogiorno”.

E una conferma che il governo interverrà ancora per ridurre il costo del lavoro arriva anche dal responsabile economico del Pd, Filippo Taddei, che spiega che ancora non si è deciso se farlo “con la prosecuzione della decontribuzione per i neoassunti, selettiva o meno (ad esempio solo per il Sud). O con un taglio del cuneo fiscale per tutti” che costa “2 miliardi” ogni punto in meno. Di sicuro, aggiunge, “Interverremo anche per favorire il lavoro autonomo”.

Ultima ora

15:31Calcio: Donnarumma, tifosi Milan contro Raiola

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Da San Siro ai social network, monta la contestazione dei tifosi contro Gianluigi Donnarumma per aver messo in discussione il rinnovo con il Milan firmato a luglio per presunte pressioni psicologiche. Secondo chi lo ha visto allenarsi in mattinata a Milanello, l'umore del portiere è piuttosto negativo, in linea con quanto è apparso ieri durante la partita contro il Verona, quando ha reagito ai fischi e agli insulti scuotendo la testa sconsolato, fin quasi alle lacrime. Dopo la partita il ds rossonero Massimiliano Mirabelli ha criticato ("Sappiamo da dove viene il male") l'agente del portiere, Mino Raiola, senza mai nominarlo, e c'è lo stesso obiettivo nel mirino dei tifosi, che sui social network stanno rilanciando l'hasthag #gigiomollalo, esortando il calciatore a prendere posizione e scaricare il procuratore.

15:09Migranti:sbarcati in 41 in porto Crotone, erano su veliero

(ANSA) - CROTONE, 14 DIC - Quarantuno migranti sono sbarcati stamani al porto di Crotone a bordo di una motovedetta della Guardia di Finanza che li ha intercettati ad un miglio al largo di Capo Colonna. I migranti, tutti irakeni, viaggiavano a bordo di un veliero. Sono in corso, nel porto di Crotone, le operazioni di accoglienza dei profughi come previsto dal sistema coordinato dalla Prefettura che prevede anche delle visite mediche e tutti gli accertamenti relativi alla loro provenienza. I migranti verranno ospitati nel Centro di accoglienza di Sant'Anna di Isola Capo Rizzuto.(ANSA).

15:02Calcio: Torino, Petrachi ds per altri due anni

(ANSA) - TORINO, 14 DIC - Gianluca Petrachi sarà il direttore sportivo del Torino per altri due anni, fino al 2020. Il club granata, sul proprio sito, ha infatti annunciato di avere prolungato il rapporto con il dirigente. "Dopo otto anni di proficua collaborazione - si legge - ed un importante lavoro svolto insieme, il presidente Urbano Cairo comunica di aver rinnovato il contratto" del direttore sportivo. L'accordo mette fine alle voci sull'addio di Petrachi, che ha molti estimatori, anche all'estero.

14:53Calcio: Serie A, Verona-Milan a Orsato

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Queste le altre designazioni per le partite della 17/a giornata di serie A in programma domenica 17 dicembre alle ore 15. Benevento-Spal (ore 18): Pasqua; Crotone-Chievo: Pairetto; Fiorentina-Genoa: Calvarese; Verona-Milan (ore 12.30): Orsato; Sampdoria-Sassuolo: Gavillucci.

14:52Schiaffi e maltrattamenti bimbi,sospese maestre

(ANSA) - SAN GIORGIO ALBANESE (COSENZA), 14 DIC - Schiaffi, pizzicotti e tirate d'orecchie ai bambini, una decina in tutto, dell'unica classe della scuola d'infanzia di San Giorgio Albanese nel cosentino. E' l'accusa rivolta a due insegnanti alle quali i carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno notificato una misura interdittiva della sospensione per sette mesi. I provvedimenti sono stati disposti dal gip dell Tribunale di Castrovillari su richiesta della Procura della Repubblica. L'indagine condotta dai carabinieri e coordinata dal procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla e dal sostituto Valentina Draetta, è stata avviata a seguito di una denuncia presentata da alcuni genitori. Gli accertamenti effettuati dai militari hanno permesso, in poco tempo, di documentare, con servizi di osservazione e di video riprese all'interno degli spazi didattici, una serie di maltrattamenti posti in essere dalle due insegnanti nei confronti dei bambini in un arco temporale di appena quindici giorni. (ANSA).

14:44Calcio: serie A, Inter-Udinese a Mariani

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sarà Mariani ad arbitrare l'anticipo della 17/a giornata di serie A tra Inter e Udinese, in programma sabato 16 dicembre alle 15. Torino-Napoli (sabato alle 18) sarà diretto da Mazzoleni e Roma-Cagliari (sabato alle 20.45) da Damato. Per Bologna-Juventus (domenica alle 15) designato Banti. Il posticipo delle 20.45 tra Atalanta e Lazio è stato affidato a Irrati.

14:43Expo: Pg, da Sala danno di particolare gravità

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Il sindaco di Milano Giuseppe Sala, ex ad di Expo, avrebbe causato, assieme all'ex manager Angelo Paris, un "danno di particolare gravità" alla società che gestiva l'Esposizione con l'affidamento diretto alla Mantovani spa della fornitura di 6mila alberi per l'evento, parte del capitolo 'verde' dell'appalto per la Piastra dei Servizi. Lo scrive la Procura generale nell'atto di chiusura indagini per abuso d'ufficio notificato ieri. Secondo l'accusa, mancava anche il "requisito dell'urgenza" per l'affidamento senza gara.

Archivio Ultima ora