Ancora tensione riforme. Renzi stoppa modifica Italicum

Pubblicato il 12 agosto 2015 da redazione

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante il suo intervento all'assemblea nazionale del Partito Democratico a Roma, 14 dicembre 2014. ANSA/MASSIMO PERCOSSI

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante il suo intervento all’assemblea nazionale del Partito Democratico a Roma, 14 dicembre 2014.
ANSA/MASSIMO PERCOSSI

ROMA. – L’Italicum non è in discussione. Sul tavolo delle riforme c’è al momento una sola proposta di mediazione: l’introduzione di un listino alle regionali per selezionare i futuri senatori. Punto. Sono molto netti i dirigenti del Pd, di fronte all’avanzare di ipotesi di aperture alla richiesta di Forza Italia di trasformare il premio alla lista dell’Italicum in un premio alla coalizione. Il dialogo con FI, così come con la minoranza Dem, resta aperto.

Dalle file della maggioranza del Pd più d’uno sostiene che rimettere mano alla legge elettorale non sarebbe in assoluto un tabù. Ma per ora Matteo Renzi va avanti sulla via tracciata: se non c’è intesa, si voterà in Aula e si vedrà chi ha i numeri. A metà mattinata da palazzo Chigi giunge una smentita netta a “retroscena e ricostruzioni” su un’ipotetica apertura del premier a modifiche all’Italicum: “Sono destituiti di ogni fondamento”.

Renzi, in vacanza con la famiglia fino al 18, quando riceverà Angela Merkel all’Expo, non entra nella mischia del dibattito ferragostano. Ma dai vertici del Pd mettono in chiaro che “non si può stare sotto il ricatto” della convergenza tra FI e minoranza Pd sulle riforme. Dunque, il messaggio che viene fatto filtrare chiude, almeno per il momento, ogni varco sulla legge elettorale: “Non si tocca – dice un dirigente Dem – Quello che accadrà tra due anni non lo so, ma posso dire che se tra due mesi ci fosse un’impasse totale al Senato sul ddl costituzionale, sarebbe più probabile il voto anticipato, piuttosto che si rimetta mano alla legge elettorale”.

Quando il Parlamento riaprirà a settembre e il confronto sulle riforme entrerà nel vivo, scommettono i renziani, ci sarà margine per smussare le posizioni. E si vedrà al momento del voto in Aula chi ha la maggioranza. C’è però preoccupazione per due fattori non controllabili dal Pd o dal governo. Da un lato il giudizio che il presidente Pietro Grasso dovrà dare sulla possibilità di emendare l’articolo 2 del ddl Boschi, che riguarda composizione e elezione del Senato. Dall’altro lato, l’ostruzionismo guidato da Roberto Calderoli con i suoi 500mila emendamenti: una mole in grado di “falcidiare” la riforma.

Proprio su queste leve fanno perno i partiti che la riforma vogliono cambiarla. Matteo Salvini avverte il premier: “O si siede a un tavolo sulle riforme anche con noi sporchi, brutti e cattivi della Lega, o lo seppelliamo di emendamenti”. Meno bellicosa, anche FI tiene il punto: “Non vogliamo né Nazareni Bis né governissimi, ma se il governo vuole riforme largamente condivise ne metta in discussione l’impianto autarchico”.

La modifica dell’art. 2 del testo con l’introduzione diretta dei senatori e l’introduzione del premio alla coalizione: sono le due richieste che il capogruppo Paolo Romani non si stanca di ripetere. Anche se prova a rassicurare Renzi che gli azzurri non lo scavalcheranno con accordi sottobanco con la minoranza Pd. Del resto, è al premier che spetta di “fare la prima mossa”. La convergenza tra azzurri e sinistra, concordano i Dem, è nelle cose e “alla luce del sole”. Entrambi chiedono il Senato elettivo.

Mentre sull’Italicum la minoranza Pd chiede la possibilità di apparentamento al secondo turno. Una possibilità che anche alcuni renziani non vedono con sfavore, soprattutto nella ipotesi di un futuro ballottaggio Pd-Grillo, e di cui si potrebbe tornare a parlare in futuro. Per ora, lamenta il senatore della minoranza Federico Fornaro, l’unico dato a verbale è che i renziani “aprono a FI e non rispondono” ai 28 ‘dissidenti’ Pd. “Qui stiamo truccando, in modo duraturo, le regole del gioco”, è l’allarme di Corradino Mineo, che paragona Renzi a un “dictator” dell’antica Roma.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

17:44Torino: nuovo scontro su conti,revisori bocciano Consolidato

(ANSA) - TORINO, 14 DIC - Nuovo scontro tra Comune di Torino e revisori dei conti. L'organo di revisione, presieduto da Herri Fenoglio, ha espresso parere negativo al Bilancio consolidato 2016 perché - si legge nelle motivazioni - non è stato inserito il bilancio di Gtt, l'azienda del trasporto pubblico locale. Dal canto suo l'amministrazione pentastellata tira dritto e intende approvare entro l'anno il Consolidato, osservando che si tratta di un atto ricognitivo che fotografa i conti del 2016 senza alcun potere autorizzatorio. "Non approvare il consuntivo - spiega l'assessore al Bilancio Sergio Rolando - pregiudicherebbe in maniera irreparabile la corretta erogazione del servizio pubblico. Sarebbe un danno perché verrebbero bloccate le assunzioni, gli uffici e, di conseguenza, la Città, penalizzando i servizi e i cittadini". Di qui la decisione di recepire con un emendamento il parere dei revisori e, con un altro emendamento, le deduzioni degli uffici, così da proseguire con l'approvazione. (ANSA).

17:43Traffico rifiuti: ‘I bambini? Che muoiano’

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - "Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

17:11Calcio: Schick ci crede, la Roma è da scudetto

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono venuto qui perché credo nella strada che ha intrapreso la Roma. Siamo sempre in una posizione di classifica che ci permette di pensare allo scudetto. Possiamo vincerlo già quest'anno". Nonostante i due pareggi consecutivi in trasferta con Genoa e Chievo, Patrik Schick è convinto che la i giallorossi possano puntare al titolo. Il giocatore ceco, intervistato da Sky Sport24, spera di poter dare il proprio contributo: "Sono un attaccate e penso fare gol, quando gioco voglio segnare, questo è il mio obiettivo - sottolinea -. Essere il giocatore più pagato nella storia della Roma non mi pesa, anzi è al 100% una grande motivazione per me, farò tutto il possibile per non deludere nessuno". Schick rivela poi di aver legato in particolar modo con Dzeko nello spogliatoio di Trigoria: "Edin parla molto bene la mia lingua. E penso che anche il feeling in campo vada bene. Potenzialmente forse possiamo formare la coppia di attaccanti più forte della Serie A, ma poi dobbiamo confermarlo sul campo".

Archivio Ultima ora