Tonfo del petrolio, a New York è precipitato ai minimi da sei anni sotto i 41 dollari

Pubblicato il 19 agosto 2015 da redazione

src=”http://voce.com.ve/wp-content/uploads/2015/08/petrolio-230×300.jpg” alt=”petrolio” width=”230″ height=”300″ class=”alignleft size-medium wp-image-127594″ />

ROMA. – Utili che vanno a picco, economie emergenti sempre più in crisi, hedge fund che soffrono. Sono solo alcuni degli effetti che sta provocando il crollo dei prezzi delle materie prime: dal petrolio, che a New York è precipitato ai minimi da sei anni sotto i 41 dollari, al rame, dal nichel allo zinco, le materie prime ad uso industriale sono affondate a livelli che non si vedevano da anni. E ora il rallentamento della Cina rischia di aggravare ulteriormente la situazione.

Una valanga che ha travolto persino il colosso minerario e di scambio merci Glencore, che ha annunciato un utile semestrale più che dimezzato e si prepara a chiudere alcune miniere. La multinazionale anglo-svizzera ha chiuso il primo semestre con un utile netto adjusted in calo del 56% a 797 milioni di euro (882 milioni di dollari) e un Ebitda adjusted giù del 29%. Una performance che “riflette l’esposizione della nostra attività industriale ai prezzi in calo delle materie prime”, ha spiegato il ceo Ivan Glasenberg.

Il calo dei prezzi del greggio ha portato la società a ridurre la spesa per capitale per quest’anno a 6 miliardi di dollari, mentre per l’anno prossimo l’intenzione è di non superare i 5 miliardi. E per far fronte al calo progressivo dei prezzi del platino, la società, che è in trattative per rilevare lo stabilimento Alcoa di Portovesme, sta anche valutando di chiudere la propria miniera di platino di Eland in Sud Africa.

A fotografare bene la situazione delle materie prime è l’indice di settore di Bloomberg (Bloomberg Commodity Index), che ieri ha toccato il livello più basso dal febbraio 2002. A pesare è la frenata della Cina, il maggior consumatore di metalli industriali, che con il crollo della Borsa dell’altro giorno ha fatto tremare gli investitori. Rame, alluminio e nichel sono ai minimi dal 2009: il rame in particolare, di cui la Cina è il maggior consumatore (l’anno scorso ha coperto circa il 40% del consumo mondiale) è sceso sotto i 5 mila dollari; l’alluminio resta sui minimi da sei anni (1.549,50 dollari); lo zinco ha chiuso ieri al livello più basso dal 2012; il nichel oscilla intorno ai 10.415 dollari.

In questo panorama ‘brillano’ solo i grandi diamanti, che resistono nella generale caduta di prezzi delle pietre preziose. Secondo la società britannica Gem Diamond, infatti, i prezzi per i diamanti di oltre 10 carati sono calati di circa il 3% nella prima metà dell’anno a fronte di un calo di circa il 30% delle gemme più piccole. I prezzi delle pietre preziose nell’ultimo anno sono crollati a causa della stretta del credito che ha colpito gli operatori e di una domanda di gioielli più debole del previsto. Tanto che il più grande produttore al mondo di diamanti, la sudafricana De Beers, ha deciso di tagliare la produzione e di consentire ai propri clienti di rinviare gli acquisti già concordati.

Ultima ora

11:44Gerusalemme: Erdogan,riconosciamola capitale Palestina

(ANSA) - ISTANBUL, 13 DIC - "Dobbiamo riconoscere lo Stato di Palestina con i confini del 1967, liberandoci dall'idea che questo sia un ostacolo alla pace", e "Gerusalemme come capitale dello stato occupato di Palestina". È l'appello lanciato dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan in apertura del vertice straordinario dell'Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) a Istanbul. "Almeno 196 Paesi Onu sono fermamente contrari" alla decisione di Donald Trump, ha aggiunto Erdogan, ribadendo che "Gerusalemme è la nostra linea rossa".

11:41Doping: Froome, Team “farmaco usato in dosi consentite” (3)

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Team Sky in una nota ricorda che il salbutamolo "è consentito dalle regole WADA (senza necessità di TUE, esenzione per uso terapeutico) se inalato fino a un massimo di 1.600 microgrammi (mcg) per un periodo di 24 ore e non più di 800 mcg per 12 ore. Froome era stato avvisato dall'Uci che dal controllo sulle urine del 7 settembre era emersa una concentrazione di Salbutamolo a un livello che gli impone di fornire informazioni per confermare di aver inalato non più della dose ammissibile. L'analisi indicava la concentrazione di 2.000 nanogrammi per millilitro (ng / ml), rispetto alla soglia WADA di 1.000 ng / ml. Nessuno degli altri 20 test delle urine effettuati da Chris ha richiesto ulteriori spiegazioni". La squadra di Froome sottolinea poi che "esistono variazioni significative e imprevedibili nel modo in cui il salbutamolo viene metabolizzato ed escreto. Di conseguenza, l'uso di dosaggi consentiti di Salbutamol può talvolta portare a elevate concentrazioni urinarie, che richiedono una spiegazione".

11:39Maltempo: altra frana nel Lecchese, è la terza in due giorni

(ANSA) - LECCO, 13 DIC - Altra frana sulle strade del Lecchese, la terza in meno di due giorni. Nella notte si è verificata la caduta di massi e detriti sulla strada provinciale 65, che unisce Perledo a Esino Lario, interrotta al traffico. Sul posto i vigili del fuoco e i tecnici della Provincia di Lecco. In mattinata la rimozione del materiale caduto sulla sede stradale, quindi il sopralluogo per verificare il rischio di altri smottamenti. Dopo le precipitazioni dei giorni scorsi la zona dell'Alto Lario e della Valsassina è monitorata per il rischio di nuovi smottamenti. (ANSA).

11:34Bangladesh: Unicef, vaccinazioni per 255.000 bambini

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il governo del Bangladesh - supportato da Unicef, Oms e dall'Alleanza Globale per le Vaccinazioni (Gavi) - ha lanciato una campagna di vaccinazione contro la difterite e altre malattie prevenibili per i circa 255.000 bambini Rohingya di età compresa fra le 6 settimane e i 6 anni che vivono in 12 campi per rifugiati e insediamenti temporanei vicino al confine col Myanmar. In particolare, si tratta dei sotto-distretti di Ukhiya e Teknaf a Cox's Bazar, rende noto un comunicato dell'Unicef.

11:33Ciclismo: Tour Down under, Porte guiderà l’assalto della Bmc

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - La Bmc schiererà un vero e proprio squadrone, per tentare l'assalto al Tour Down under di ciclismo: al via della prima gara del World tour ci saranno, infatti, i vincitori delle quattro ultime edizioni, vale a dire Richie Porte, Simon Gerrans e Rohan Dennis. A completare la formazione, il campione australiano Miles Scotson, il neozelandese Patrick Bevin, il duo svizzero Tom Bohli e Danilo Wyss. Richie Porte sarà il capitano del team. Dennis ha vinto il Down Under nel 2015 e punta al bis dell'anno prossimo. Il Tour Down under si disputerà dal 14 al 21 gennaio dell'anno prossimo, con partenza da Adelaide. Nel 2018 la gara australiana celebrerà le 20 edizioni, essendo nata nel 1999.

11:31Doping: Uci chiede spiegazioni a Froome (2)

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Ha sconvolto il mondo del ciclismo la notizia della positività di Froome nelle analisi effettuate il 7 settembre, in occasione della 18ma tappa della Vuelta, il Giro di Spagna che poi il corridore britannico ha vinto. La federazione internazionale (Uci) ha già sollecitato ulteriori approfondimenti ed ha chiesto alla squadre del corridore britannico di fornire spiegazioni sull'accaduto. In ogni caso per il momento non verrà preso alcun provvedimento sanzionatorio, vista la natura della sostanza, l'antiasmatico appunto, trovato nel sangue del corridore. Il Team Sky in una nota ha ricordato che Froome "nel corso dell'ultima settimana della Vuelta ha sofferto di attacchi acuti di asma e in accordo con i medici della squadra ha aumentato il dosaggio" del farmaco nelle dosi consentite.

11:25Torino: blitz della Digos, sgomberato centro sociale Fenix

(ANSA) - TORINO, 13 DIC - Blitz della Digos di Torino al Fenix, edificio occupato dagli squatter dall'estate scorsa nel centro del capoluogo. All'alba di questa mattina, gli agenti hanno fatto irruzione nello stabile. Il Fenix, di proprietà del comune di Torino, era stato adibito a biblioteca e a punto informativo del gruppo di anarchici. Domani sera, come tutti i giovedì, era prevista un'assemblea aperta. Lo sgombero del Fenix, in corso San Maurizio angolo via Rossini, è stato espletato senza ripercussioni per l'ordine e la sicurezza pubblica. Sono in corso le operazioni di messa in sicurezza dello stabile a cura dell'amministrazione comunale proprietaria dell'edificio.(ANSA).

Archivio Ultima ora