Crisi migratoria globale, 400mila richieste di asilo in 6 mesi

Pubblicato il 19 agosto 2015 da redazione

crisi migratoria

BRUXELLES. – Da gennaio a giugno 2015 l’Ue ha ricevuto già più di 400mila richieste di asilo. Il totale del 2014 era stato di 600mila. Dopo la cifra record dei 107mila arrivi di migranti nel solo mese di luglio, reso noto da Frontex, questa volta è Christian Wigand, un portavoce della Commissione Ue, a diffondere il nuovo dato emergenziale. “Non si tratta di una crisi greca, o italiana, o tedesca, o austriaca o francese – dice Wigand – E’ una crisi migratoria globale che richiede azioni congiunte coraggiose” e “solidarietà”.

Particolarmente allarmato il governo di Berlino che ha diffuso i dati ufficiali sui richiedenti asilo attesi per il 2015: ben 800 mila, il doppio delle stime precedenti. Un flusso enorme di difficile gestione, che porta il ministro tedesco dell’Interno Thomans De Maiziere a non escludere, alla lunga, la necessità di una verifica del funzionamento di Schengen, l’accordo sulla libera circolazione. “E’ un problema europeo e come tale deve essere affrontato”, ribadiscono da Bruxelles, mentre il governo di Vienna minaccia di trascinare l’esecutivo comunitario alla Corte di giustizia Ue, se entro i prossimi due mesi non proporrà una revisione del regolamento di Dublino (secondo il quale il primo Paese di ingresso è competente per l’asilo).

L’Austria ritiene che la normativa sia ingiusta perché le rigidità imposte fanno sì che il 90% dei migranti si concentri in soli 10 Stati su 28. L’intenzione, spiegano, è quella di fare leva sull’articolo 80 del Trattato di Lisbona, che sancisce il principio di solidarietà e una giusta ripartizione della responsabilità tra Paesi. “Non è il momento di portare l’un l’altro alla Corte Ue, questa è l’ora della solidarietà e di mettere in pratica l’Agenda sull’immigrazione”, commenta Annika Breidthard, un altro portavoce dell’esecutivo europeo.

Ma a dimostrazione di quanta poca solidarietà siano pronte a dimostrare alcune capitali europee, da Bratislava fanno sapere di essere disponibili a ricollocare solo duecento persone, cento richiedenti asilo (rispetto ai 785 previsti dalla chiave di ripartizione della Commissione) per alleviare la pressione in Italia e Grecia e cento dai campi profughi (rispetto ai 319 indicati da Bruxelles) ma solo se “sono tutti cristiani”.

Nonostante il forte appoggio della cancelliera tedesca Angela Merkel alla politica sull’immigrazione imboccata dal team di Jean Claude Juncker e l’asse con Svezia e Italia, la strada dei negoziati che riprenderanno a settembre resta tutta in salita. Tra i primi scogli da affrontare: riuscire ad innalzare la quota dei ricollocamenti da 32mila a 40mila entro fine anno, come previsto. Un punto sarà fatto già al prossimo consiglio dei ministri dell’Interno Ue, di ottobre.

Ma la vera grande partita, dove si giocherà una battaglia decisiva, è la proposta legislativa per un meccanismo di ricollocamento permanente su scala Ue, da attivare in caso di emergenza, che sarà presentata dalla Commissione Ue a dicembre. Intanto secondo una roadmap delle prossime due settimane: il 25 e 26 agosto è previsto un incontro dell’esecutivo europeo in Grecia, per applicare l’approccio hotspot (centri di smistamento tra richiedenti asilo e migranti economici) nel Pireo e nelle prossime ore ci sarà l’esborso della prima tranche di 30 milioni di aiuti, mentre prosegue il lavoro per la creazione della cosiddetta lista dei Paesi di origine sicura, pensata per imprimere un’accelerazione alla politica dei rimpatri.

Su questo il 2 settembre è previsto un incontro con l’Ufficio europeo di asilo (Easo) e Stati. Sul fronte degli schemi di ricollocamento e reinsediamento il 3 settembre la Commissione Ue ha organizzato un workshop con Easo e i 28, per assicurare una veloce applicazione dei meccanismi, e il 14 settembre il lavoro dovrebbe proseguire con le modalità tecniche. Non appena l’Europarlamento si sarà espresso sui ricollocamenti, il Consiglio adotterà formalmente il provvedimento e sarà applicato.

(di Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora