Serie A con “arepa y papelón”

Pubblicato il 22 agosto 2015 da redazione

Calciatori venezuelani nella Serie A

Calciatori venezuelani nella Serie A

CARACAS – Fino a pochi anni fa era quasi un sogno pensare che i campi della nostra serie A fossero calcati da calciatori provenienti dal Venezuela, ma adesso grazie alle gesta della Vinotinto, questo paese a livello sportivo non solo esporta ‘peloteros’ nella Mlb, ma anche calciatori in giro per il mondo. In precedenza erano arrivati: Gabriel Cichero (Lecce, 3 presenze e 0 reti segnate), Rolf Feltscher (Parma, 7 presenze) e Rafael Romo (Udinese, 1 presenza e 3 reti subite). Ma da due stagioni ha tre protagonisti provenienti dalla ‘terra di Bolívar’, questi sono: Rincón (Genoa), Martinez (Torino) e l’italovenezuelano Signorelli (Empoli). Adesso, questo trío di calciatori darà quel gussto di ‘arepa y papelón’ al campionato que da molti é definito come “il più bello del mondo”.

Oggi, con le sfide Verona-Roma (11:30 ora di Caracas) e Lazio-Bologna (14:15) si alzerà il sipario della stagione 2015-2016.

La strada della Serie A è lunga 38 giornate, e gli obiettivi delle 20 protagoniste cambiano di partita in partita, di infortunio in infortunio e – qualche volta – da allenatore a allenatore. Basta dare un’occhiata al biglietto della spesa delle principali contendenti al titolo, e noteremo, se volete anche con un pizzico di stupore, che parecchi ”numeri 9” sono approdati in squadre quali Milan, Roma, Inter, Fiorentina, e anche Juventus.

Ricapitoliamo i vari acquisti: Carlos Bacca e Luiz Adriano vestiranno la maglia rossonera; a Roma è approdato il centravanti tanto desiderato da Garcia: Edin Dzeko, che sarà supportato dall’imprevedibilità e dall’estro di Mohamed Salah; sarà a disposizione di Mancini, invece, Stevan Jovetic, alla ricerca del riscatto con la maglia neroazzurra; la Fiorentina spera di trovare in Nikola Kalinic quella finalizzazione che è mancata, per ragioni varie, a Mario Gómez, ceduto in Turchia. Per sopperire alla partenza di Carlos Tévez, la Juventus si è tutelata con l’acquisto di Mario Mandzukic, classico bomber dotato fisicamente, ottimo nel gioco aereo e cinico sotto porta.

“Quest’anno puntiamo a vincere il quinto scudetto di fila per entrare nella storia” – ha affermato Massimiliano Allegri, allenatore della Juve, che potrebbe sembrare quasi presuntuoso, ma i risultati degli ultimi anni gli danno ragione. “Cinque titoli consecutivi li hanno vinti solo due squadre: la Juventus negli anni ’30 e il Grande Torino. Poi, certo, c’è la Champions che rimane sempre un sogno”.

Mentre dal canto suo Rudi Garcia, allenatore della Roma confessa “La gente viene allo stadio anche per divertirsi: l’obiettivo è quello di rivedere una Roma spettacolare”, così il francese, che forse memore dei pronostici sbagliati della scorsa stagione preferisce evitare di pronunciare la parola ‘Scudetto’. “Quest’anno l’obiettivo sarà di centrare la qualificazione per la Champions, ma le ambizioni sono differenti agli obiettivi, le mie ambizioni sono senza limiti. Voglio vincere un trofeo con la Roma”.

Qualche mugugno, invece, in casa Lazio è dovuto ad una povera campagna acquisti del patron Lotito, che ha puntellato la struttura della propria squadra rimasta sostanzialmente la medesima dello scorso anno. Stefano Pioli allenatore della Lazio, terza forza del campionato nella passata stagione, dichiara: “L’obiettivo è confermarci e restare in Europa, il campionato italiano è competitivo, ma noi siamo all’altezza. Siamo all’altezza e siamo competitivi anche noi. Affronteremo una partita alla volta, giocando un calcio intenso. Adesso abbiamo voglia di Champions. Abbiamo anche tanti altri obiettivi però adesso daremo tutti per cercare di centrare la qualificazione”.

Cambiano gli allenatori, mutano anche i meccanismi tattici. Quel cambiamento che vedremo anche a Firenze, poiché quel faro di centrocampo chiamato Pizarro lascia il posto ad un mediano di rottura, Mario Suárez. Per puntare in alto la viola ha deciso di puntare su Paulo Sousa come allenatore. Il portoghese non nasconde di appartenere alla scuola del ‘vincere e convincere. “Tutto è fatto di risultati ma per me non è sufficiente. Credo tantissimo che per arrivare a traguardi importanti si debba imporre il proprio gioco e non subire quello degli avversari. Con intensità e consapevolezza possiamo prenderci questo rischio”.

Uno sguardo alle milanesi: l’Inter ha decisamente rivoluzionato la difesa e farà affidamento a Montoya, Murillo e Miranda per cercare di dare solidità ad un reparto che ha spesso lasciato a desiderare.
Sulla panchina neroazzurra si accomoderà Roberto Mancini, che prima del fischio d’inizio dichira “Mihajlović dice che mi porterà fuori a cena tante volte a Milano ma che mi batterà? Io sono certo che entrambe le milanesi torneranno ai vertici come meritano. Noi vogliamo fare più che bene e tornare subito in Champions League”.

A Milano, sponda rossonera, è approdato Sinisa Mihajlovic che dovrà dare una chiara identità di gioco al Milan, partendo da due nuovi centrali difensivi, Rodrigo Ely e Romagnoli, quest’ultimo espressamente richiesto dal tecnico serbo, e da un attacco nuovo di zecca e potenzialmente molto prolifico qualora si aggiungesse Ibra a Bacca e Luiz Adriano.
Mentre il tecnico serbo del Milan confessa: “L’obiettivo del Milan è vincere tutte le partite, poi vedremo dove saremo. Sicuramente saremo in alto”.

Dopo anni trascorsi in sordina, sia Milan che Inter vorranno rilanciarsi e tornare a fare la voce grossa in campionato.

Tuttavia c’è chi ha preferito mantenere inalterato il proprio reparto avanzato, vedi il Napoli, revisionando la retroguardia ed il centrocampo, e a tal proposito sono arrivati alla corte di Sarri: Chiricheș, Hysaj, Allan e Valdifiori, quel regista di ruolo che tanto desiderava Rafa Benítez. Sulla panchina partenopea siederà Maurizio Sarri, che confessa: “Voglio iniziare questa avventura con grande umilità e mi piacerebbe trasmettere questo messaggio alla squadra unitamente a quello del massimo impegno. Questi sono i due elementi che posso promettere ai tifosi sperando di essere all’altezza di questa grande piazza”.

Detronizzarla la Juve non sarà roba da poco, ma, affinché ne giovi lo spettacolo, è auspicabile che sia più combattuto per non ritrovarci poi a parlare di un epilogo già scritto quando il campionato non è ancora in dirittura d’arrivo. Che siate in spiaggia armati di cuffiette e tablet o che siate comodamente seduti sul divano di casa, non resta che augurarvi “Buon campionato a tutti!”.

(Fioravante De Simone/Voce)

Ultima ora

01:05Calcio: Roma, Di Francesco “vittoria sofferta ma importante”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Questa gara era importante, avevo dato un segnale, e l'abbiamo vinta soffrendo. Si parla sempre degli episodi, che sono importantissimi, ma noi avremmo potuto fare gol prima. Abbiamo subito il primo tiro contro dopo 83', abbiamo sempre fatto la gara contro un Cagliari molto organizzato ma noi abbiamo voluto fortemente la vittoria. Ci teniamo stretti questi 3 punti". Lo ha detto l'allenatore della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la vittoria al 94' sui sardi. "Abbiamo concesso pochissimo in difesa, il Cagliari non ci ha permesso di essere aggressivi ma abbiamo avuto una grande supremazia territoriale - ha proseguito -. Dovevamo essere più cinici e cattivi, dobbiamo lavorare ancora di più. Ma io non sono d'accordo sulla prestazione negativa, abbiamo fatto la partita. Abbiamo tirato in porta 20 volte, dovevamo essere più precisi".

01:03Cile: frana per piogge torrenziali, 3 morti e 15 dispersi

(ANSA) - SANTIAGO, 16 DIC - Piogge torrenziali nel sud del Cile hanno causato una frana che ha sommerso un villaggio: almeno tre persone sono morte e altre 15 risultano disperse. Lo riferisce il viceministro dell'Interno Madmud Aleuy, aggiungendo che le vittime sono due donne e un turista non ancora identificato. Le piogge hanno causato l'esondazione di un fiume vicino a una collina franata su 20 delle 200 case del villaggio di Villa Santa Lucia, nella regione meridionale di Los Lagos. La presidente Michelle Bachelet ha riferito su Twitter che i servizi di emergenza stanno lavorando dell'area "per soccorrere le persone colpite". Alcuni feriti sono stati evacuati in elicottero. (ANSA)

01:01Omicidio cestista Nba Lorenzen Wright, arrestata moglie

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Per l'uccisione nel 2010 dell'ex giocatore di basket Nba Lorenzen Wright, la polizia di Memphis ha arrestato l'ex moglie Sherra, 46 anni, e un suo coetaneo, Bill Turner, accusati ora di concorso nell'omicidio. Le forze dell'ordine non hanno reso noto cosa le abbia portate ai due e il movente del delitto, ma la svolta sarebbe stata impressa dal ritrovamento dell'arma usata nell'aggressione, in un lago vicino a Walnut, Mississippi, 75 miglia a est di Memphis. Il corpo di Wright, che allora aveva 34 anni, fu trovato alla periferia della città in stato di decomposizione dieci giorni dopo la sua scomparsa. Aveva diverse ferite d'arma da fuoco. Il cestista aveva giocato nell'Nba per 13 anni in 5 squadre, tra cui quella di Memphis.

00:50Basket: serie A, Sassari-Pistoia 88-81

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - La Dinamo Sassari infila la settima vittoria consecutiva fra Lega A e Champions sconfiggendo 88-81 sul parquet del PalaSerradimigni la The Flexx Pistoia in un anticipo dell'11/a giornata di serie A di basket. Mattatore della serata è la guardia biancoblu' Scott Bamforth che chiude la partita con 26 punti e 6 assist guidando i padroni di casa verso una vittoria per nulla scontata. Sassari sale a 14 punti, Pistoia resta ad 8.

00:49Incendi California, ancora evacuazioni contea S.Barbara

(ANSA) - SANTA BARBARA, 16 DIC - Brucia senza sosta la California, nella contea di Santa Barbara, dove sono state ordinate nuove evacuazioni nella zona di Montecito. Il forte vento spinge le fiamme verso le case dove risiedono alcuni vip, fra i quali la star della tv Oprah Winfrey. Finora Thomas Fire (questo il nome dato all'incendio) ha distrutto oltre 1.000 edifici e oltre 700 case e, secondo le autorità, potrebbe colpire altre 18.000 strutture. Ieri è costato la vita a un vigile del fuoco, morto soffocato dal fumo.

00:26Calcio: serie A, Roma-Cagliari 1-0

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - La Roma soffre ma batte il Cagliari nell'ultimo anticipo del sabato della 17/a giornata di serie A. Dopo la sconfitta dell'Inter e la vittoria del Napoli, la squadra di Di Francesco affianca la Juve a 38 punti, ma ha ancora una partita da recuperare. Poche emozioni nel primo tempo. La Roma, che schierava per la prima volta titolare la coppia Dzeko-Schick, ha gestito il possesso senza riuscire però a creare eccessivi pericoli per Cragno, mentre il Cagliari, impegnato in un ragionato contenimento, ha cercato qualche timida reazione in contropiede. Nella ripresa, la Var concede un rigore ai giallorossi, ma Cragno para il lento tiro di Perotti. Nel recupero, Fazio in mischia insacca. Altra Var, e l'arbitro convalida la rete. I tre punti ormai insperati consentono alla Roma di affiancare la Juve al terzo posto, a quota 38, ma entrambe devono ancora giocare una partita. Il Napoli è primo con 42.

22:40Calcio: Premier, il City senza freni, 16 vittorie di fila

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Sedicesima vittoria di fila in Premier League per il Manchester City, che ha dato una lezione al Tottenham battendolo 4-1 con un crescendo nel finale che solo la rete nel recupero di Eriksen ha reso meno umiliante. Di Gundogan, De Bruyne e Sterling le reti dei Citizens, con l'inglese autore di una doppietta e ora terzo nella classifica marcatori. Alla 17/a giornata, la squadra di Guardiola vanta 14 punti di vantaggio sui cugini dello United, ospite domani del West Bromwich penultimo in classifica, e sul Chelsea, che ha battuto 1-0 il Southampton grazie ad una punizione di Marcos Alonso allo scadere del primo tempo. Vittoria con lo stesso punteggio minimo anche per l'Arsenal sul Newcastle, firmata dal tedesco Ozil. I Gunners occupano ora il quarto posto, a -19 dalla capolista, avendo sorpassato il sorprendente Burnley, che ha pareggiato 0-0 a Brighton. Negli altri incontro del sabato, il Leicester è stato sconfitto 3-0 in casa dal Crystal Palace

Archivio Ultima ora