L’America si scopre un Paese violento, è boom degli omicidi

Pubblicato il 01 settembre 2015 da redazione

Negli Usa si uccide troppo lo fa anche la polizia

Negli Usa si uccide troppo lo fa anche la polizia

NEW YORK. – L’America si scopre un Paese violento. Dopo anni di calo, gli omicidi sono tornati a salire nelle maggiori città. E anche se l’aumento della violenza è ancora ben lontano dai picchi degli anni 1980 e 1990, gli esperti lanciano l’allarme: è presto per trarre conclusioni, ma il trend deve essere tenuto sotto controllo. Milwaukee, nel Wisconsin – la città della serie “Happy Days” -, si afferma come la città più violenta d’America con 104 omicidi dall’inizio dell’anno, a fronte degli 86 dell’intero 2014, con un aumento del 76%. Il maggiore fra le città Usa.

Non va molto meglio a New Orleans, dove gli omicidi sono saliti a 120 dall’inizio dell’anno rispetto ai 98 allo stesso periodo del 2014. Nei primi otto mesi a Baltimora sono state uccise 215 persone contro le 138 dello scorso anno, e a Washington e Saint Louis rispettivamente 105 e 136, in forte aumento rispetto all’anno scorso. A New York gli omicidi sono aumentati del 9% a 208 casi, a Chicago la crescita è stata del 20%.

Non è ancora chiaro il motivo del trend in rialzo. Secondo le forze dell’ordine – riporta il New York Times -, l’alta attenzione sul possibile uso eccessivo di forza da parte della polizia, il cosiddetto ‘effetto Ferguson’, ha spinto gli agenti a essere meno aggressivi, a vantaggio dei criminali. Ma non tutti sono d’accordo con questa teoria: le rivalità fra gang e la disponibilità di armi sono i motivi più importanti per l’aumento della violenza in alcune città. L’allarme per gli omicidi e i crimini violenti ha convinto le autorità delle maggiori città americane a riunirsi alla metà di agosto.

Il Dipartimento di Giustizia ha organizzato un incontro a settembre per affrontare l’emergenza. “Se ci sono così tante città che stanno sperimentando il fenomeno, allora c’è da preoccuparsi”, afferma Darrel Stephens, direttore generale dell’associazione dei major Cities Chief. “Quello che abbiamo notato è che non si tratta di individui che non hanno mai commesso crimini prima di uccidere qualcuno”, mette in evidenza il sovraintendente della polizia di Chicago, Garry McCarthy. “Si tratta di criminali che hanno già un passato. Sono sempre le stesse persone”. McCarthy ritiene che il problema di Chicago siano le troppe armi a disposizione e, a dispetto di chi chiede di ridurre la popolazione carcerari, è convinto che è necessario un inasprimento delle pene per i criminali armati.

Ultima ora

14:31Cav, se arrivasse sentenza Strasburgo io a P.Chigi

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Se arrivasse da Strasburgo una sentenza che cassi la decisione del Senato non potrei tirarmi indietro e andrei a palazzo Chigi. E' poco probabile però perché conosco i tempi di Strasburgo". Lo afferma Silvio Berlusconi a L'aria che tira su La7.

14:28F1: Mercedes ‘copia’ Ferrari, svela monoposto il 22 febbraio

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - La Mercedes 'copia' la Ferrari annunciando che svelerà la monoposto 2018 lo stesso giorno in cui toglierà i veli la nuova Rossa, ossia il prossimo 22 febbraio. La W09, questa la sigla della macchina che con Lewis Hamilton e Valtteri Bottas tenterà di vincere il quarto Mondiale consecutivo, sarà svelata al pubblico e agli addetti ai lavori a Silverstone in Inghilterra, giorno in cui oltre alla presentazione della nuova vettura del Cavallino Rampante si terra anche quella della Force India.

14:18Migranti:Minniti e Pigliaru,integrare per garanzia sicurezza

(ANSA) - NUORO, 18 GEN - "Il nostro compito non è bloccare il flusso migratorio verso le nostre coste ma governare il processo". Lo ha detto il presidente della Regione Sardegna, Francesco Pigliaru, incontrando a Nuoro, con il ministro dell'Interno Marco Minniti, i ragazzi dell'istituto superiore Francesco Ciusa e un gruppo di migranti provenienti dai 13 centri di accoglienza presenti in provincia dove sono ospitate in tutto 500 persone. "Cito il ministro Minniti - ha aggiunto il governatore sardo - 'per vivere la sicurezza dobbiamo integrare'".

14:06Prof arrestato a Roma al Gip: ero innamorato, chiedo scusa

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "E' tutto vero quello che è successo, ma io ero innamorato di lei. Una cosa del genere non mi era mai successa in 25 anni di insegnamento. E' stato un rapporto consenziente". Così il professore Massimo De Angelis, arrestato a Roma per violenza sessuale ai danni di una sua alunna di 15 anni, si è difeso davanti al gip nel corso dell'interrogatorio di garanzia. Il docente del liceo privato 'Massimo' della capitale é accusato di aver abusato di una studentessa di 15 anni. "Chiedo scusa a tutti, a cominciare dai genitori della ragazza. Ho tradito me stesso, gli studenti, i miei colleghi e l'istituto", ha detto De Angelis, difeso dall'avvocato Fabio Lattanzi. Il professore, rispondendo alle domande del magistrato, ha ammesso i fatti che gli sono stati contestati dalla Procura di Roma.

14:05Giù da vagone per biglietto irregolare, capotreno condannato

(ANSA) - VENEZIA, 18 GEN - E' polemica in Veneto dopo la condanna a 20 giorni inflitta dal Tribunale di Belluno ad un capotreno per tentata violenza privata. L'uomo aveva fatto scegliere dal convoglio nel 2014 alla stazione di Santa Giustina un nigeriano, all'epoca residente nel padovano ma ora lontano dall'Italia perché espulso, ritenendo che non avesse obliterato il biglietto. "Piena e totale solidarietà al capotreno coinvolto in una vicenda incomprensibile per la gente comune, e a tutti i lavoratori delle Ferrovie dello Stato" viene espressa dal governatore Luca Zaia.

13:50Russia: Navalni presenta ricorso a ‘presidium’ Corte Suprema

(ANSA) - MOSCA, 18 GEN - Alexei Navalni ha presentato ricorso al 'presidium' della Corte Suprema russa per contestare la sua esclusione alle presidenziali russe del prossimo 18 marzo. "Abbiamo presentato un ricorso in cui chiediamo al presidium della Corte Suprema di invertire le decisioni prese dai tribunali di grado inferiore", ha detto a Interfax Ivan Zhdanov, avvocato di Navalni. La Corte Suprema ha dichiarato a Interfax che il tribunale ha ricevuto il ricorso ma la data in cui sarà preso in considerazione non è stata fissata. Il 25 dicembre scorso la Commissione Elettorale Centrale russa ha deciso di non registrare il gruppo di elettori creato per sostenere la candidatura di Alexei Navalni alle presidenziali (escludendolo di fatto dalla corsa al Cremlino). Il 30 dicembre la Corte Suprema ha respinto l'appello di Navalni contro la decisione della Commissione.

13:41Moscovici, solo auspicio è che governo italiano sia pro-Ue

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Siamo sempre stati attenti ai bisogni dell'Italia perché sappiamo che è un grande Paese, un Paese al cuore della zona Euro. Il solo auspicio che ho, sul piano politico, è che il prossimo governo italiano, qualsiasi esso sia, perché sono gli italiani che votano, sia un governo pro-europeo". Così il commissario europeo Pierre Moscovici rispondendo ad una domanda.

Archivio Ultima ora