Con Malta azzurro pallido. Pellè dà una mano all’Italia

Pubblicato il 03 settembre 2015 da redazione

Italy' s Graziano Pelle  and Malta' s Andrei Agius (l) Steve Borg (cx) in action during the Euro 2016 qualyfing soccer match between Italy and Malta at Artemio Franchi Stadium in Florence, 3 September 2015. ANSA/ MAURIZIO DEGL'INNOCENTI  MAURIZIO DEGL' INNOCENTI/

Italy’ s Graziano Pelle and Malta’ s Andrei Agius (l) Steve Borg (cx) in action during the Euro 2016 qualyfing soccer match between Italy and Malta at Artemio Franchi Stadium in Florence, 3 September 2015. ANSA/ MAURIZIO DEGL’INNOCENTI
MAURIZIO DEGL’ INNOCENTI/

FIRENZE. – Un’Italia azzurro pallido trova la prima vittoria del 2015, stesso avversario e stesso risultato dell’ultima volta un anno fa. E’ 1-0 contro Malta, gol di Pellè, e nessuno potrà negare che il centravanti abbia dato una grossa mano alla nazionale sulla via della qualificazione a Euro 2016, visto anche il tocco irregolare di gomito che ne ha viziato la rete da tre punti. Il risultato stretto non dice però abbastanza delle difficoltà della nazionale di Conte, per cui resta la consolazione della classifica del gruppo.

Ora l’Italia è prima nel girone, davanti alla Croazia (il cui punto di penalizzazione è però sub judice per il ricorso). C’è però anche la vittoria della Norvegia in Bulgaria, e visti gli incroci di domenica prossima (Italia-Bulgaria e Norvegia-Croazia) non ci sono più le condizioni per una qualificazione anticipata per gli azzurri. Più che alla matematica che ancora non quadra, la nazionale deve però pensare alla poesia del tutto assente. Troppo lento Pirlo, la cui età e forma comincia a diventare un problema di prospettiva, troppo immaturo ancora Verratti. Troppo pallido tutto l’azzurro per chiedere a Firenze di scaldarsi, anche solo un po’ di più della tiepida accoglienza di uno stadio semivuoto.

In avvio, Conte risolve i pochi dubbi della vigilia con Gabbiadini a destra al posto del previsto Candreva. Scontato invece l’assetto difensivo allestito da Ghedin per Malta: Effiong e Schembri davanti, poi otto a difendere su due linee ‘elastiche’ (3-5 o 5-3 secondo il bisogno). Pirlo ha un passo da play troppo compassato, Verratti non si trova nella posizione ritagliata per lui dal ct, e non solo perche’ al fianco non ha quelli del Psg. Risultato, l’Italia tiene il pallone tra i piedi ma e’ lenta e senza idee.

Oltre a un Chiellini impacciato, il segno della serata moscia dell’Italia è Eder: largo li’ a sinistra e’ lontano parente dal brillante capocannoniere di campionato. Cosi’ il primo tempo, senza reti, giustifica la fredda accoglienza di Firenze e lo stadio a curve vuote o quasi. Il paradosso è che dopo una buona girata di Pellè (unico azzurro vivace) alzata in angolo da Agius, il primo tiro nello specchio è di Rowen Muscat. Buffon blocca. E che l’occasione più nitida capita ancora sui piedi di un maltese, il naturalizzato Effiong che al 29′ scappa in contropiede e da sinistra supera il tuffo del portiere azzurro. Fortuna per lui che il pallone è appena largo oltre il palo opposto.

Fino ad allora l’Italia era stata solo un’iniziativa personale di Verratti, al tiro deviato in angolo (23′); da allora in poi gli azzurri provano ad aumentare i ritmi, con scarsa efficacia. Pellè alza di testa una punizione di Pirlo (32′), Bertolacci si scuote con slalom e tiro dal limite deviato prima da un difensore poi in volo da Hogg. E quando al 36′ Eder scappa in profondità da seconda punta e di destro dal limite sfiora il palo, appare chiaro che la posizione di partenza era un errore.

Ad alzare il ritmo l’Italia ci prova anche dal ritorno in campo. I palloni pericolosi passano per lo piu’ per i piedi di Darmian: al 6′ e’ liberato in area da uno schema su punizione ma il suo destro e’ debole sui piedi del portiere, poi al 12′ il tiro cross costringe Hogg all’uscita sui piedi di Pellè. In mezzo, il primo cambio di Conte per dare verve al centrocampo: Parolo per Bertolacci. Arriva il minuto 14′, e un gran sinistro di Gabbiadini si stampa all’incrocio, sul rimbalzo gli azzurri reclamano per un mani in area.

Forse a scuotere gli azzurri è la notizia del vantaggio della Norvegia in Bulgaria che appaia i rivali nordici in classifica. Ma Pellè è poco reattivo sul pallone filtrato in area al 18′, il suo sinistro sull’esterno è condizionato dalla paura di esser finito in un fuorigioco che non c’è. Il secondo cambio azzurro, con Candreva, è condizionato da un infortunio di Gabbiadini. La verve fisica del laziale dice impietosamente quanto indietro stiano compagni, ma a conti fatti è la scossa giusta. Subito due discese pericolose da destra, ed è proprio da lì che Candreva al 24′ scocca il cross sul quale irrompe Pellè-gol. Malta protesta per il tocco del centravanti, tra fianco e braccio.

L’Italia sfiora il raddoppio con Soriano appena entrato per Verratti, poi ancora Eder sfiora il palo ma a gioco fermo per un fallo di Chiellini in area maltese. Ma il brivido vero arriva su respinta sempre di Chiellini, su cui arriva il lancio per Effiong che sfiora il palo ma in fuorigioco. Il pari sarebbe stato perfino meritato, ma come dice Conte la storia la scrive chi vince.

(dell’inviato Francesco Grant/ANSA)

Ultima ora

15:25Calcio: Coppa Italia, Pasqua arbitra Napoli-Udinese

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Questi gli arbitri, gli assistenti, i IV Ufficiali, i Var e gli assistenti Var per le partite valide per gli ottavi di finale di Coppa Italia in programma da domani: Napoli-Udinese (19/12 ore 21): Pasqua di Tivoli Mondin-Bellutti/Di Paolo/Pairetto-Fiorito); Atalanta-Sassuolo (20/12 h.15): Ghersini di Genova (Rocca-La Notte/Minelli/Giacomelli-Ranghetti); Roma-Torino (20/12 ore 17.30): Calvarese di Teramo(Paganessi-Prenna/Abbattista/Banti-Di Vuolo); Juventus-Genoa (20/12 ore 20.45): Maresca di Napoli (La Rocca-Bindoni/Marini/Mariani-Alassio).

15:20Migranti: ok a progetto per impiego in Scavi Pompei e Reggia

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Una migliore distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l'impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il senso del protocollo d'intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l'accoglienza dei richiedenti asilo. "Un progetto bello e straordinario - ha sottolineato il ministro - che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l'Italia intera".

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

15:16Calcio: Torino, Ansaldi operato a Monaco,intervento riuscito

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - E' "perfettamente riuscito" l'intervento di sports Hernia, l'ernia dello sportivo, a cui è stato sottoposto Cristian Ansaldi. Il difensore del Torino, che ha anticipato l'intervento già previsto per giugno approfittando dalla lesione muscolare alla lesione destra che comunque l'avrebbe tenuto fuori fino al 2018, è stato operato dalla professoressa Ulrike Mushawech alla Atos Klinik di Monaco di Baviera. Era presente anche il responsabile sanitari del club granata, Rodolfo Tavana. Nei prossimi giorni, informa il club, Ansaldi verrà dimesso e tornerà a Torino dove lavorerà con lo staff medico granata per riprendere l'attività sportiva. I tempi per il recupero all'attività agonistica non sono stati resi noti.

15:15Calcio: Udinese, Oddo “a Napoli per passare il turno”

(ANSA) - UDINE, 18 DIC - "Non sottovalutiamo l'impegno di Coppa, andiamo a Napoli per vincere, per passare il turno. Se poi saranno più bravi di noi...". Il proclama arriva dal tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, nella conferenza stampa della vigilia in vista della gara degli ottavi di coppa Italia a Napoli, che riporta i bianconeri di fronte alla capolista, dopo il successo di sabato con l'Inter. Una gara preparata "questa mattina", con un occhio al prossimo impegno di campionato sabato con l'Hellas Verona che porterà un inevitabile turnover: "Ci sono due partite in una settimana, quindi è normale provare a gestirle, con i pro e i contro, a prescindere contro chi giochi. Qualcuno ha bisogno a livello fisico di recuperare, chi va in campo va a cogliere una opportunità importante", ha aggiunto annunciando che in porta giocherà Scuffet e con gli uomini contati in difesa ne confermerà "due su tre".

15:13Romania: migliaia in piazza contro riforma giustizia

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 DIC - In Romania migliaia di persone hanno nuovamente manifestato ieri sera in varie città del Paese contro la riforma del sistema giudiziario varata dal governo del premier socialdemocratico Mihai Tudose, accusata di minare lo stato di diritto e vanificare la lotta alla corruzione dilagante. Nella capitale Bucarest circa 5 mila persone hanno percorso in corteo il centro della città partendo dalla sede del governo e raggiungendo il parlamento, dove oggi è in programma una seduta dedicata all'esame della legge contestata. "Vogliamo giustizia, non corruzione", "Governo covo di ladri", hanno scandito i manifestanti che hanno sfidato il maltempo e il freddo intenso. Proteste popolari si sono registrare in diverse altre città quali Timisoara, Cluj, Brasov.

15:10Germania: parenti vittime Amri da Merkel, assenti Di Lorenzo

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I parenti delle vittime dell'attentato del mercatino di Natale di Berlino incontrano stamattina la cancelliera Angela Merkel, a un anno dalla tragedia che li ha colpiti. Non ci saranno, però, i parenti di Fabrizia Di Lorenzo, che non verranno nella capitale tedesca neppure domani per la commemorazione ufficiale, nella data del primo anniversario. I Di Lorenzo, come i familiari delle altre 11 vittime di Anis Amri, il tunisino che travolse la folla nella Breitscheidplatz con un camion, hanno firmato una lettera aperta alla Merkel, criticando la gestione complessiva dell'accaduto e rimproverandole, fra l'altro, di non aver porto loro le condoglianze personalmente, in un anno. La settimana scorsa, il delegato per i familiari delle vittime Kurt Beck ha reso pubblico un rapporto in cui con le denunce dei parenti delle vittime sulle tante mancanze del sistema, si faceva autocritica.

Archivio Ultima ora