Putin con Obama per una coalizione internazionale contro l’Isis

Pubblicato il 04 settembre 2015 da redazione

A file picture dated 18 June 2012 shows US President Barack Obama (R) talking with Russian President Vladimir Putin (L) during their meeting at Esperansa hotel prior G20 summit  ANSA/ALEXEI NIKOLSKY/RIA NOVOSTI/KREMLIN POOL

A file picture dated 18 June 2012 shows US President Barack Obama (R) talking with Russian President Vladimir Putin (L) during their meeting at Esperansa hotel prior G20 summit ANSA/ALEXEI NIKOLSKY/RIA NOVOSTI/KREMLIN POOL

MOSCA. – Putin sta trattando direttamente con Obama la creazione di una coalizione internazionale per combattere l’Isis, ma ritiene prematuro per ora parlare di un possibile impegno militare diretto della Russia. Lo ha annunciato lo stesso leader del Cremlino a margine dell’eastern economic forum di Vladivostok, estremo oriente russo. ”Noi – ha spiegato – vogliamo davvero creare una sorta di coalizione internazionale contro il terrorismo e l’estremismo, e a tale scopo stiamo tenendo consultazioni con i nostri partner americani. Ne ho discusso personalmente al telefono con il presidente Usa Obama e con altri leader”, tra i quali ha citato il presidente dell’Egitto, il re di Giordania e dirigenti dell’ Arabia Saudita, che recentemente sono stati ricevuti anche al Cremlino.

Il presidente russo è in contatto anche con quello turco. Una fitta tela diplomatica per trovare denominatori comuni nella lotta all’Isis. Putin ha infatti ammesso l’esistenza di approcci diversi alla crisi in Siria, aggravata dall’Isis. ”Se fosse impossibile ora organizzare un lavoro comune di tutti i Paesi interessati a combattere il terrorismo, ossia direttamente sul campo di battaglia, allora dovrebbe essere stabilito almeno qualche coordinamento”, ha proseguito.”Stiamo lavorando a questo, e i primi passi mostrano che, in generale, è possibile, a mio avviso”, ha aggiunto, precisando che sono coinvolti i dipartimenti della difesa di vari Paesi.

Ma il leader del Cremlino prende tempo: ”sarebbe prematuro dire che siamo già pronti a farlo ora”. ”Stiamo considerando varie opzioni”, dribbla i cronisti, ricordando che Mosca sta già fornendo un serio sostegno alla Siria con la formazione dei soldati e la fornitura di armi ed equipaggiamenti in base a contratti siglati negli anni scorsi. Una cooperazione militare mai negata, ma di cui il Cremlino non ha mai fornito i dettagli. Nessun accenno alle recenti notizie di stampa britannica e israeliana, peraltro già smentite dal Cremlino e dal ministero degli esteri, sulla presenza di militari e mezzi russi in Siria per combattere l’Isis.

Quanto ai raid aerei Usa, ”la loro efficienza non è alta”. Putin ha voluto sottolineare inoltre che la lotta al terrorismo non va disgiunta in Siria da un processo politico che, a suo avviso, il presidente Assad è pronto a fare, ad esempio ”tenendo elezioni parlamentari anticipate, stabilendo contatti con la cosiddetta opposizione sana e coinvolgendola nel governo”. Il presidente russo non ha risparmiato una stoccata alla ”miope” Europa per l’ondata migratoria che la sta travolgendo, una crisi “assolutamente prevedibile”: ”sta seguendo ciecamente le direttive Usa” con ”politiche sbagliate, in particolare nel mondo musulmano, nel Medio Oriente e nell’ Africa del nord”.

Una frecciata per quanto sta succedendo in Libia e in Siria, Paese quest’ultimo dove la gente – ha detto – fugge dall’Isis, non da Assad. A suo avviso ”bisogna mostrare rispetto per la storia, le tradizioni e la religione dei popoli di questi territori, ristabilire il loro stato e fornire loro supporto economico e politico”. ”Ma se agiamo separatamente e discutiamo sui principi quasi democratici e le procedure per certi territori, questo ci porterà ad uno stallo ancora più grande”.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora