Santos disposto a incontrare Maduro con la mediazione di Tabaré Vásquez

Delcy Rodriguez e Maria Angela Holguin
Delcy Rodriguez e Maria Angela Holguin
Delcy Rodriguez e Maria Angela Holguin

BOGOTÀ. – Forse a Montevideo, in Uruguay. La mediazione del presidente, Tabaré Vásquez, pare sia riuscita ad aprire una breccia in quel muro fino a ieri insormontabile che divideva i presidenti del Venezuela e della Colombia. Il primo passo verso un timido tentativo di distensione è stato fatto dal capo dello Stato colombiano, Juan Manuel Santos. Questi ha reso nota la propria disponibilità ad un incontro con il collega venezuelano, Nicolás Maduro. Il colloquio tra i due capi di Stato potrebbe avvenire a Montevideo.

Il presidente della nazione “neogranadina” ha confermato d’aver accettato la mediazione del presidente dell’Uruguay poichè le condizioni minime umanitarie richieste si stanno rispettando.

– C’è bisogno di un dialogo serio, fondato sul rispetto mutuo – ha affermato il presidente Santos -; un dialogo che permetta di risolvere i problemi che affliggono la popolazione che vive nella frontiera tra i due Paesi.

Santos, inoltre, ha reso noto d’aver decretato lo “stato di emergenza economica” nei comuni di Cúcuta, Zulia, Salazar de las Palmas e Sardinata, limitrofi col Venezuela.

E mentre il presidente Santos cerca il dialogo, la ministro degli Esteri venezuelana, Delcy Rodríguez, è stata assai dura con la collega colombiana, Maria Angela Holguín e ha definito di “reality show” l’incontro a Ginevra con l’Alto Commissario dell’Onu per i Diritti Umani, Zeid Ra’ad.

“La ministro Holguín perde il tempo a Ginevra esponendo le sue menzogne sulla realtà della frontiera al migliore stile di un reality show”, ha scritto Rodríguez nel suo Tweeter. Venezuela, ha reiterato Rodríguez, prende decisioni sovrane per difendere la popolazione dalla criminalità fuori d’ogni controllo in Colombia.