L’altra Ungheria, quella che aiuta i migranti

Pubblicato il 10 settembre 2015 da redazione

ungheria

SZEGED (CONFINE UNGHERIA-SERBIA). – Centinaia di volontari e migliaia di cittadini che aiutano i migranti in fuga da guerra e povertà: è l’altra faccia dell’Ungheria, quella che non vuole muri ai confini e non prende a calci una bambina siriana che ha passato il confine con la Serbia dopo aver marciato a piedi per chilometri. Un volto umano che non ferma il premier Viktor Orban, che entro il 15 settembre vuole alzare la ‘cortina di ferro’ e filo-spinato, e approvare nuove norme che prevedono il carcere per chi passa il confine ”illegalmente”.

Balazs Szalai, “il boss” come lo chiamano qui, ha messo in piedi il “campo di raccolta” dei profughi che attraversano il confine a Rozske, teatro solo ieri di un afflusso record di oltre 3.200 migranti. “I volontari che arrivano da Szeged sono un’ottantina. Abbiamo montato tende, offerto i primi soccorsi medici, garantito assistenza medica e informativa”, spiega, mentre un diluvio di pioggia e il freddo pungente attanaglia il campo, che sorge su un terreno agricolo vicino ai binari di una ferrovia. Almeno 20.000 i migranti transitati nel campo in 2-3 mesi, “ma è difficile sapere il numero esatto”. “Tutto quello che abbiamo – cibo, acqua, vestiti, medicine, scarpe – è stato donato gratuitamente dalla popolazione ungherese”, sottolinea fiero. Oramai vive praticamente lì, ogni tanto fa un salto in città, alla stazione, dove si concede una doccia. Nello spiazzo, un gazebo in legno offre informazioni, assistenza medica, e anche un giaciglio per dormire nelle tende piazzate sul selciato.

Qui c’è Tamas Szuts: senza sosta coordina la raccolta del materiale e del cibo, spiega ai migranti cosa può succedere a bordo dei treni che li porteranno a Budapest, e poi forse verso l’Austria e la Germania. Vive il suo impegno come una vocazione, e ha il telefono che squilla incessantemente. Anche lui da settimane dorme poco. Nel corso della notte si trasforma anche in ‘barista’, e sforna caffè e bevande calde come fosse in un locale nel centro di Roma o di Napoli all’ora di colazione. I migranti avvolti nelle coperte, tremano per il freddo, e bevono il caffè bollente come fosse acqua miracolosa. Quasi tutti zoppicano per i tanti chilometri macinati a piedi. Altri stanno messi peggio, ma nulla sembra fermarli.

Attendono trepidanti il primo treno del mattino, che parte dopo le 4.30. Ai due ‘coordinatori’, ma guai a chiamarli così che si offendono, si aggiungono tante ragazze e ragazzi. Molti anche da Budapest. E poi quelli austriaci, tedeschi, australiani, inglesi. A Szeged – l’unica grande città ungherese ancora nella mani del partito socialista che accusa Orban di essere uno xenofobo – come anche a Budapest, dove le signore portano panini ai disperati e l’Ong Migrant Aid coordina gli aiuti.

E a Pannonhalma (la più vecchia abbazia del Paese), decine di migranti vengono accolti “a qualsiasi ora”. Mentre altri sacerdoti cattolici parlano ai fedeli di “pericolo dei musulmani”. La paura, il “rischio contagio da malattie dei migranti”, viene evocata da una buona parte delle forze politiche di maggioranza. Non tutte. Ma il vero timore dei volontari e dei cittadini “dal volto umano” è che il giro di vite che Orban vuole imporre da martedì prossimo possa portare ad altre tragedie.

Oltre al muro, il governo punta ad approvare un inasprimento delle norme sul diritto d’asilo e introdurre il carcere per chi entra illegalmente nel Paese. Gli oltre tremila militari schierati al confine sud hanno iniziato le esercitazioni. A Szeged in tanti si chiedono come si confronteranno con i migranti, “che continueranno ad arrivare”. E molti temono il peggio.

(dell’inviato Claudio Accogli/ANSA)

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora