Us Open: trionfo Pennetta, “il modo migliore per chiudere”

Pubblicato il 12 settembre 2015 da redazione

Flavia Pennetta, of Italy, holds up the championship trophy after beating Roberta Vinci, of Italy, in the women's championship match of the U.S. Open tennis tournament, Saturday, Sept. 12, 2015, in New York. (ANSA/AP Photo/Julio Cortez)

Flavia Pennetta, of Italy, holds up the championship trophy after beating Roberta Vinci, of Italy, in the women’s championship match of the U.S. Open tennis tournament, Saturday, Sept. 12, 2015, in New York. (ANSA/AP Photo/Julio Cortez)

ROMA. – Una finale tutta di nervi e di cuore, equilibrata solo nel primo set, porta sul tetto dell’Us Open femminile Flavia Pennetta. A 33 anni la brindisina diventa la seconda regina italiana di uno slam dopo Roberta Schiavone, battendo 7-6 6-2 in un duello tricolore l’amica tarantina Roberta Vinci, che è stata con lei protagonista di un momento storico per il tennis e lo sport italiani. Mai era accaduto, e probabilmente mai più accadrà, di vedere due azzurre, o azzurri, duellare per un titolo del Grande Slam. A sottolineare l’eccezionalità dell’evento era volato a New York anche il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che in tribuna con il n.1 del Coni, Giovanni Malagò, ha applaudito le due pugliesi, in rappresentanza di tutta una nazione.

Nel momento del trionfo, il più alto della sua carriera, la Pennetta ha fatto un annuncio-choc, assolutamente a sorpresa, “Avevo pensato di ritirarmi, questo è il mio ultimo Us Open. Non potevo pensare ad un modo migliore per chiudere”. L’annuncio ha fatto sbalordire gli oltre ventimila appassionati che hanno assistito all’inattesa sfida tra la donna che aveva sgambettato Serena Williams sulla porta del Grande Slam e l’amica che ha nell’altra semifinale aveva letteralmente stracciato la n.2 al mondo, Simona Halep.

Flavia Pennetta of Italy (R) embraces Roberta Vinci of Italy at the net after the women's final on the thirteenth day of the 2015 US Open Tennis Championship at the USTA National Tennis Center in Flushing Meadows, New York, USA, 12 September 2015. The US Open runs through 13 September, which is a return to a 14-day schedule.  EPA/JUSTIN LANE

Flavia Pennetta of Italy (R) embraces Roberta Vinci of Italy at the net after the women’s final on the thirteenth day of the 2015 US Open Tennis Championship at the USTA National Tennis Center in Flushing Meadows, New York, USA, 12 September 2015. The US Open runs through 13 September, which is a return to a 14-day schedule. EPA/JUSTIN LANE

Il decimo duello in carriera professionistica tra due tenniste, che però hanno incrociato per la prima volta le racchette a nove anni, è stato vinto dalla brindisina, che dopo un primo set portato avanti punti a punto fino al tie break, si è poi risolto rapidamente con un 6-2 nella seconda partita. Una prima svolta era parsa concretizzarsi al quinto, interminabile game, del primo set, quando Pennetta ha strappato la battuta alla rivale alla settima palla-break. Salita sul 4-2, la brindisina sembrava poter allungare ancora ma la Vinci, alla prima occasione, ha messo a segno il contro-break tornando sul 4 pari. Ancora equilibrio fino al tie-break che la Pennetta si è aggiudicata per 7 punti a 4.

Nel secondo set il break in suo favore è arrivato al secondo gioco, e il 4-0 è arrivato quasi di conseguenza. Nel quinto gioco la Vinci ha recuperato uno dei due break di svantaggio e non si è lasciata sfuggire l’occasione, recuperando fino al 2-4. La Pennetta ha accusato un poco la tensione, ma poi è tornata concentrata, chiudendo 6-2.

“Non avrei mai pensato all’inizio del torneo di arrivare così lontano. E’ un’emozione imprevedibile. Chi comincia a praticare sport vuole essere un numero uno. E’ stato bellissimo giocare contro una vera amica che, per due settimane, ha giocato un grande tennis”, ha detto alla fine la vincitrice.

“Ho perso in finale, ho perso da Flavia e sono molto felice per lei – sono state le parole di Roberta Vinci – Forse ero un po’ stanca e magari si è visto nel primo set. Lei ha fatto meglio di me, devo solo farle le congratulazioni”.

Grande l’entusiasmo a Brindisi per la vittoria di Flavia, ma le sue parole hanno provocato altrettanto sconcerto: “Cercheremo di farla ricredere” ha commentato a caldo il padre Oronzo Pennetta, il padre di Flavia, ammettendo che “quell’annuncio ci ha gelati. Siamo rimasti un po’ così, contenti per questa impresa straordinaria ma delusi per il ritiro. Cercheremo di convincerla a continuare a giocare. Non è così che deve chiudere la carriera”.

Ultima ora

16:13Serie A: Milan travolto a Verona, Hellas vince 3-0

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Un'altra 'fatal Verona' nella storia del Milan, travolto oggi al Bentegodi dall'Hellas con un 3-0 che non ammette alibi. Svagati, molli e forse anche un pizzico presuntosi dopo il 3-0 rifilato proprio agli scaligeri in Coppa Italia tre giorni fa, i rossoneri hanno inanellato l'ennesima prova incolore stagionale che li lascia al 7mo posto in classifica, destinato forse a peggiorare dopo la giornata di oggi con Atalanta e Fiorentina che devono ancora scendere uin campo. Fa un grande passo avanti invece il Verona che da penultimo sale al momento in quart'ultima posizione. Il cambio di panchina non sembra dunque aver portato nessuna svolta in casa Milan (9 punti in meno rispetto a un anno fa) travolto dai gol di Caracciolo di testa nel primo tempo e dall'uno-due di Kean, in contropiede, e Bessa dopo un altro micidiale contropiede. A rovinare ulteriormente il clima rossonero anche il 'rosso' diretto a Suso per un fallo di frustrazione e che salterà Milan-Atalanta del prossimo turno.

16:07Ex calciatore ucciso: Rullo a gip, è stata mia madre

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - "Sono innocente, è stata mia madre". Si è difeso in questo modo Raffaele Rullo, fermato per l'omicidio dell'ex calciatore Andrea La Rosa mentre sua madre, Antonietta Biancaniello ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere davanti al gip durante l'udienza di convalida del fermo. Rullo, come la madre accusato di omicidio premeditato e soppressione di cadavere, assistito dall'avvocato Luigi Di Martino è ora in attesa del provvedimento del gip che si è riservato. La donna si era addossata la responsabilità del delitto ed era stata trovata, giovedì sera, mentre, a bordo della sua auto stava probabilmente cercando di liberarsi del corpo dell'ex calciatore di Serie C che era stato messo in un fusto per il gasolio. Avevano anche comperato dell'acido per scioglierlo. All'origine del delitto un debito che Rullo aveva con la vittima per circa 30mila euro.

15:44Gerusalemme: sindaco Nazareth, feste Natale ci saranno

(ANSAmed) - TEL AVIV, 17 DIC - Il sindaco di Nazareth, città arabo israeliana del nord del paese, ha fatto sapere che le feste di Natale si svolgeranno nel luogo da programma e non saranno ridotte come annunciato nei giorni scorsi in protesta contro la decisione di del presidente Usa Donald Trump su Gerusalemme. "Le notizie che gli eventi di Natale erano stati cancellati - ha detto il sindaco Ali Salam citato dai media - non erano corrette. Come ogni anno la città è decorata per le feste". Il 14 dicembre l'agenzia ufficiale palestinese Wafa aveva riportato una dichiarazione di Salam, che è musulmano, in cui si annunciava la sospensione, eccetto per l'illuminazione dell'albero di Natale e per l'annuale marcia di Capodanno, per protesta "contro l'annuncio di Donald Trump su Gerusalemme".

15:40Brexit: May, non ci fermeremo, ci sarà accordo ambizioso

(ANSA) - LONDRA, 17 DIC - Theresa May lancia una offensiva mediatica sui domenicali più vicini al suo partito conservatore, Sunday Telegraph e Sunday Express, affermando che il suo governo non si fermerà nella Brexit e che porterà a termine un "accordo ambizioso" con Bruxelles. L'intervento della premier arriva dopo la cocente sconfitta ai Comuni su un emendamento alla Withdrawal Bill, la legge quadro sul divorzio dall'Ue, in seguito a una ribellione di 12 deputati Tory. La prossima settimana rischia una nuova 'rivolta' contro l'inserimento nel testo di legge della data di addio all'Unione, il 29 marzo 2019. Ma la May punta tutto sul successo ottenuto a Bruxelles con il via libera alla fase due dei negoziati e sottolinea che i "pessimisti avevano torto" e che non c'è limite ora alla "ambizione e alla creatività" di Londra nel raggiungere una intesa finale con l'Ue.

15:37Francia, cresce popolarità Macron e premier Philippe

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Sondaggio decisamente positivo per il presidente francese Emmanuel Macron e il premier Edouard Philippe. Secondo il Journale du Dimanche (Jdd), oltre il 50% dei francesi approva l'operato dei due. Macron, in particolare, vede la sua popolarità risalire al 52%, con il 46% (-6 rispetto al mese precedente) di scontenti. Il massimo era stato raggiunto a luglio con il 54% di pareri positivi. Per Philippe, i pareri positivi sono il 54%, gli scontenti il 42%.

15:05Sci: Hirscher vince gigante Badia, è la 5/a volta di fila

(ANSA) - ALTA BADIA, 17 DIC - Il fuoriclasse austriaco Marcel Hirscher ha vinto alla grande in 2.25.42 lo slalom gigante di Cdm di Alta Badia. E' la sua quinta vittoria in serie sulla pista Gran Risa ed ha cosi' anche staccato Alberto Tomba che aveva vinto quattro volte sul famoso tracciato. In cdm e' poi il 48/o successo di Hirscher che si avvicina alle 50 vittorie ottenute in carriera dall'azzurro. Alle spalle di Hirscher sono arrivati il norvegese Henrik Kristoffersen in 2.27.12 e lo sloveno di 23 anni Zan Kranjec, al primo podio in carriera, in 2.27.24. Il migliore degli azzurri - con una buona seconda manche dopo aver chiuso 10/o la prima - e' stato il trentino Luca De Aliprandini 8/o in 1.27.92. Poi ci sono Roberto Nani e Florian Eisath 16/i appaiati in 2.28.85 e Manfred Moelgg 19/o in 2.29.13. Domani sera, alla luce dei riflettori, e' in programma uno slalom gigante parallelo.

14:03Savoia: atterrato a Cuneo aereo con salma re

(ANSA) - CUNEO, 17 DIC - L'aereo partito questa notte da Alessandria d'Egitto con le spoglie del re Vittorio Emanuele III, è atterrato pochi minuti fa all'aeroporto di Cuneo-Levaldigi. La salma del re verrà traslata al Santuario di Vicoforte, nei pressi di Mondovì, dove riposerà accanto alla moglie regina Elena di Savoia. Non è vero che una parte della famiglia reale è stata tenuta all'oscuro dell'arrivo in Italia delle salme. "Erano tutti assolutamente informati: bisogna distinguere nettamente fra discrezione e segreto, o tentativo di occultare". Lo ha detto ai giornalisti Aldo Alessandro Mola, già presidente della Consulta dei senatori del Regno. "Qui - ha precisato - non c'era niente da occultare. La scelta di Vicoforte era stata individuata sin dal 19 marzo 2011, nel centocinquantesimo dell'Unità d'Italia".

Archivio Ultima ora