Cuba e Usa, banco di prova per la geopolitica di Francesco

Pubblicato il 18 settembre 2015 da redazione

A vintage cars rushes by a billboard with the portrait of Pope Francis in Havana, Cuba, 18 September 2015, on the eve of the upcoming visit of the Pope to the island. Pope Francis will visit Cuba from 19 to 22 September 2015.  EPA/ALEJANDRO ERNESTO

A vintage cars rushes by a billboard with the portrait of Pope Francis in Havana, Cuba, 18 September 2015, on the eve of the upcoming visit of the Pope to the island. Pope Francis will visit Cuba from 19 to 22 September 2015. EPA/ALEJANDRO ERNESTO

CITTA’ DEL VATICANO. – Sono due i banchi di prova che attendono papa Francesco, a stretto giro, nelle prossime settimane. Nel Sinodo dei vescovi di ottobre un severo test riguarderà le sue prospettive pastorali per la famiglia, su cui molto ha investito del suo carisma papale, nello stretto varco tra spinte innovatrici e resistenze della conservazione. Ma già nel viaggio di dieci giorni che lo porterà prima a Cuba e poi negli Stati Uniti, la verifica interesserà tutta la geopolitica di Bergoglio, capace in questi due anni e mezzo di pontificato di riportare la Chiesa cattolica tra le voci più ascoltate nel panorama delle relazioni internazionali.

Proprio Cuba è l’esempio del “peso” diplomatico assunto dalla Santa Sede con Francesco, la cui mediazione è stata determinante nello storico disgelo che ha portato Washington e l’isola comunista alla riapertura delle rispettive ambasciate. “Concretamente sono venuti qui in Segreteria di Stato per porre le firme nei due rispettivi documenti davanti al Segretario di Stato quasi come garante della parola che si erano scambiato tra loro”, ha rivelato oggi a Tv2000 il sostituto della Segreteria di Stato, mons. Angelo Becciu, già nunzio a Cuba, spiegando che “il Papa ha incantato i rappresentanti del popolo cubano e americano”, perché “sono loro che hanno chiesto al Pontefice di farsi garante di questo desiderio di parlarsi, dialogare e incontrarsi”.

Bergoglio arriva sull’isola – dove oltre al presidente Raul Castro incontrerà con tutta probabilità anche l’anziano ‘lider maximo’ Fidel – mentre è ancora aperta una questione centrale della distensione, la fine dell’embargo Usa, che vede favorevole il presidente Obama mentre il Congresso ancora resiste. La Santa Sede ripete la sua posizione contraria all’embargo, e lo farà di nuovo col Papa durante il viaggio nei due Paesi. Ma si è lasciato intendere che a Cuba non mancherà di portare riservatamente sul tavolo dei colloqui anche istanze, di carattere umanitario, che riguardano esponenti della dissidenza (oltre 3.500 detenuti, ma non dissidenti, sono stati liberati in un indulto in vista della visita papale), oltre alle esigenze su un clima di libertà per l’attività della Chiesa cattolica.

I tanti fronti dell’attività diplomatica vaticana nell’era di Francesco confluiranno poi nelle tappe statunitensi del viaggio, in particolare nelle visite alla Casa Bianca e al Congresso a Washington – Bergoglio sarà il primo Papa a parlare al Parlamento Usa – e in quella all’Onu a New York per i 70 anni dell’organizzazione. Il dramma delle migrazioni, problema epocale dei nostri tempi; la pace globale messa sempre più a rischio da una “terza guerra mondiale combattuta a pezzi” – copyright papa Francesco -; l’avanzare del terrorismo fondamentalista contro cui la comunità internazionale è tuttora restia a reagire in maniera univoca e a trovare soluzioni; il riscaldamento globale che ha come principali vittime le popolazioni più povere, mentre sono in vista appuntamenti decisivi come la conferenza di Parigi sul clima; non ultimo il martirio dei cristiani cacciati dal Medio Oriente, terra dove il cristianesimo è nato: sono tutti temi che troveranno spazio nei colloqui di Francesco, sia con Obama che all’Onu, e nei suo discorsi nelle prestigiose assise che lo attendono nella capitale americana e al Palazzo di Vetro.

In una telefonata con Abu Mazen, tra l’altro, Francesco ha espresso preoccupazione per l’escalation di violenze sulla Spianata delle Moschee a Gerusalemme e per il possibile “conflitto religioso”, dicendo che negli Usa parlerà anche della situazione nei luoghi santi. Ma se un asse si è già stabilito con Obama, che l’ha ringraziato per l’azione svolta per il disgelo con L’Avana e ha citato la sua enciclica nel momento di proporre una svolta senza precedenti sul clima, Francesco troverà anche un’opinione pubblica non tra le più favorevoli, che non ha esitato ad attaccarlo per le sue dure critiche al capitalismo nella Laudato si’ e non solo, mentre il cattolicesimo Usa non è affatto entusiasta del suo profilo poco agguerrito sui temi pro-life.

Saprà Bergoglio riconquistarne i consensi? Lo si vedrà soprattutto nella tappa finale di Filadelfia, dove all’Incontro mondiale delle Famiglie il Papa entrerà direttamente proprio nei temi di quel Sinodo di ottobre che lo attende, anch’esso, come uno degli snodi decisivi di tutto il pontificato.

(Fausto Gasparroni/Ansa)

Ultima ora

11:44Gerusalemme: Erdogan,riconosciamola capitale Palestina

(ANSA) - ISTANBUL, 13 DIC - "Dobbiamo riconoscere lo Stato di Palestina con i confini del 1967, liberandoci dall'idea che questo sia un ostacolo alla pace", e "Gerusalemme come capitale dello stato occupato di Palestina". È l'appello lanciato dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan in apertura del vertice straordinario dell'Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) a Istanbul. "Almeno 196 Paesi Onu sono fermamente contrari" alla decisione di Donald Trump, ha aggiunto Erdogan, ribadendo che "Gerusalemme è la nostra linea rossa".

11:41Doping: Froome, Team “farmaco usato in dosi consentite” (3)

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Team Sky in una nota ricorda che il salbutamolo "è consentito dalle regole WADA (senza necessità di TUE, esenzione per uso terapeutico) se inalato fino a un massimo di 1.600 microgrammi (mcg) per un periodo di 24 ore e non più di 800 mcg per 12 ore. Froome era stato avvisato dall'Uci che dal controllo sulle urine del 7 settembre era emersa una concentrazione di Salbutamolo a un livello che gli impone di fornire informazioni per confermare di aver inalato non più della dose ammissibile. L'analisi indicava la concentrazione di 2.000 nanogrammi per millilitro (ng / ml), rispetto alla soglia WADA di 1.000 ng / ml. Nessuno degli altri 20 test delle urine effettuati da Chris ha richiesto ulteriori spiegazioni". La squadra di Froome sottolinea poi che "esistono variazioni significative e imprevedibili nel modo in cui il salbutamolo viene metabolizzato ed escreto. Di conseguenza, l'uso di dosaggi consentiti di Salbutamol può talvolta portare a elevate concentrazioni urinarie, che richiedono una spiegazione".

11:39Maltempo: altra frana nel Lecchese, è la terza in due giorni

(ANSA) - LECCO, 13 DIC - Altra frana sulle strade del Lecchese, la terza in meno di due giorni. Nella notte si è verificata la caduta di massi e detriti sulla strada provinciale 65, che unisce Perledo a Esino Lario, interrotta al traffico. Sul posto i vigili del fuoco e i tecnici della Provincia di Lecco. In mattinata la rimozione del materiale caduto sulla sede stradale, quindi il sopralluogo per verificare il rischio di altri smottamenti. Dopo le precipitazioni dei giorni scorsi la zona dell'Alto Lario e della Valsassina è monitorata per il rischio di nuovi smottamenti. (ANSA).

11:34Bangladesh: Unicef, vaccinazioni per 255.000 bambini

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il governo del Bangladesh - supportato da Unicef, Oms e dall'Alleanza Globale per le Vaccinazioni (Gavi) - ha lanciato una campagna di vaccinazione contro la difterite e altre malattie prevenibili per i circa 255.000 bambini Rohingya di età compresa fra le 6 settimane e i 6 anni che vivono in 12 campi per rifugiati e insediamenti temporanei vicino al confine col Myanmar. In particolare, si tratta dei sotto-distretti di Ukhiya e Teknaf a Cox's Bazar, rende noto un comunicato dell'Unicef.

11:33Ciclismo: Tour Down under, Porte guiderà l’assalto della Bmc

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - La Bmc schiererà un vero e proprio squadrone, per tentare l'assalto al Tour Down under di ciclismo: al via della prima gara del World tour ci saranno, infatti, i vincitori delle quattro ultime edizioni, vale a dire Richie Porte, Simon Gerrans e Rohan Dennis. A completare la formazione, il campione australiano Miles Scotson, il neozelandese Patrick Bevin, il duo svizzero Tom Bohli e Danilo Wyss. Richie Porte sarà il capitano del team. Dennis ha vinto il Down Under nel 2015 e punta al bis dell'anno prossimo. Il Tour Down under si disputerà dal 14 al 21 gennaio dell'anno prossimo, con partenza da Adelaide. Nel 2018 la gara australiana celebrerà le 20 edizioni, essendo nata nel 1999.

11:31Doping: Uci chiede spiegazioni a Froome (2)

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Ha sconvolto il mondo del ciclismo la notizia della positività di Froome nelle analisi effettuate il 7 settembre, in occasione della 18ma tappa della Vuelta, il Giro di Spagna che poi il corridore britannico ha vinto. La federazione internazionale (Uci) ha già sollecitato ulteriori approfondimenti ed ha chiesto alla squadre del corridore britannico di fornire spiegazioni sull'accaduto. In ogni caso per il momento non verrà preso alcun provvedimento sanzionatorio, vista la natura della sostanza, l'antiasmatico appunto, trovato nel sangue del corridore. Il Team Sky in una nota ha ricordato che Froome "nel corso dell'ultima settimana della Vuelta ha sofferto di attacchi acuti di asma e in accordo con i medici della squadra ha aumentato il dosaggio" del farmaco nelle dosi consentite.

11:25Torino: blitz della Digos, sgomberato centro sociale Fenix

(ANSA) - TORINO, 13 DIC - Blitz della Digos di Torino al Fenix, edificio occupato dagli squatter dall'estate scorsa nel centro del capoluogo. All'alba di questa mattina, gli agenti hanno fatto irruzione nello stabile. Il Fenix, di proprietà del comune di Torino, era stato adibito a biblioteca e a punto informativo del gruppo di anarchici. Domani sera, come tutti i giovedì, era prevista un'assemblea aperta. Lo sgombero del Fenix, in corso San Maurizio angolo via Rossini, è stato espletato senza ripercussioni per l'ordine e la sicurezza pubblica. Sono in corso le operazioni di messa in sicurezza dello stabile a cura dell'amministrazione comunale proprietaria dell'edificio.(ANSA).

Archivio Ultima ora