Papa all’Onu: per tutti casa, lavoro, terra e libertà

Pubblicato il 25 settembre 2015 da redazione

papa1

NEW YORK. – Il “vasto mondo di donne e uomini esclusi”, “scartati”, e – fenomeno ad esso “intimamente unito” – la grande emergenza della “distruzione dell’ambiente”, che “può mettere in pericolo l’esistenza stessa della specie umana”. Il proliferare anche oggi delle guerre, “negazione di tutti i diritti”, cui porre fine parallelamente all’impegno “per un mondo senza armi nucleari”. La necessità di proteggere i Paesi poveri da ogni “abuso o usura” sul piano economico e finanziario.
Sono le urgenze indicate da papa Francesco nel suo discorso all’assemblea generale dell’Onu, quarto Pontefice a rivolgersi nell’emiciclo del Palazzo di Vetro ai rappresentanti di tutte le Nazioni. Intervento che Bergoglio suggella con una richiesta diretta di riformare l’Organizzazione, ai suoi 70 anni, allargandone la “partecipazione alle decisioni”. E con un grido: “garantire a tutti casa, lavoro, terra e libertà”.

E quasi in risposta al Papa, l’Assemblea dell’Onu vara la nuova agenda sugli obiettivi di sviluppo entro il 2030: dal dimezzamento della povertà estrema al blocco della diffusione dell’Hiv-Aids, dallo sviluppo dell’educazione primaria alla riduzione della mortalità infantile, al clima. Al primo posto c’è proprio lo sradicamento della povertà e al secondo l’obiettivo ‘Zero fame’.

Accolto dal segretario generale Ban Ki-moon, presenti in aula ancora non molti capi di Stato o di governo, tra cui Angela Merkel e Michelle Bachelet, mentre i più arriveranno nei prossimi giorni, Bergoglio non esita dapprima a riconoscere i meriti dell’Onu nella sua storia (senza “l’umanità avrebbe potuti non sopravvivere”), ma mette subito sul tavolo l’imprescindibilità della riforma, al fine di “concedere a tutti i Paesi, senza eccezione, una partecipazione reale ed equa nelle decisioni”.

“Più equità”, quindi, nel Consiglio di Sicurezza. Così come negli Organismi finanziari: e questo anche per “limitare qualsiasi sorta di abuso o usura specialmente nei confronti dei Paesi in via di sviluppo” ed evitare “l’asfissiante sottomissione di tali Paesi a sistemi creditizi”, che anziché favorire progresso aumentano povertà e dipendenza.
Il Papa, come già nella Laudato si’, lega strettamente distruzione dell’ambiente ed “esclusione economica e sociale”, che definisce “una negazione totale della fraternità umana e un gravissimo attentato ai diritti umani e all’ambiente”, mentre sono i più poveri a soffrirne di più, perché “scartati dalla società” e “obbligati a vivere di scarti”.

L’adozione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, approvata significativamente dall’assemblea subito dopo il discorso del Papa, e gli “accordi fondamentali ed effettivi” che Francesco auspica nella Conferenza di Parigi sul clima, devono appunto dimostrare la capacità, “fatta di passi concreti e di misure immediate” per preservare l’ambiente naturale e vincere la perdurante esclusione degli ultimi. Il Papa fa tra l’altro riferimento al “diritto all’istruzione, anche per le bambine (escluse in alcuni luoghi)”: e gli sguardi si concentrano su Malala Yousafzai, presente in aula.

Ma soprattutto, per Bergoglio “i governanti devono fare tutto il possibile affinché tutti possano disporre della base minima materiale e spirituale per rendere effettiva la loro dignità e per formare e mantenere una famiglia”. Un “minimo assoluto” che comprende “casa, lavoro e terra”, insieme alla “libertà dello spirito”, cioè “libertà religiosa, diritto all’educazione e gli altri diritti civili”.

Francesco, nell’ampio discorso in spagnolo, tocca molti altri temi, come “la naturale distinzione uomo-donna” o il rispetto assoluto della vita in tutte le su fasi e dimensioni”. Fa appello a evitare ogni guerra e a far finire ogni situazione di conflitto, come quelle “in Ucraina, in Siria, in Iraq, in Libia, nel Sud-Sudan e nella regione dei Grandi Laghi”. Esorta a bandire le armi atomiche, esprimendo apprezzamento per l’accordo sul nucleare in Iran e auspici per la sua “efficacia e durata”.

E richiama ancora la comunità internazionale a prendere a cuore la situazione dei cristiani perseguitati, non solo dall’Isis. Ma il vero, forte invito alla pacificazione Francesco lo lancia da Ground Zero, dal Memorial dell’attentato dell’11 settembre, dove incontra i parenti dei soccorritori caduti e prega con gli esponenti delle altre religioni. La vita, dice, deve trionfare sui “profeti di distruzione”. E le religioni devono essere “forze di riconciliazione, di pace e giustizia”.

(Fausto Gasparroni/Ansa)

Ultima ora

12:18Scherma: Arianna Errigo 2/a nella sciabola in cdm a Cancun

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una fiorettista sul podio della sciabola. E' accaduto sulle pedane messicane di Cancun dove Arianna Errigo, che col fioretto in mano ha conquistato sin qui un argento olimpico individuale ed un oro a squadre, due volte campionessa del Mondo, due volte campionessa europea, vincitrice di sedici prove di Coppa del Mondo, è finita seconda al termine del Grand Prix FIE. A fermare la scalata dell'azzurra verso il gradino più alto è stata solo l'ucraina Olga Kharlan che ha fermato l'azzurra 15-6.

12:13Bomba devasta negozio a pochi giorni da inaugurazione

(ANSA) - NICOTERA (VIBO VALENTIA), 17 DIC - Una bomba ha devastato la notte scorsa, a Nicotera, il negozio "Splendidi e Splendenti" la cui inaugurazione era attesa a giorni. L'attività commerciale presa di mira con un ordigno, fatto esplodere intorno alle 4.15, è situata nel centro storico del paese. Ingenti i danni, ancora in corso di quantificazione. Sul posto, per spegnere l'incendio seguito alla deflagrazione, sono intervenuti i vigili del fuoco. Le indagini sull'accaduto sono state avviate dai carabinieri. Al momento non viene esclusa nessuna ipotesi. Quella predominante è che si sia trattato di un avvertimento preventivo che alza il livello di attenzione e di preoccupazione nella zona feudo del clan di 'ndrangheta dei Mancuso. (ANSA).

12:08Auto: San Marino festeggia i 50 anni della Fams

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Una serata ricca di emozione e grande partecipazione. Così è stato il Gala della FAMS che ha festeggiato a Palazzo Kursaal a San Marino, i suoi 50 anni di attività. Tra le massime autorità della Repubblica erano presenti il segretario di Stato allo Sport Marco Podeschi e il presidente del CONS, Comitato Olimpico Sammarinese, Gian Primo Giardi. Tantissimi i campioni delle quattro ruote e tanti i personaggi che sono stati premiati perché, a vario titolo, hanno contribuito al successo della Federazione Auto Motoristica Sammarinese in questo ultimo mezzo secolo. Gradito e sentito il videomessaggio, proiettato in sala, inviato da Jean Todt, presidente FIA nonché presidente onorario della FAMS e ambasciatore della Repubblica di San Marino, a testimonianza della sua grande vicinanza a San Marino e alla FAMS.

12:05Sci: Hirscher in testa gigante Badia, azzurri indietro

(ANSA) - ALTA BADIA (BOLZANO), 16 DIC - Il campione austriaco Marcel Hirscher in 1.12.15 e' al comando dopo la prima manche dello slalom gigante di cdm di Alta Badia sula classica pista Gran Risa. Hirscher ha vinto in serie le ultime quattro edizioni di questa gara eguagliando i successi sulla Gran Risa di Alberto Tomba. Secondo tempo per il norvegese Henrik Kristoffersen in 1.12.32 e terzo a sorpresa lo sloveno Zan Kranjec in 1.12.48. Miglior azzurro, dopo la prova dei primi trenta migliori atleti, e' il trentino Luca De Aliprandini 10/o in 1.13.30 e autore di una ottima manche rovinata pero' da un grave errore quando con la spalla destra e' finito dentro la quarta porta. Poi vi sono Riccardo Tonetti al momento 13/o in 1.13.52, Manfred Moelgg in 1.13.70, Roberto Nani in 1.13.99 e Florian Eisath in 1.14.13. e

12:04Pakistan: Quetta, attacco a chiesa, saliti a 7 i morti

(ANSA) - ISLAMABAD, 17 DIC - Almeno sette persone sono morte e altre 25 sono rimaste ferite oggi in seguito a un attacco di un commando di quattro kamikaze contro la chiesa metodista Bethel Memorial a Quetta, nella provincia pachistana di Balochistan. Fonti delle forze di sicurezza hanno indicato che al momento dell'attacco all'interno dell'edificio di culto c'erano almeno 400 persone che seguivano il servizio religioso domenicale. Dei quattro kamikaze, due sono morti e altri due sono riusciti a fuggire prima dell'arrivo delle forze speciali pachistane. Secondo il ministro dell'Interno del Balochistan, Mir Sarfraz Bugti i militanti, pesantemente armati, hanno tentato di prendere ostaggi all'interno della chiesa, ma non ci sono riusciti. Per il momento nessun gruppo ha rivendicato l'operazione terroristica.

11:09Brexit: sondaggio, ‘no’ in vantaggio record di 10 punti

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - I sudditi di Sua Maestà sembrano far marcia indietro sulla Brexit. Il 51% degli elettori britannici si dice ora contrario all'addio all'Ue contro il 41% che voterebbe di nuovo per il divorzio: il distacco di 10 punti e' il più grande mai registrato dal referendum del 23 giugno 2016. E' quanto emerge da un sondaggio esclusivo commissionato dal quotidiano britannico The Independent alla società demoscopica BMG Research.

08:45Honduras: sorella presidente morta in incidente elicottero

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 17 DIC - Hilda Hernandez, sorella del presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernandez, è morta, con altre cinque persone, in un incidente di elicottero, schiantatosi su una montagna vicino alla capitale Tegucigalpa. La donna, 51 anni, era addetta alle comunicazioni per il fratello, ed era stata ministro dello sviluppo sociale durante la precedente amministrazione dell'allora presidente Porfirio Lobo. L' elicottero militare trasportava Hernandez, quattro membri della sua scorta e un pilota. Era decollato dall'aeroporto internazionale di Tegucigalpa alla volta della sua residenza a Comayagua, 60 chilometri dalla capitale. Poco dopo, l'aeronautica ha dato il velivolo per disperso. I resti dell'elicottero sono stati poi trovati sulle montagne vicine a Tegucigalpa, senza sopravvissuti. Hernandez è coinvolto in una disputa sulle elezioni presidenziali in cui ha conquistato il 43% dei voti contro il 41,4% del candidato di opposizione Salvador Nasralla. Il vincitore non è stato ancora proclamato ufficialmente.

Archivio Ultima ora