Cavecol pide al gobierno levantar estado de excepción en frontera

Pubblicato il 25 settembre 2015 da redazione

Juan Pablo Guanipa

Juan Pablo Guanipa

CARACAS- La Cámara de Integración Colombo-Venezolana llamó ayer al gobierno venezolano a considerar la vigencia del estado de excepción en los puntos fronterizos del Zulia, Táchira y Apure, por cuanto estiman que de prolongarse la medida se generarán consecuencia negativas a quienes se dedican al comercio formal en esas zonas.

CAVECOL y sus afiliados reitera el llamado al gobierno venezolano para la no extensión de Estados de Excepción en nuestras fronteras, ya que más que una solución contra actos ilícitos, ha impactado de forma negativa el Comercio Formal, el cual aporta al PIB de la nación mediante legítima comercialización de bienes y servicios, la generación de empleo formal, y de su contribución a los impuestos de ley que hacen posible la perpetuación del proceso social del trabajo, y sus beneficios como el aporte al Sistema de Seguridad Social, al INCES y la ley de política habitacional (BANAVIH), entre otros, se lee en el comunicado.

Los representantes del organismos ratifican que la articulación de políticas bilaterales es el mecanismo más efectivo para enfrentar los flagelos del contrabando y otras actividades ilícitas que afectan, por igual, a las dos naciones.

“En este sentido, reiteramos que nuestra frontera no es una mera línea limítrofe, pues en ella hacen vida más de 5 millones de personas, aspecto que la convierte en la más viva de América Latina, y sus habitantes tanto venezolanos como colombianos son los protagonistas día a día de la integración de los pueblos que tanto anhelaba nuestro libertador Simón Bolívar, motivo por el que hacemos votos porqué este proceso de “Normalización Progresiva” de nuestra frontera no se dilate en el tiempo, lo que afectaría de forma negativa y profunda tanto a la población fronteriza como al Comercio Formal”.

Ultima ora

13:40Calcio: Kepa e Odriozola, rinforzi spagnoli per Real Madrid

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Real Madrid è ad Abu Dhabi, dove mercoledì giocherà la seconda semifinale del Mondiale per club, contro l'Al Jazira che nei quarti ha battuto i campioni d'Asia, gli Urawa Red Diamonds giapponesi. La prima semifinale è invece quella domani tra i brasiliani del Gremio e i messicani del Pachuca. Ma a tenere banco in casa merengue è il mercato di gennaio, durante il quale la dirigenza dei campioni d'Europa vorrebbe mettere a segno un paio di colpi. L'orientamento è di puntare su giovani spagnoli, così è già stato raggiunto un accordo con il 23enne portiere dell'Athletic Bilbao, e della nazionale, Kepa Arrizabalaga. Kepa, che non rinnoverà il contratto con l'Athletic avrebbe già raggiunto, secondo quanto scrive 'Marca', un accordo della durata di 6 anni per 2,5 milioni netti a stagione. L'altro obiettivo del Real proviene anch'egli dai Paesi Baschi: si tratta del 21enne laterale destro della Real Sociedad Alvaro Odriozola, che si trasferirebbe nella capitale per giocarsi il posto con Carvajal.

13:33Orlando, Liberi e Uguali non sia bersaglio campagna Pd

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un incontro "non era previsto, ma sicuramente non considero Rossi un avversario politico. O, come dire, non riesco ancora a considerarlo un avversario politico. Quindi, sicuramente sono interessato a capire cosa sta succedendo in quell'ambito, che credo non dovrebbe essere bersaglio della nostra campagna elettorale". Lo ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando, oggi a Firenze nella sede della Regione Toscana, parlando con i giornalisti che gli chiedevano se nell'occasione avrà un colloquio 'politico' con il governatore toscano Enrico Rossi (Liberi e Uguali).

13:33Sicurezza: Milano, al via nuove misure a Palazzo Marino

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Al via le nuove misure di sicurezza a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano. A partire da oggi tutte le persone che entreranno in Comune saranno controllate dai vigili della Polizia locale, che presidiano l'ingresso, con un metal detector portatile. Inoltre saranno controllate borse e bagagli e i documenti di identità. La misura era stata annunciata dal sindaco, Giuseppe Sala, dopo il blitz di CasaPound del 29 giugno scorso nell'aula del Consiglio comunale. (ANSA).

13:29Sud: Gentiloni, condizioni per investire senza precedenti

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Abbiamo condizioni per investire e creare lavoro a Sud che sono di una convenienza senza precedenti". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, parlando al convegno promosso da "Il Mattino", a Napoli.

13:17Maltempo: Rfi, traffico ferroviario critico nel Nord-Ovest

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Traffico ferroviario ancora critico in alcune regioni del Nord-Ovest a causa del maltempo. Lo rende noto Rete Ferroviaria italiana, che ha fatto scattare il piano neve e gelo. In Piemonte la circolazione è fortemente rallentata sul nodo di Torino, in direzione Genova, a causa di un guasto tra le stazioni Lingotto e Porta Nuova. Traffico sospeso sulla Torino-Savona, da San Giuseppe di Cairo, mentre le linee Genova-Milano e Genova-Torino (via Mignanego) sono sospese nel tratto tra Ronco e Arquata Scrivia. Problemi anche alla viabilità, con disagi sulle strade e forti rallentamenti sulle principali autostrade.(ANSA).

13:09Putin in Siria, incontra Assad

(ANSA) - MOSCA, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin ha visitato questa mattina la base aerea russa di Hmeimim, in Siria, dove ha incontrato il presidente siriano Bashar al Assad e il ministro della Difesa russo Serghiei Shoigu. Putin ha ordinato l'inizio del ritiro delle truppe russe dalla Siria. "Negli ultimi due anni - ha dichiarato il leader del Cremlino - le forze armate russe e l'esercito siriano hanno sconfitto il gruppo più combattivo dei terroristi internazionali. A questo proposito - ha proseguito Putin - ho preso una decisione: una parte considerevole del contingente russo schierato nella repubblica araba siriana tornerà a casa, in Russia".

13:06Avvelenati tallio:killer non chiede nessuno,nemmeno genitori

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Non ha chiesto di nessuno, nemmeno dei suoi genitori Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso degli omicidi dei nonni materni e di una zia e del tentato omicidio di nonni materni, due zii e badante di famiglia, tramite somministrazione di solfato di tallio. A renderlo noto è il suo avvocato, Silvia Letterio: "il mio assistito non ha chiesto di nessun parente, nemmeno dei suoi genitori" ha spiegato il legale, proseguendo: "è in cella, dove mi ha detto di aver ricevuto quanto aveva chiesto". Del Zotto, appena arrivato in carcere a Monza, aveva domandato di poter avere alcuni libri sull'ebraismo, religione a cui ha detto di essersi convertito. Al momento non sono previsti imminenti nuovi interrogatori per il 27enne il quale, come ha precisato l'avvocato "non vuole rendere noto come abbia personalmente provveduto" a mettere il tallio negli alimenti dei suoi parenti, anche perché su questo aspetto, ha concluso il legale, "sono ancora in corso indagini".

Archivio Ultima ora