Serie A: la Fiorentina travolge e aggancia l’Inter, Milan ko

Pubblicato il 27 settembre 2015 da redazione

Fiorentina midfielder Josip Ilicic (L) celebrates after scoring (1-0) against Inter goalkeeper Samir Handanovic during the Italian Serie A soccer match between Inter Fc and Ac Fiorentina at Giuseppe Meazza stadium in Milan, 27 september  2015.  ANSA / MATTEO BAZZI

Fiorentina midfielder Josip Ilicic (L) celebrates after scoring (1-0) against Inter goalkeeper Samir Handanovic during the Italian Serie A soccer match between Inter Fc and Ac Fiorentina at Giuseppe Meazza stadium in Milan, 27 september 2015. ANSA / MATTEO BAZZI

ROMA. – La Fiorentina travolge l’Inter a San Siro e aggancia i nerazzurri in vetta alla classifica a 15 punti. Il posticipo finisce 4-1 per la formazione allenata da Paulo Sousa che in meno di 20 minuti rifila tre gol ai nerazzurri (complici errori difensivi e la serata no di Handanovic). Apre le danze Ilicic su rigore dopo appena quattro minuti poi sale in cattedra Kalinic che chiude la serata con una tripletta e alla mezz’ora l’Inter resta anche in 10 per l’espulsione di Miranda. Di Icardi il gol della bandiera per i nerazzurri.

Per la squadra di Mancini primo stop in campionato e un po’ di cose da rivedere. Milan bocciato, Torino e Lazio promosse con merito. In attesa dei posticipi di domani Frosinone-Empoli e Atalanta-Sampdoria, la serie A medita sulla crisi pesante della Juventus e dei successi rigeneranti di Roma e Napoli e riflette sull’ennesimo flop rossonero (tre sconfitte e tre successi finora). Giovani e scapestrati i rossoneri vanno ko col Genoa che si riporta a centro classifica dopo un inizio terribile.

Ma gli encomi vanno al Torino, vincitore in nove di un Palermo sfortunato, e alla Lazio che recupera e vince in dieci a Verona. Restano in quota Sassuolo e Chievo dopo un pari battagliato mentre l’Udinese ribalta la gara in casa del Bologna che ha una situazione sempre piu’ delicata.

Il Milan fallisce il salto di qualità perdendo a Genova per ingenuità e scarsa consistenza. Tutto parte da un doppio giallo di Romagnoli che lascia in dieci i rossoneri proprio mentre cerca di recuperare il vantaggio su punizione di Dzemaili spizzata in barriera. Balotelli si impegna e i rossoneri giocano meglio in dieci ma il Genoa controlla e porta a casa il primo successo dopo tre ko. Per Mihajlovic nuovo smacco, fallisce la scalata alle prime posizioni.

Continua a stupire il Toro dei giovani che si porta da solo al secondo posto: il Palermo cerca di evitare la terza sconfitta ma non ci riesce. Un autogol di Gonzales e una prodezza di Benassi lasciano in orbita i granata, poi l’espulsione di Molinaro e il riscatto di testa di Gonzales rimettono in gioco i siciliani che però non riescono nell’aggancio, anche se lo meriterebbero per i legni colpiti da Trajkovski e Struna.

Impresa in rimonta della Lazio che inguaia il Verona passato in vantaggio con Helander dopo una traversa di Gomez. Ma i biancazzurri attaccano, si mangiano due gol con l’impreciso Djordjevic. Entra Keita che si procura subito un rigore, trasformato magistralmente da Biglia. Poi Mauricio si fa espellere per doppio giallo, ma verso la fine una punizione di Parolo trafigge Rafael e per la Lazio sono tre punti d’oro.

Bella partita e pari finale tra due delle migliori realtà della stagione, Sassuolo e Chievo con gol iniziale di Defrel su conclusione respinta di Floro Flores ma i veneti recuperano con un colpo di testa di Paloschi toccato da Cacciatore in fuorigioco ma con la palla già entrata. Il Sassuolo recrimina poi per un gol annullato a Defrel che alla moviola appare regolare. Entrambe confermano i tanti pregi e rimangono in zona Europa League.

Vittoria in rimonta anche l’Udinese a Bologna: non basta il secondo gol di Munier per arpionare i tre punti. I friulani reagiscono e segnano con Badu (in sospetto fuorigioco) e Zapata. Per il Bologna la situazione comincia a farsi incandescente.

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora