Obama vede Castro, passo avanti verso la fine dell’embargo

Pubblicato il 29 settembre 2015 da redazione

obama-y-raul-castro-celebran-en-la-onu-su-segunda-reunion-bilateral

NEW YORK. – Il gelo, almeno quello, sembra superato. La stretta di mano tra il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il presidente cubano Raul Castro a margine dell’Assemblea Generale dell’Onu a New York, resta un fatto storico, non fosse altro perchè il processo di normalizzazione tra Washington e l’Avana è ancora tutto in corso.

Per Cuba il nodo resta l’embargo: va superato e Obama ha i poteri per farlo, fa sapere Raul. E’ la seconda volta in un anno che i due leader si vedono, faccia a faccia, da quando lo scorso dicembre si è aperto a sorpresa questo nuovo capitolo nella storia complessa delle relazioni tra i due Paesi. Ed è la prima volta in oltre 60 anni che un presidente Usa incontra un presidente cubano sul suolo americano.

Obama e Raul Castro sono sorridenti, si alzano in piedi nel posare per la ‘foto ricordo’, il leader cubano è a suo agio a sufficienza da fare anche una battuta sull’altezza del presidente Usa. Poi si chiudono le porte ai lavori questa volta partecipano anche il segretario di Stato John Kerry, la consigliera per la sicurezza nazionale Susan Rice, e il consigliere Ben Rohdes.

Un’immagine che d’ora in poi potrebbe non risultare più così eccezionale, dopo che Kerry in persona lo scorso agosto è andato all’Avana per issare la bandiera americana sulla ambasciata americana riaperta sull’isola dopo mezzo secolo.

Nella delegazione cubana c’è il ministro degli Esteri Bruno Rodriguez. E’ lui a parlare con i giornalisti a incontro concluso spiegando che sì, l’opportunità di compiere significativi passi avanti nella normalizzazione delle relazioni tra Usa e Cuba durante l’amministrazione Obama è concreta, ma il destino di questo processo è nelle mani di Obama.

Perchè il presidente Usa ha i poteri necessari per sollevare l’ostacolo che ancora sussiste, per eliminare quel “blocco che ha provocato danni e difficoltà al popolo cubano e che influisce sugli interessi dei cittadini americani”, mentre -insiste l’Avana- le decisioni esecutive adottate fino ad ora dal presidente Usa “hanno un valore molto limitato”.

I puntini sulle ‘i’ però, sui passi avanti compiuti nel frattempo, li mette la Casa Bianca, ricordando i cambiamenti introdotti negli Stati Uniti che consentiranno ad un numero maggiore di americani di viaggiare verso Cuba e di fare affari nel Paese, sottolineando come su questi avranno un impatto i progressi nei rapporti diplomatici e le riforme in corso a Cuba, ma ribadendo l’attenzione di Washington per il rispetto dei diritti umani a Cuba.

Così se le strette di mano potrebbero d’ora in poi passare dall’eccezione alla consuetudine, per lo slancio quello vero che accorcia definitivamente le distanze occorre fare i conti con le differenze che sussistono, compresa la richiesta da parte di Cuba per la restituzione del terreno su cui sorge la base Usa di Guantanamo.

(Anna Lisa Rapanà/Ansa)

Ultima ora

21:16Natale: da Chef stellato pranzo gourmet per detenuti Verona

(ANSA) - VERONA, 18 DIC - Pranzo gourmet firmato dallo chef 'bistellato' Giancarlo Perbellini oggi per i detenuti del carcere di Montorio a Verona. Il cuoco veronese stamane è entrato nella Casa Circondariale per un'iniziativa speciale. Perbellini, a capo di ristorante insignito di due stelle dalla Guida 'rossa', ha cucinato insieme alla sua brigata un pranzo per oltre un centinaio tra detenuti e detenute, familiari e volontari del carcere di Montorio, aderendo al progetto nazionale di solidarietà "L'alt(r)A cucina...per un pranzo d'amore". L'iniziativa porta nelle carceri italiane pranzi stellati preparati da grandi chef e serviti da testimonial del mondo dello spettacolo, offrendo ai detenuti una giornata particolare e diversa. "Abbiamo portato un sorriso al palato dei detenuti - ha dichiarato Perbellini - E' stata un'esperienza irripetibile. La brigata è stata fiera di far gustare la nostra cucina a persone molto meno fortunate di noi".

21:00Sudafrica: Cyril Ramaphosa nuovo presidente dell’Anc

(ANSA) - JOHANNESBURG, 18 DIC - E' Cyril Ramaphosa il nuovo presidente dell'African National Congress (Anc), il partito che fu di Nelson Mandela, al potere in Sudafrica. E in questa veste sarà il candidato presidente alle elezioni del 2019 in sostituzione di Jacob Zuma, al secondo e ultimo mandato. Con 2.446 voti, i delegati dell'Anc hanno decretato la vittoria dell'attuale vice presidente del Sud Africa, Cyril Ramaphosa, contro la candidata concorrente, Nkosazana Dlamini-Zuma, ex moglie di Zuma. Ramaphosa, considerato uno degli uomini d'affari più ricchi del Sudafrica, è un veterano della lotta anti-apartheid e fu leader del potente Num (National Union of Mineworkers), il sindacato dei minatori sudafricani che con i suoi scioperi a metà anni Ottanta mise in seria difficoltà il regime segregazionista bianco. Il neo presidente dell'Anc si accredita come il riformatore che tirerà fuori l'economia sudafricana dalla morsa della corruzione nella quale, secondo le accuse, l'ha precipitata il presidente Jacob Zuma.

20:57Morto in incidente gondola, imputato condannato a 10 mesi

(ANSA) - VENEZIA, 18 DIC - Il Tribunale di Venezia ha condannato oggi a 10 mesi di reclusione il gondoliere coinvolto nell'incidente in Canal Grande che il 17 agosto 2013 costò la vita ad un turista tedesco, Joachim Vogel, che si trovava con la famiglia su un'altra gondola, speronata da un vaporetto in manovra. Per l'uomo, Davide Forcellini, il pm aveva chiesto un anno e 5 mesi. Il collegio ha condannato inoltre l'imputato al risarcimento dei danni, che sarà determinato in altra sede, decidendo una provvisionale esecutiva di 200mila euro. La tesi accusatoria, basata sull'analisi di diversi filmati, attribuiva alla gondola manovrata da Forcellini l'inizio di un maxi ingorgo di imbarcazioni che, schivandosi l'una con l'altra nel tratto di Rialto, contribuirono alla tragedia.

20:56Savoia: Franceschini, vicenda chiusa, Pantheon non esiste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "La sepoltura a Vicoforte è la chiusura definitiva della vicenda, non ne apre una nuova. Del resto sono la storia e la memoria a impedire anche solo di prendere in considerazione l'ipotesi di una sepoltura al Pantheon". Lo dichiara il ministro della Cultura Dario Franceschini, interpellato dai cronisti sulla richiesta di parte di casa Savoia di seppellire Vittorio Emanuele III al Pantheon.

20:56Matteoli: Gentiloni, cordoglio governo

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni esprime il suo personale cordoglio e quello del governo ai familiari del senatore Altero Matteoli, tragicamente scomparso oggi. Di Matteoli il premier ricorda la passione politica, la coerenza del suo percorso, il profondo senso delle istituzioni.

20:28Bolivia: Morales candidato per quarto mandato tra proteste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente della Bolivia Evo Morales è stato proclamato candidato per il quarto mandato consecutivo alle elezioni del 2019 dalla base del partito di governo Movimento per il socialismo (Mas) in un grande evento tenutosi a Cochabamba, di fronte a migliaia di sostenitori. Lo riportano media locali. Morales è stato scelto dalle organizzazioni e movimenti che fanno parte del partito. "Missione compiuta, siamo abilitati per le elezioni", ha esclamato Morales all'evento pubblico. Il supporto da parte della sua base popolare arriva due settimane dopo che Morales stesso si è candidato, dopo aver ricevuto l'autorizzazione da parte della Corte costituzionale del Paese per presentarsi alle elezioni. La decisione è stata duramente criticata dagli oppositori, che proprio per esprimere il loro rifiuto alla ricandidatura sono scesi in piazza a migliaia nelle principali città della Bolivia.

20:24Gerusalemme: Abu Mazen, vogliono negare nostra storia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 DIC - "Dichiarazioni recenti puntano a negare la nostra storia, ma questa è la nostra terra e i palestinesi continueranno a lottare in modo pacifico". Lo ha detto il presidente palestinese Abu Mazen incontrando oggi a Ramallah i capi delle Chiese cristiane per gli auguri di Natale. "Il mondo e la legge internazionale riconoscono Gerusalemme est capitale dello stato di Palestina e noi - ha aggiunto, citato dalla Wafa - resteremo uniti nel difendere Gerusalemme, le terre dei cristiani e le dotazioni islamiche". Abu Mazen ha poi sottolineato lo "stretto e costante coordinamento con il regno hashemita di Giordania per quanto riguarda i luoghi santi islamici e cristiani di Gerusalemme, specialmente la Spianata delle Moschee e il Santo Sepolcro". In Consiglio di sicurezza Onu si discute questa sera una Risoluzione contro la decisione di Trump su Gerusalemme.

Archivio Ultima ora