Usa 2016: Hillary la spunta, primo dibattito tv è suo

Pubblicato il 14 ottobre 2015 da redazione

Hillary

NEW YORK. – E’ stato un dibattito vero quello di Las Vegas, il primo tra i candidati democratici alla Casa Bianca. Un duello serrato su tutti i temi di maggiore attualità. Ma un duello “civile”, senza scorrettezze e senza particolari scintille, dominato dal fair play. Ma soprattutto un duello che ha visto come protagonisti assoluti Hillary Clinton e Bernie Sanders.

Lei, che aveva più da perdere, alla fine la spunta agevolmente, finalmente in palla, aggressiva e determinata, ma anche rilassata: “Sono state le sue due ore migliori da quando si è candidata”, commenta il Washington Post.

Ma il “socialista” Sanders sa tenerle testa, mostrando tutta la passione di cui è capace. Gli altri tre candidati – O’Malley, Webb e Chafee – ridotti quasi a comparse.

Che la serata non sarebbe degenerata in scontro duro lo si è capito quando Anderson Cooper, anchorman della Cnn, ha chiesto ad Hillary sullo scandalo delle email: “Gli americani sono stufi di sentir parlare delle tue dannate email”, ha detto Sanders tra gli applausi anche della Clinton, che l’ha ringraziato e gli ha anche stretto la mano.

“Bisogna parlare dei problemi reali”, ha tuonato Sanders. “Stasera sono venuta qui non per parlare delle mie email, ma dei problemi della gente”, aveva reagito poco prima l’ex segretario di Stato. A quel punto qualunque argomento che avrebbe potuto mettere Hillary in seria difficoltà è sparito dal dibattito, compreso quello della commissione sui fatti di Bengasi, dove Clinton dovrà testimoniare il 22 ottobre e che lei liquida come strumento fazioso in mano ai repubblicani del Congresso.

Le cose si mettono così bene che anche il marito Bill, che segue in tv, tira un sospiro di sollievo e twitta a metà dibattito: “Quello che sta accadendo a Las Vegas dimostra che Hillary Clinton è la più qualificata candidata per diventare Potus”, dove Potus è l’acronimo per ‘President of the United States’.

Mentre, sempre su Twitter, Donald Trump, non vedendo la serata trascendere, si dice annoiato: “Stasera sul palco non c’è nessuna star”, commenta.

Hillary parte subito bene, guadagnandosi già nella sua introduzione la prima ovazione della serata, presentandosi come “ex first lady, ex segretario di stato, madre e nonna di una splendida bimba”. E andando immediatamente al cuore del suo messaggio: ognuno in America deve avere una chance, non solo i più ricchi che invece devono finalmente “pagare il giusto”.

Sanders non l’attacca direttamente, ma cerca di pungolarla sulla sua vicinanza con Wall Street e i poteri forti. Quell’ambiente che l’ex hippie, divenuto senatore del Vermont, combatte strenuamente e che – sottolinea – dopo ave causato la crisi dovrebbe pagare per i poveri, l’istruzione, per gli studenti che vanno al college, per i servizi.

L’ex first lady però incassa bene, e respinge le critiche di chi la descrive come “out of touch”, fuori dalla realtà: “Io non sono una che guarda ai suoi interessi personali, ma sono una progressista a cui piace che le cose vengano fatte”. Frecciata a Sanders criticato spesso per i suoi toni più populisti.

“Non voglio essere votata perché mi chiamo Clinton – insiste Hillary – ma per quello che ho fatto in passato”. E – aggiunge – per evitare che alla Casa Bianca arrivi un repubblicano che ci riporti indietro rispetto all’era Obama. Perché Hillary sceglie di porsi in continuità con l’attuale presidente: “Bisogna andare oltre Obama”, sottolinea, ma fa capire che l’eredità di Barack sarà il suo punto di partenza su molte cose.

“Quali le differenze con Obama? Avere una donna presidente è già una differenza”, replica quando si cerca di stuzzicarla su questo argomento.

I momenti di maggiore scontro con Sanders sono la politica estera, le armi e il programma di spionaggio della Nsa. Sulla lotta all’Isis in Siria, Hillary manda un messaggio chiaro a Mosca: “Non accetteremo mai che Putin crei il caos”. Ribadisce di sostenere la ‘no fly zone’, mentre Sanders dice no ai “pantani militari”.

E se l’ex first lady dichiara guerra alla potente lobby della armi, la Nra, Sanders spiega che serve una soluzione “di buon senso”, mentre afferma che da presidente cancellerebbe subito il programma di spionaggio della Nsa. Quello che Hillary di fatto approvò votando il Patriot Act dell’era Bush e post 11 settembre.

Papa Francesco torna invece ad unire sul tema dei cambiamenti climatici. A citarlo è Sanders, che parla di “questione morale”. E Hillary è d’accordo. Alla fine lei ha parlato oltre 30 minuti, tre volte di più di Chaffee. Sanders 28 minuti.

Per ora, in attesa che Joe Biden decida, è una partita a due.

(di Ugo Caltagirone e Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora