Pazza Roma, si esalta ma rovina tutto nel finale

Pubblicato il 20 ottobre 2015 da redazione

Daniele De Rossi of AS Roma scores his first goal during the UEFA Champions League match between Bayer Leverkusen and AS Roma, in Leverkusen, Germany, 20 October 2015.  EPA/MARIUS BECKER

Daniele De Rossi of AS Roma scores his first goal during the UEFA Champions League match between Bayer Leverkusen and AS Roma, in Leverkusen, Germany, 20 October 2015. EPA/MARIUS BECKER

ROMA. – Pazza, pazza Roma. A Leverkusen rischia di straperdere, poi si trova sul punto di stravincere, alla fine pareggia 4-4. Da 0-2 a 2-2 a 4-2, prima di ‘subire’ il 4-4 finale. Gol ed emozioni, contestazioni e svarioni difensivi. Ma anche belle giocate. E’ un condensato di sensazioni forti, la sfida della BayArena, che tiene ancora in corso i giallorossi per la qualificazione agli ottavi di Champions.

La Roma ha dimostrato di essere squadra, perché ha avuto la forza di risorgere dalla propria sofferenza, prima di veder naufragare tutti gli sforzi che fino ad allora aveva compiuto. Remando controvento, e dimostrandosi più forti del doppio vantaggio iniziale del Bayer Leverkusen, che li aveva messi al tappeto, Gervinho e compagni si erano tirati fuori dal baratro, ma il capolavoro è stato annullato dalla controrimonta dei tedeschi che, sotto di 4-2, in un minuto e mezzo, hanno acciuffato un pari insperato. E a pochi minuti dal 90′.

Già il primo tempo è vietato a chi soffre alle coronarie: quattro gol e un’alternanza di episodi che tengono col fiato sospeso. Passano appena 3′ e i tedeschi conquistano un rigore con Calhanoglu che, da dentro l’area cerca di indirizzare a Javier Hernandez, ma fra i due c’è un braccio di troppo (quello di Torosidis) che interrompe l’azione: è rigore. Hernandez trasforma e fa esplodere la BayArena, firmando l’1-0.

La Roma accusa il colpo e, in modo molto confuso, tenta di riportarsi in avanti. Al 13′ lancio di Pjanic per Gervinho, che scatta sul filo del fuorigioco, ma viene anticipato da Leno. I giallorossi insistono, il Bayer si affida al pressing e alle ripartenze.

La Roma, però, fa fatica a impostare e Digne paga il conto, con un retropassaggio che coglie in contropiede De Rossi, il pallone perviene a Hernandez che si fa ribattere la prima conclusione da Szczesny e poi lo infila: 2-0.

Sembra fatta per i padroni di casa, ma la Roma ha sette vite e, persa per persa, si tuffa nella 16 metri avversaria. E viene premiata. De Rossi, infatti, accorcia le distanze, raccogliendo da pochi passi dalla porta un pallone in cerca d’autore. La ‘ciabattata’ del mediano supera appena portiere e linea, insaccandosi.

Il gol rigenera la Roma, che si tuffa in avanti, ma rischia di subire al 32′, cross di Kramer dalla destra, con Szczesny che sfiora appena il pallone e il ‘Chicharito’ che manda alto di testa. Al 33′ la squadra di Garcia reclama un rigore, quando Papadopoulos incrocia Gervinho, che finisce a terra in area: l’arbitro lascia correre e De Rossi si fa ammonire per proteste.

Al 38′ De Rossi replica, firmando il pareggio con una deviazione di ginocchio, su perfetta punizione di Pjanic. La raggiunge i tedeschi e va negli spogliatoi a testa alta, con la consapevolezza di avere stravolto l’inerzia della partita.

La ripresa si apre nel segno della Roma che già al 4′ potrebbe passare, ma Leno compie un mezzo miracolo su una deviazione suicida di Donati. Il portierone tedesco concede il bis al 7′ quando ipnotizza Gervinho al culmine di una delle sue percussioni. Passano altri 2′ e i giallorossi ribaltano il match, mettendo a segno il 3-2 con una magnifica punizione di Pjanic – una delle tante – che scavalca la barriera e non lascia scampo a Leno. Partita finita?

Nemmeno a parlarne. Il Bayer chissà dove trova la forza per rituffarsi nell’area della Roma e, in 90 secondi, raggiunge gli avversari, con una prodezza dalla distanza di Kampl e una deviazione ravvicinata di Mehmedi, che fanno esplodere la BayArena, sempre più confusa e felice. Un 4-4 fra orgoglio e follia.

Ultima ora

19:29Inter: Spalletti “Abbiamo sbagliato la ripresa”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Dispiace sicuramente aver perso, un po' di più perché è passato un po' di tempo dall'ultima e non eravamo più abituati". E' amareggiato il tecnico dell'Inter, Luciano Spalletti, dopo il primo ko stagionale, contro l'Udinese. "Ma ce la siamo un po' andati a cercare - le sue parola a Premium - perché nel 2/o tempo abbiamo sbagliato troppo, siamo stati timidi e poi loro sono stati bravi, hanno fatto valere la loro fisicità. Oggi non ci è girata tanto bene". Spalletti esclude che il ko possa essere 'figlio' di un calo fisico: "No, assolutamente. L'aspetto fisico mi è sembrato a posto ma nella ripresa abbiamo sbagliato molto tecnicamente e dove abbiamo aumentato la distanza tra i reparti. La differenza l'ha fatta la gestione errata della palla. Il gruppo in testa ha fatto un girone d'andata tutto in volata, è stato uno sprint continuo. Ora chiaramente chi si siede un attimo rischia di essere superato. Noi non volevamo questo, eravamo convinti di fare un'altra prestazione che evidenziasse la nostra crescita".

19:11Studi a rischio per figli teste giustizia, programma mirato

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 16 DIC - Due giovani studenti, impossibilitati a frequentare le lezioni perché figli di un testimone di giustizia e a rischio di perdere l'anno scolastico, hanno seguito un programma mirato di formazione che alterna lezioni domiciliari ad attività didattiche a distanza. E' la soluzione - resa nota dalla Prefettura di Reggio Calabria - trovata grazie alle sinergie istituzionali che si sono attivate dopo la segnalazione di un sacerdote. Le linee guida operative obbligano all'adozione di rigide misure di sicurezza, per cui gli studi dei due ragazzi erano a rischio. Dopo la segnalazione ricevuta l'istituto scolastico reggino e l'Ufficio scolastico provinciale, è stato avviato un dialogo per individuare le più idonee soluzioni per garantire le esigenze di protezione con quelle del diritto allo studio ed alla formazione. "Le buone prassi devono diventare la regola: anche per questo è importante che il Senato approvi definitivamente la riforma sui testimoni di giustizia, commenta il deputato Pd Davide Mattiello.

19:05Trasferimento beni: giudizio immediato per Massimo Nicoletti

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Richiesta di giudizio immediato della Procura di Roma per Massimo Nicoletti, figlio di Enrico, quest'ultimo ritenuto dagli inquirenti l'ex cassiere della banda della Magliana. Il pm Luca Tescaroli gli contesta l'accusa di trasferimento fraudolento di beni finalizzato ad eludere la normativa antimafia in materia di misure di prevenzione patrimoniale. La richiesta di immediato è estesa anche a Mario Mattei, considerato un prestanome di Nicoletti. Il gip Flavia Costantini ha fissato la data del 14 febbraio prossimo per l'esame della richiesta. I due imputati avranno facoltà di chiedere di essere giudicati con il rito abbreviato.

18:50Calcio: Serie B, vincono Palermo e Bari

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Palermo batte la Ternana e conserva il primo posto nella classifica di serie B dopo 19 giornate, inseguito a tre punti dal Bari, vittorioso a Perugia. Il Cesena frena il Parma, che scivola al terzo posto accanto al Frosinone, che a sua volta pareggia, a Carpi. Un punto a testa anche per Empoli e Cremonese. Risultati: Foggia-Venezia 2-2 (ieri); Avellino-Ascoli 1-1; Carpi-Frosinone 1-1; Cremonese-Empoli 1-1; Entella-Salernitana 0-2; Palermo-Ternana 1-0; Parma-Cesena 0-0; Perugia-Bari 1-3; Pro Vercelli-Spezia 0-2. Domani si giocano Brescia-Cittadella e Pescara-Novara.

18:45Corea Nord: ‘ha hackerato milioni Bitcoin’

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - L'intelligence sudcoreana è convinta che ci sia Pyongyang dietro gli attacchi hacker alle criptovalute, in particolare Bitcoin, e che Pyongyang abbia così accumulato milioni in valuta virtuale. Lo riferisce la Bbc. Almeno 7 milioni di dollari sono stati rubati, oggi hanno un valore decuplicato di 82,7 milioni. Inoltre, gli hacker si sono impadroniti dei dati personali di almeno 30.000 persone. Secondo gli esperti, l'obiettivo dell'attacco è quello di evadere le sanzioni fiscali a cui è sottoposto la Corea del Nord. Da tempo si sospetta che Kim Jong-un abbia accumulato un presunto tesoretto di Bitcoin da usare contro le pesanti sanzioni imposte al Paese.

18:38Pd: lascia “millennial” Vichi, aveva picchiato arbitro

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Siccome "ho sempre messo davanti il bene del partito rispetto al destino personale, decido di compiere un gesto di responsabilità dimettendomi da componente della Direzione Nazionale con la promessa che il mio impegno nel Pd e nei Giovani Democratici prosegue con generosità e altruismo". Così Gianluca Vichi, il giovane "millennial" cooptato nella segreteria nazionale del Pd annuncia il suo passo indietro dopo il "gesto brutto che ho commesso in un campo di calcio" nelle Marche "durante una partita di calcio". Vichi infatti, durante l'incontro, aveva dato una ginocchiata all'arbitro.

18:30Calcio: serie A, Inter-Udinese 1-3

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - L'Inter cade in casa, prima sconfitta del campionato, nel primo anticipo della 17/a giornata di serie A, battuta 3-1 dall'Udinese. La squadra bianconera è andata in vantaggio al 14' con Lasagna, ma dopo solo due minuti Icardi (17 reti in campionato) ha pareggiato. L'Inter non è riuscita a completare la rimonta e a inizio ripresa è avvenuto l'episodio forse decisivo, con intervento della Var: su cross di Widmer la palla ha impattato sul braccio aperto di Santon in area, ma l'arbitro Mariani ha dato rimessa dal fondo prima di cambiare idea grazie al video. Accertatosi che il pallone non era uscito, ha concesso il rigore, trasformato da De Paul al 16'. Al 25', terzo gol dell'Udinese su contropiede finalizzato da Barak e l'Inter non è riuscita a reagire.

Archivio Ultima ora