Petrolio: Opec centra target, la produzione Usa ai minimi

Pubblicato il 21 ottobre 2015 da redazione

shale-oil-monterey-california-drilling

ROMA. – Non tagliare le quote di produzione e far precipitare i prezzi per mettere fuori gioco lo shale oil americano, la cui estrazione è più cara rispetto ai metodi tradizionali. La strategia Opec, non dichiarata ma evidente, ha dato i suoi frutti se, come emerge dai dati citati dall’agenzia Bloomberg, la produzione Usa, che ha raggiunto un picco a gennaio, è ormai tornata ai livelli del novembre 2014, quando il Cartello decise di non tagliare le quote. A pagare cara questa politica di prezzi bassi, però, sono anche i Paesi Opec più fragili, Venezuela in testa.

Guardando il grafico dei prezzi fornito dall’Energy information administration, l’ente che diffonde le statistiche petrolifere ufficiali negli Stati Uniti, dal picco di giugno 2015 si assiste a un crollo di produzione di circa 500mila barili al giorno, ai 9,1 milioni di barili del 9 ottobre scorso.

Secondo le stime dell’Agenzia internazionale dell’energia, inoltre, l’emorragia di barili si aggraverà il prossimo anno, quando la produzione scenderà sotto il livello di novembre 2014, per arrivare poco sopra gli 8,8 milioni. A beneficiarne saranno ovviamente i Paesi Opec, con una domanda che dovrebbe salire a 31,1 milioni di barili contro i 29,3 del 2014.

“La loro strategia – commenta Miswin Malesh, analista di Barclays – sta funzionando. Adesso significa dolori, ma nel medio e lungo termine raccoglieranno i frutti di un mercato più bilanciato, forniture di shale più contenute, domanda crescente di petrolio e, alla fine, prezzi più alti”.

I ‘dolori’ di cui parla l’analista sono particolarmente avvertiti dai cosiddetti “cinque fragili”, vale a dire Algeria, Iraq, Libia, Nigeria e Venezuela, le cui deboli economie hanno mal sopportato un anno di prezzi sotto i 50 dollari. Il prezzo medio del paniere Opec, infatti, è stato del 46% inferiore a quello del 2014, con una perdita di valore dell’export di circa 370 miliardi di dollari.

Particolarmente in crisi appare il Venezuela, che infatti chiede con insistenza una revisione della strategia del Cartello. Il presidente Nicolás Maduro ha detto in tv che il ministro del Petrolio, Eulogio Del Pino, in occasione degli incontri tra membri Opec e altri produttori “presenterà le prove” della necessità di un cambio di rotta.

Invece nell’incontro che si è svolto ieri a Vienna tra Opec e gli altri Paesi produttori di petrolio al di fuori del Cartello non si è parlato di taglio delle quote di produzione o di stabilire un target per il prezzo del greggio. Lo ha riferito all’agenzia Bloomberg Ilya Galkin, del ministero dell’Energia russo.

Il Venezuela ha invece proposto un vertice tra i capi di Stato dei Paesi Opec e degli altri produttori per discutere dei prezzi e trovare l’equilibrio necessario agli investimenti per gli approvvigionamenti futuri. Secondo il ministro venezuelano Eulogio del Pino “un equilibrio” dei prezzi intorno a 88 dollari al barile è necessario per assicurare lo sviluppo di nuove risorse.

Il 4 dicembre prossimo a Vienna “ci sarà una riunione dei Paesi produttori di petrolio dell’Opec sull’opportunità di tagliare o meno la produzione mondiale di petrolio”: così il ministro del petrolio del Kuwait, Ali Al-Omair, in visita al padiglione del Paese a Expo.

Il tema “è da affrontare insieme a tutti i Paesi produttori del mondo, non solo quelli Opec – ha detto -. Siamo parte dell’Opec che oggi produce il 30 per cento della produzione mondiale, il nostro ruolo come Kuwait è quello di essere solidali con i nostri colleghi e costruire una strategia che stabilisca i prezzi migliori per i produttori e i consumatori. Il 4 dicembre speriamo di arrivare a una decisione di cui beneficeremo tutti”.

“Il nostro problema, che stiamo affrontando – ha aggiunto – è che alcuni produttori fuori dall’Opec vogliono che soltanto noi ci assumiamo lo svantaggio di diminuire la nostra produzione ma noi non possiamo assumere questo rischio da soli – ha detto -. Speriamo che per quella data si decida se mantenere il tetto dei 30 milioni di barili al giorno o se c’è qualche obiettivo oltre a questo”.

Il governo del Kuwait “ha diversi obiettivi: la prima sfida è raggiungere una produzione interna di 4 milioni di barili al giorno (dai 3 milioni attuali) entro il 2020 e contemporaneamente fissare un prezzo del petrolio che sia stabile e ragionevole sia per i produttori che per i consumatori” ha concluso.

Ultima ora

19:37Sfida tra barbieri più vecchi d’Italia

(ANSA) - CAGLIARI, 14 DIC - "L'età anagrafica non è un'opinione". Scherza Antonio Cardia, 90 anni compiuti il 23 ottobre, ma rivendica con fierezza il suo primato: quello del barbiere più longevo d'Italia. "Con l'età non si scherza - sorride mentre fa la barba ad un cliente nel suo salone di via Cimarosa, a Cagliari - con i miei 90 anni e 81 di professione a tutti gli effetti sono l'artigiano di barba e capelli più anziano, naturalmente fino a prova contraria", mette le mani avanti. Ha iniziato prestissimo Antonio. Aveva nove anni quando suo padre lo ha messo in bottega ad imparare il mestiere. A 18 anni, poi, si é messo in proprio. Ancora oggi serve quei pochi clienti che si affacciano al suo salone. Li accoglie col sorriso anche se il suo stato di salute non è più come quello di un tempo. Nel suo salone sono passate anche le vecchie glorie del Cagliari, Albertosi, Domenghini, Boninsegna, Brugnera. "Son venuti alcuni amici a dirmi che il barbiere più longevo d'Italia sarebbe Sergio, di Brescello, in Emilia Romagna, ma non è proprio così, se lui ha 83 anni ed esercita dall'età di 10, fanno 73 anni di lavoro. Ne mancano otto - dice sfoderando un altro dei suoi sorrisi - e io ne ho sette in più, gli auguro di superare il mio primato, con tutto il cuore. Anzi lo invito in Sardegna per visitare il mio salone. Lui é più giovane e può affrontare anche il disagio di un viaggio e qui il clima è sempre bello. Colgo l'occasione di questa bella storia di Sergio, che mi ha commosso, per esprimere la mia solidarietà a lui e alla popolazione colpita dall'alluvione".

19:35India: scontro armato in Telangana, uccisi 8 maoisti

(ANSA) - NEW DELHI, 14 DIC - Otto militanti maoisti sono stati uccisi oggi in uno scontro a fuoco con le forze di sicurezza nello Stato indiano centrale di Telangana. Lo riferisce il quotidiano The Indian Express. Nella sua pagina online il giornale precisa che lo scontro si è svolto nel villaggio di Tekulapalli del distretto di Bhadradri Kothagudem e che, cominciato ieri sera, si è concluso solo all'alba di oggi. Secondo la polizia il drappello di militanti era formato da 17 uomini, di cui otto sono morti nella battaglia mentre altri nove sono riusciti a fuggire. Da anni formazioni maoiste, che vengono conosciute in India come 'naxaliti', contrastano le forze di sicurezza in una decina di Stati della cosiddetta 'fascia rossa' orientale che dal Bihar a nord si spinge fino al Telangana.

19:29Fiorentina: Corvino, siamo in un bel momento

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - ''La vittoria di ieri è stata il 5/o risultato utile di fila, aver superato il turno davanti alla nostra gente contro un avversario come la Sampdoria è stato un momento molto bello, speriamo ne possano arrivare altri''. Così il dg dell'area tecnica della Fiorentina, Pantaleo Corvino, oggi a nel carcere di Sollicciano per partecipare al progetto Uisp 'Sport in libertà'. ''Per noi sarà una stagione utile per capire quanto sono forti le fondamenta messe per il futuro. I Della Valle? Non sono presenti fisicamente ma sentiamo la loro vicinanza''. Intanto la squadra è tornata ad allenarsi per preparare la gara col Genoa. Tra i più attesi l'ex Simeone e il centrocampista francese Veretout reduce dalla doppietta di ieri, fra gli acquisti più positivi dell'ultimo mercato. ''Quando ho puntato su di lui era già per me un calciatore affermato - ha detto Corvino - Fa piacere che tanti stiamo scoprendo le sue potenzialità e quelle di altri nostri giocatori: nostro compito è far innamorare dei nuovi arrivati''.

19:28Siria: ong, 23 civili uccisi in raid Coalizione Usa

(ANSAmed) - BEIRUT, 14 DIC - Ventitré persone imparentate tra loro, di cui otto bambini o adolescenti minorenni, sono stati uccisi in un raid compiuto da aerei della Coalizione internazionale a guida Usa in un villaggio nell'est della Siria, secondo quanto riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). Il bombardamento è stato compiuto sul villaggio di Al Jerthi, nella provincia di Deyr az Zor, in appoggio alle milizie a maggioranza curda che combattono l'Isis.

19:27Scomparsa nell’Aretino: pena ridotta a 25 anni per frate

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - La corte d'assise d'appello di Firenze ha rimodulato la pena per padre Gratien Alabi a 25 anni di reclusione. Il religioso era stato condannato in primo grado a Arezzo a 27 anni per l'omicidio e l'occultamento di cadavere di Guerrina Piscaglia, la 50enne scomparsa il primo maggio 2014 da Ca Raffaello, la località dell'Appennino aretino dove la donna viveva e dove il religioso prestava servizio nella locale parrocchia.(ANSA).

19:20New York Times, editore Sulzberger passa timone al figlio

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Cambio della guardia generazionale al New York Times: Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'editore Arthur Ochs Sulzberger Jr., prenderà dal primo gennaio il posto del padre alla guida della Old Grey Lady. Lo ha annunciato oggi lo stesso New York Times. Sulzberger padre ha 66 anni, era editore Times dal 1992 e resterà come presidente della New York Times Company: "Non e' un arrivederci - ha annunciato allo staff - ma dal primo gennaio la grande nave che è il New York Times avrà A.G. al timone".

19:18Francia: scontro treno-scuolabus, 2 morti e 7 feriti

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - Uno scuolabus è stato investito da un treno nei pressi di Perpignan, nel sud-est della Francia, non lontano dal confine spagnolo. Secondo TF1, il bilancio provvisorio è di 2 morti e 7 feriti gravi. L'incidente è avvenuto nel comune di Millas, sull'asse ferroviario Perpignan-Villefranche de Conflent, intorno alle 16.00. Tra le vittime, precisa TF1, ci sarebbero anche dei bambini.

Archivio Ultima ora