Al Festival della Diplomazia il punto sull’emigrazione italiana

emigrazione

ROMA. – Si è tenuto a Roma, nell’ambito del Festival della Diplomazia, il panel ‘Il valore dell’emigrazione: il contributo delle Comunità Regionali al progresso e allo sviluppo dei Paesi Ospitanti’.

L’incontro – realizzato in collaborazione con il “Centro per la Promozione del Libro” – è stato un’occasione per fare il punto sul contributo che i connazionali danno ai paesi in cui risiedono e lavorano.

“L’immigrazione, di cui si parla tanto oggi, e l’emigrazione sono due facce della stessa medaglia”, ha detto Gianni Lattanzio, dell’associazione Dialoghi. “Appuntamenti come questo servono per capire come questo fenomeno possa aiutare a far crescere il sistema Paese”.

Se infatti perdura lo stereotipo dell’italiano che parte con la valigia di cartone in mano, la globalizzazione ha portato nuove spinte all’esigenza di viaggiare e costruirsi un futuro.

“Il lavoro resta il punto focale”, analizza Flaminio Di Biagi, scrittore e docente di Italianistica presso la Loyola University di Chicago. “Chi parte lo fa sempre un po’ forzatamente: se una volta se ne andavano i braccianti oggi lo fanno i laureati. Però, va detto, gli emigranti, più che esempi negativi, sono esempi positivi, sono imprenditori di se stessi che partono guardando al futuro”.

Per cento che ‘cadono’ lungo la strada che porta al sogno, altri, a volte molti, ce la fanno e diventano essi stessi alfieri della ‘buona Italia’.

“Ecco – aggiunge Pasquale Mastracchio, Presidente dell’UNAR – quel che dobbiamo imparare, forse, è essere più solidali gli uni con gli altri, soprattutto fra comunità di italiani all’estero”. Anche questo un modo per fare sistema .

Al panel sono intervenuti anche Piercamillo Falasca, economista e saggista, Claudio Pacifico, già Ambasciatore d’Italia in Egitto, Libia, Sudan e rappresentante presso la Lega Araba, Roberto Ruberti, Presidente AIDE, Associazione Italiani d’Egitto, Fabio Porta, onorevole e Presidente Comitato permanente Italiani nel mondo e promozione del Sistema Paese della Camera dei Deputati, Aldo di Biagio, senatore e componente del Comitato per le Questioni degli Italiani all’estero e Tiziana Grassi, direttore “Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel Mondo” (DEMIM).