Frosinone, con il Carpi 3 punti d’oro targati Dionisi

Frosinone Calcio's Paolo Sammarco, celebrates after scoring the 2-1 goal, during Italian Serie A soccer match, Frosinone Calcio vs Carpi FC, at the Matusa stadium in Frosinone, Italy, 28 October 2015. ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI
Frosinone Calcio's Paolo Sammarco, celebrates after scoring the 2-1 goal, during Italian Serie A soccer match, Frosinone Calcio vs Carpi FC, at the Matusa stadium in Frosinone, Italy, 28 October 2015.               ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI
Frosinone Calcio’s Paolo Sammarco, celebrates after scoring the 2-1 goal, during Italian Serie A soccer match, Frosinone Calcio vs Carpi FC, at the Matusa stadium in Frosinone, Italy, 28 October 2015. ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI

FROSINONE. – Una serata magica targata Dionisi, questa volta all’asciutto ma protagonista in veste di rifinitore delle due reti con cui il Frosinone ha battuto il Carpi nello scontro salvezza del Matusa. Il Frosinone ha vinto sul filo di lana contro un rivale che ha tenuto il campo fino alla fine.

Dopo la beffa nel recupero, al 93′, contro il Bologna, per la squadra di Sannino è arrivata un’altra tegola a Frosinone con la rete decisiva di Sammarco subita al 91′. I ciociari hanno patito molto l’assenza in cabina di regia di Gucher, perdendo una marea di palloni in uscita dalla loro area, e favorendo in questa maniera l’azione del Carpi.

Ma alla fine la terza vittoria in campionato è comunque arrivata e con questo risultato la squadra di Stellone crea un piccolo solco sul terzetto di coda, composto dallo stesso Carpi, dal Verona e dal Bologna.

Nei primi 45′ minuti come gioco il Carpi si è fatto preferire pur non creando grattacapi a Leali. Il Frosinone invece ha avuto un paio di fiammate con Dionisi, che però ha peccato di egoismo avendo ignorato Soddimo, che era solo davanti al portiere avversario, e Daniel Ciofani.

Nella ripresa, come già avvenuto con Empoli e Sampdoria, il Frosinone ha cambiato ritmo sbloccando il risultato al 6′ con Chibsah che ha indovinato il corridoio su Dionisi. Quest’ultimo, di tacco, ha pescato Daniel Ciofani davanti a Belec, e per la punta della squadra di casa è stato facile segnare il suo primo gol in serie A.

Il Carpi ha reagito subito, complice una incomprensione fra Leali e i suoi difensori, e ha sfiorato il pareggio. Ma al 18′ arriva il raddoppio del Frosinone con Paganini, su pallone non trattenuto da Belec: l’azione sembra regolare ma Damato annulla su segnalazione dell’assistente di porta Del Giovane.

Al 27′ scoppia un parapiglia davanti alla panchina di Sannino. Alla fine pagano Boriello con il rosso diretto e Soddimo con il secondo giallo. Questa decisione penalizza di più il Carpi, ma gli ospiti pareggiano ugualmente con un’azione di Marrone al 22′: contrasto vincente su Blanchard, troppo morbido nell’occasione, e tiro secco che supera un Leali non proprio impeccabile in questa occasione.

Il Carpi non arretra e prova ad affondare i colpi, il Frosinone a sua volta replica, e le due squadre sono decisamente allungate.

Il finale premia gli uomini di Stellone, grazie a Sammarco, appena entrato, che piomba come un falco nell’area del Carpi e sul pallone filtrante di Dionisi, ancora lui, ‘di punta’ realizza una rete che vale doppio. Per il Carpi è una beffa, per il pubblico del Matusa è invece l’apoteosi.