La Turchia spaccata sceglie tra Erdogan e il nuovo corso

Pubblicato il 30 ottobre 2015 da redazione

Turkish Prime Minister and Presidential candidate Recep Tayyip Erdogan acknowledged cheers of supporters during an election rally in Konya, Turkey, 09 August 2014.

Turkish Prime Minister and Presidential candidate Recep Tayyip Erdogan acknowledged cheers of supporters during an election rally in Konya, Turkey, 09 August 2014.

ISTANBUL. – In una foto apparsa su molti quotidiani turchi Recep Tayyip Erdogan, affacciato dal balcone del suo faraonico palazzo presidenziale ad Ankara, saluta il popolo lontano centinaia di metri per celebrare la festa della Repubblica.

È l’istantanea di un uomo solo al comando intorno a cui si decide il destino di un Paese intero. La Turchia che domenica torna alle urne è chiamata ancora una volta a un referendum su di lui. Perché anche se non è candidato, al centro della scena c’è sempre il ‘presidente-sultano’.

Dopo che a giugno il suo Akp non è riuscito per la prima volta dal 2002 a ottenere una maggioranza sufficiente a governare da solo, molti analisti suggerivano che non avrebbe mai accettato una coalizione. Così è stato.

In questi cinque mesi, la Turchia ha vissuto un’escalation di violenza e tensioni come non accadeva da almeno vent’anni. Prima la strage di Suruc, con 33 attivisti filo-curdi uccisi da un kamikaze dell’Isis. Poi l’esplosione del nuovo conflitto con il Pkk curdo, con oltre 150 soldati e duemila guerriglieri morti e il sud-est del Paese in stato d’assedio tra bombe e coprifuoco. Fino alla strage di Ankara, il più sanguinoso attentato terroristico della storia turca ad appena 20 giorni dal voto.

Tutto questo mentre l’Europa guardava allarmata a un Paese trasformato nel crocevia del più grande afflusso di profughi dalla seconda guerra mondiale. È in questo clima che Erdogan chiede ai turchi di tornare a scegliere un governo monocolore dell’Akp che riporti “la stabilità e la fiducia vissuta per 13 anni”.

Al voto arriva però un Paese sempre più spaccato. “Siamo a un bivio. La Turchia andrà verso un sistema di potere con un uomo solo e un regime oppressivo e dittatoriale oppure andrà verso la strada che porta alla democrazia”, dice nel suo ultimo appello Selahattin Demirtas, il leader del partito filo-curdo Hdp che entrando a giugno in parlamento ha sconvolto i piani di Erdogan.

Se, come indicano tutti i sondaggi, anche stavolta riuscirà a superare la soglia di sbarramento-monstre al 10%, le chance dell’Akp di tornare a governare da solo saranno scarse.

Dopo lo schiaffo di giugno, quando il presidente puntava a una maggioranza dei 2/3 per introdurre un presidenzialismo forte sotto la sua guida, le previsioni indicano che pochi elettori hanno cambiato idea. Il suo Akp, guidato da Ahmet Davutoglu, è accreditato tra il 39 e il 43%, il socialdemocratico Chp di Kemal Kilicdaroglu è stimato al 25-28% e il nazionalista Mhp di Devlet Bahceli al 13-15%. Più o meno, tutto come prima.

Ma sul voto peserà l’incognita della sicurezza nel sud-est curdo, da cui il governo avrebbe voluto spostare i seggi.

Negli ultimi giorni è arrivata anche l’ennesima stretta sulla stampa di opposizione, con tv e giornali ostili a Erdogan e legati al suo ex alleato Fethullah Gulen censurati e commissariati.

Nelle urne resta forte anche l’allarme brogli. Ogni voto peserà come un macigno, perché come ha detto oggi il premier ad interim, Davutoglu, la Turchia “non potrebbe tollerare una nuova elezione”.

(di Cristoforo Spinella/ANSA)

Ultima ora

21:39Gerusalemme:Casa Bianca, Trump resta impegnato su pace

(ANSA) - WASHINGTON, 13 DIC - Trump "resta impegnato per la pace come sempre": lo ha ribadito la Casa Bianca dopo l'annuncio dei palestinesi che non riconosceranno più il ruolo degli Usa nel processo di pace con Israele. Una fonte dell'amministrazione ha osservato che "questa retorica ha impedito la pace per anni". La Casa Bianca, ha aggiunto, continuerà a lavorare duro "per elaborare il suo piano, di cui beneficeranno sia il popolo israeliano sia quello palestinese". Un piano che sarà svelato "quando sarà pronto e il momento sarà giusto".

21:38Gerusalemme: Iron Dome intercetta 2 razzi da Gaza

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Il sistema antimissili Iron Dome ha intercettato "con successo" due razzi lanciati dalla Striscia di Gaza verso Israele. Lo ha riferito il portavoce militare israeliano.

21:34Tribunale, Inps eroghi premio nascita a tutte le madri

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Ha "carattere discriminatorio" la condotta dell'Inps "consistente nell'aver introdotto requisiti non previsti dalla legge del 2016 per poter beneficiare del cosiddetto 'premio alla nascita'" come il permesso di soggiorno di lungo periodo. Il premio va quindi esteso "a tutte le future madri" straniere "regolarmente presenti in Italia che ne facciano domanda". Lo ha deciso il giudice del Tribunale civile di Milano accogliendo il ricorso di APN - Avvocati per niente Onlus, A.S.G.I. Associazioni Studi Giuridici sull'Immigrazione e Fondazione Guido Piccini per i Diritti dell'Uomo Onlus.

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

Archivio Ultima ora